Passa ai contenuti principali

Cleto Munari e Carlo Scarpa, un connubio seducente

Scrive Giuseppe Mazzariol : "Come e quando si sia inventato il personaggio 'Cleto Munari', non mi è dato di saperlo con certezza. Forse già da ragazzo aveva il gusto di inventare giochi per gli altri; di suggerire, a chi avesse il dono di fare, qualcosa che lui pensava bello per sé e per gli altri. Lui dice che l'idea di commissionare un oggetto a un artista l'ha avuta dopo l'incontro a Vicenza con Carlo Scarpa

Vedendolo vivere alla villa Valmarana, muoversi e disegnare ha intuito quanto fosse straordinaria e bellissima quell' esistenza e come forse sarebbe stato possibile fermare per sempre uno dei suoi gesti, farne un oggetto prezioso e utile per tutti. Il muoversi delle sue mani suggeriva forme eleganti. Da quell'incontro, e dal sodalizio che ne nacque, ebbero origine i primi oggetti voluti da Cleto, inventati e realizzati da Carlo.

E questo fu l'inizio dell'avventura. Imperterrito Munari non ebbe dubbi che poteva essere un modo per entrare nel mondo del design, lui non era un industriale alla ricerca di un look di successo per i suoi prodotti. Si sentiva soltanto un committente di una indefinita e possibile teoria di oggetti. Oggetti utili e di alta qualità formale, in materiali pregiati. Oggetti che portavano dentro alle stanze della casa un messaggio linguistico definito e subito decifrabile. 

Fu così che nacque la collezione di Cleto Munari

Oggi si può dire che tutti gli architetti più noti di questa stagione artistica hanno dato il contributo specifico a questa straordinaria impresa. 

La problematica culturale del design si è rivolta per l'intermediazione di Cleto a misurarsi con l'artistica tradizione dell' artigianato. Vi è un momento nel processo di realizzazione di uno qualunque degli oggetti di Munari in cui la mano dell' artigiano è presente. La serie dunque non è indenne nei singoli manufatti da certe criptiche qualificazioni che vanno ad aggiungersi, preziose annotazioni fatturali, all'esemplarità asettica del modello pensato e descritto dall'architetto. 
Non a caso Vicenza, città di grande tradizione artigianale nella lavorazione dell'argento e dell'oro, è stata prescelta da Cleto come luogo delle sue attività e forse anche delle sue ispirazioni ed aspirazioni: è pur sempre la città delle forme perfette e luminose, e anche numinose, di Andrea Palladio.

Ma allora chi è Cleto Munari? Un produttore, un ideale committente, un nuovo tipo di mercante, un elegante signore in cerca di successo? Forse è semplicemente un artista, amico degli artisti. Dice sempre Nini Scarpa: «Se Carlo fosse vissuto ancora qualche anno, Cleto Munari sarebbe stato il solo che, avendolo veramente capito, avrebbe potuto continuare». Io aggiungo: non a fare architettura, ma a produrre idee, suggestioni, impulsi, piccole e grandi imprese: un anello prezioso e imprevedibile o un bicchiere seducente, un centro tavola austero o un orologio assoluto e inesorabile come il tempo, trovando ogni volta l'artista amico che raccoglie il sogno e lo fa realtà.

Poi resta il suo modo di vivere, di vestire, di essere: e questa è certo l'unica opera sua, e interamente autografa.


Vicenza, Palazzo Chiericati
18 marzo 2017 - 10 giugno 2017


Post popolari in questo blog

Mein Name ist Giulia

Giunta alla seconda esposizione personale a Berlino, con la nuova ricerca Mein Name ist Giulia / Il mio nome è Giulia l’artista toscana Giulia Efisi segna una nuova tappa nella sua esplorazione visiva del concetto di identità e dei passaggi, temi centrali del suo percorso espressivo. 
Dall’iniziale ricerca sul proprio corpo, l’artista si è dedicata alla riscoperta del suo universo privato fatto di persone e oggetti della memoria, fino ad approdare negli ultimi anni alla ricerca sull’identità dell’altro con i suoi Ritratti/Portraits di persone comuni e famose ritratte per il particolare legame che la unisce a esse.
Nelle venti opere esposte alla galleria The Ballery, la Efisi affronta uno scenario nuovo, la metropoli, in cui dà luogo alla sua prima performance artistica. Un mondo privo di àncore, eccetto quella rappresentata da una panchina sulla quale si è seduta e ha cominciato a urlare il proprio nome, sperimentando le reazioni dei passanti. I loro sguardi bassi, il progressivo dist…

Un Respiro a Palazzo Pirelli

L’incontro dei tre artisti - Domenico D'Aria, Marcello Leone, Daniela Nenciulescu - riuniti nella mostra 'Respiro' ci fa riflettere sulla gioia del vivere, sulla semplicità del movimento naturale rappresentato dal respiro, un fiato leggero e sussurrato. Tale respiro che civiene proposto trasforma noi spettatori che ci perdiamo nella nostra quotidianità.
La mostra che è a cura di Anna Comino verrà inaugurata martedì 2 maggio alle 18.30 e potrà essere visitata dal lunedì al venerdì, dalle ore 13 alle ore 19
Respiro PALAZZO PIRELLI - SPAZIO EVENTI Milano - dal 2 al 30 maggio 2017 Via Fabio Filzi 22 (20124) eventi@regione.lombardia.it www.regione.lombardia.it





L’astrattismo inverso di Fulvio Bresciani

Il persiano Al-khwarizmni fu il primo a teorizzare l’algoritmo, il procedimento che risolve un determinato “problema” attraverso un certo numero finito di passi elementari, un concetto fondamentale dell'informatica che può essere eseguito da un calcolatore. Fulvio Bresciani, laureato in ingegneria nucleare, ha applicato l'algoritmo nei suoi dipinti creando una nuova corrente pittorica che lui ha definito “Astrattismo-Inverso”.
In pratica l'artista crea al computer un algoritmo che muove in modo casuale riempiendo lo schermo di una fitta rete di linee e dopo aver calcolato gli interspazi con il computer trasporta questa immagine sulla tela con i colori acrilici. 
Perché “Astrattismo Inverso”? Perché mentre gli astrattisti, negando sempre di più la realtà, sono giunti a realizzare forme non concrete, Fulvio Bresciani partendo da forme astratte e utilizzando la sua fervida fantasia ricostruisce la forma e l'ordine delle cose.
Fulvio Bresciani - L’astrattismo inverso
GALLER…