Passa ai contenuti principali

Cleto Munari e Carlo Scarpa, un connubio seducente

Scrive Giuseppe Mazzariol : "Come e quando si sia inventato il personaggio 'Cleto Munari', non mi è dato di saperlo con certezza. Forse già da ragazzo aveva il gusto di inventare giochi per gli altri; di suggerire, a chi avesse il dono di fare, qualcosa che lui pensava bello per sé e per gli altri. Lui dice che l'idea di commissionare un oggetto a un artista l'ha avuta dopo l'incontro a Vicenza con Carlo Scarpa

Vedendolo vivere alla villa Valmarana, muoversi e disegnare ha intuito quanto fosse straordinaria e bellissima quell' esistenza e come forse sarebbe stato possibile fermare per sempre uno dei suoi gesti, farne un oggetto prezioso e utile per tutti. Il muoversi delle sue mani suggeriva forme eleganti. Da quell'incontro, e dal sodalizio che ne nacque, ebbero origine i primi oggetti voluti da Cleto, inventati e realizzati da Carlo.

E questo fu l'inizio dell'avventura. Imperterrito Munari non ebbe dubbi che poteva essere un modo per entrare nel mondo del design, lui non era un industriale alla ricerca di un look di successo per i suoi prodotti. Si sentiva soltanto un committente di una indefinita e possibile teoria di oggetti. Oggetti utili e di alta qualità formale, in materiali pregiati. Oggetti che portavano dentro alle stanze della casa un messaggio linguistico definito e subito decifrabile. 

Fu così che nacque la collezione di Cleto Munari

Oggi si può dire che tutti gli architetti più noti di questa stagione artistica hanno dato il contributo specifico a questa straordinaria impresa. 

La problematica culturale del design si è rivolta per l'intermediazione di Cleto a misurarsi con l'artistica tradizione dell' artigianato. Vi è un momento nel processo di realizzazione di uno qualunque degli oggetti di Munari in cui la mano dell' artigiano è presente. La serie dunque non è indenne nei singoli manufatti da certe criptiche qualificazioni che vanno ad aggiungersi, preziose annotazioni fatturali, all'esemplarità asettica del modello pensato e descritto dall'architetto. 
Non a caso Vicenza, città di grande tradizione artigianale nella lavorazione dell'argento e dell'oro, è stata prescelta da Cleto come luogo delle sue attività e forse anche delle sue ispirazioni ed aspirazioni: è pur sempre la città delle forme perfette e luminose, e anche numinose, di Andrea Palladio.

Ma allora chi è Cleto Munari? Un produttore, un ideale committente, un nuovo tipo di mercante, un elegante signore in cerca di successo? Forse è semplicemente un artista, amico degli artisti. Dice sempre Nini Scarpa: «Se Carlo fosse vissuto ancora qualche anno, Cleto Munari sarebbe stato il solo che, avendolo veramente capito, avrebbe potuto continuare». Io aggiungo: non a fare architettura, ma a produrre idee, suggestioni, impulsi, piccole e grandi imprese: un anello prezioso e imprevedibile o un bicchiere seducente, un centro tavola austero o un orologio assoluto e inesorabile come il tempo, trovando ogni volta l'artista amico che raccoglie il sogno e lo fa realtà.

Poi resta il suo modo di vivere, di vestire, di essere: e questa è certo l'unica opera sua, e interamente autografa.


Vicenza, Palazzo Chiericati
18 marzo 2017 - 10 giugno 2017


Post popolari in questo blog

Campania Mirabilis

Mercoledì 20 giugno alle 17.00, presso le retrostanze del ‘700 degli appartamenti storici della Reggia di Caserta, sarà inaugurata la mostra fotografica Campania Mirabilis, a cura di Gabriella Ibello con foto di Monica Biancardi, Antonio Biasiucci, Stefano Cerio, Alessandro Cimmino, Raffaela Mariniello, Pino Musi, Luciano Romano e Luigi Spina
La mostra, promossa dall’associazione culturale Nuovorinascimento con il Patrocinio del MIBACT, Reggia di Caserta, Comune di Caserta e con il Matronato della Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee, sarà visitabile fino al 18 Luglio 2018.
Campania Mirabilis nasce da un’idea di Gabriella Ibello come progetto fotografico di osservazione, documentazione e ricerca sul patrimonio culturale e paesaggistico della Campania. Dopo Castel dell’Ovo, la mostra segna con la Reggia di Caserta la seconda tappa del Grand Tour della fotografia contemporanea che guarda al paesaggio e ai beni culturali. 
Il dialogo tra la Reggia vanvitelliana e la fotografi…

ART CITY Bologna 2019 - settima edizione

Alla sua settima edizione, ART CITY Bologna ha luogo per il secondo anno consecutivo sotto la supervisione di Lorenzo Balbi, direttore artistico di MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna, con una importante novità: la manifestazione estende la sua durata fino a divenire una vera e propria art week, con inizio il 25 gennaio e nucleo centrale nel week end dall'1 al 3 febbraio, introducendo, e in seguito affiancando, il week end di Arte Fiera.
Il format di ART CITY Bologna prevede, come nell'ultimo anno, un main program di alto profilo basato su un evento speciale e su una serie di progetti curatoriali monografici, che variano tra mostre, installazioni e performance.
Parte del programma è la sezione ART CITY Segnala, che include oltre 70 eventi selezionati dagli operatori culturali della città, tra cui istituzioni pubbliche e private, gallerie d'arte moderna e contemporanea, artist run space e spazi no-profit. Accanto ad essa, la sezione ART CITY Cinema esplora i rapporti …

De Chirico e Savinio. Una mitologia moderna

Dal 16 marzo al 30 giugno 2019 la Fondazione Magnani-Rocca ospita una grande mostra dedicata a Giorgio de Chirico e Alberto Savinio, i «dioscuri» dell'arte del XX secolo. 
I due fratelli hanno ripensato il mito, l’antico, la tradizione classica attraverso la modernità dell’avanguardia e della citazione, traslandoli e reinterpretandoli per tentare di rispondere ai grandi enigmi dell’uomo contemporaneo, dando vita a quella che Breton definì una vera e propria mitologia moderna. 
La mostra - allestita alla Villa dei Capolavori, sede della Fondazione a Mamiano di Traversetolo presso Parma – presenta oltre centotrenta opere tra celebri dipinti e sorprendenti lavori grafici, in un percorso espositivo che, dalla nascita dell’avventura metafisica, si focalizza su un moderno ripensamento della mitologia e giunge alla ricchissima produzione per il teatro, documentata anche da preziosi costumi per l’opera lirica.   
I Dioscuri dell’Arte – «Sono l'uno la spiegazione dell'altro» scriveva …