Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da 2017

Marco Lodola alla Contemporanea galleria d'arte

Il 26 novembre inaugura a Foggia, presso Contemporanea galleria d'arte, la personale dedicata a Marco Lodola, il maestro della new-pop art che con i suoi lavori illuminerà la città fino all'8 gennaio 2018. L'inaugurazione si terrà domenica 26 novembre, alle 18.00, alla presenza dell'artista.




Trovate tutte le informazioni qui → https://goo.gl/sFqLaK Nella serata d'inaugurazione ai visitatori verrà distribuito, in omaggio, il calendario 2018 di Lodola.

Contatti artebenvenuto@gmail.com

Paola Volpato - Femminicidio. Donne uccise 2015-2017

A Roma, la Sala del Cenacolo del Complesso di Vicolo Valdina/Camera dei deputati , ospita dal 24 novembre al 7 dicembre 2017 l'installazione di Paola Volpato dal titolo Femminicidio. Donne uccise 2015-2017 (2017).
Su fogli di carta cotone dipinti a china affiorano numerosi volti di donne: sono i ritratti delle donne uccise nel 2015, 2016 e 2017. Tutte insieme danno vita a un pattern gigantesco che restituisce il dramma di un fatto di cronaca perpetuo, il femminicidio.
L'esposizione, a cura di Cesare Biasini Selvaggi e Giorgia Calò sarà inaugurata giovedì 23 novembre 2017, alle ore 17.00.
Paola Volpato è nata a Venezia nel 1953. Vive e lavora a Noale (Venezia). Compie studi classici e si laurea in Scienze Politiche all'Università di Padova, diplomandosi poi all'Accademia di Belle Arti di Venezia-Scuola Libera del Nudo e alla Scuola Internazionale di Grafica. Fa della fotografia, del video, dell'azione performativa, così come del disegno e della pittura, un uso militant…

“Altrove”, doppia personale di Luciano Angioli e Francesco Palmieri

Dal 24 novembre al 20 dicembre 2017 ExpArt Studio&Gallery, in via Borghi 80 a Bibbiena (AR), presenta “Altrove”, doppia personale di Luciano Angioli e Francesco Palmieri a cura di Silvia Rossi.
L’esposizione, a ingresso libero e gratuito, sarà visitabile dal martedì al mercoledì con orario 15/19, dal giovedì al sabato con orari 9,30/12 e 15/19, o su appuntamento.
Venerdì 24 novembre, alle ore 18, l’inaugurazione in galleria con l’aperitivo offerto da Bar Le Logge. A seguire i due artisti saranno intervistati in pubblico dal giornalista culturale Marco Botti.

Grand Tour con il Centre Pompidou

Il Centre Pompidou è l'ospite della terza edizione di Grand Tour, con nuovi appuntamenti mirati alla condivisione di conoscenze, esperienze, idee e obiettivi tra musei e istituzioni. Il ricco calendario prevede quattro giornate di incontri e attività educative aperte gratuitamente al pubblico.  
Sabato 25, domenica 26 e lunedì 27 novembre ben quattro tonnellate di sabbia invaderanno gli spazi del Teatrino per un grande laboratorio di sculture di sabbia condotto dall'artista Dale Murdock e aperto al pubblico senza limiti di età. 
Sabato 25 e domenica 26 novembre visite guidate speciali della mostra Treasures from the Wreck of the Unbelievable, accessibili su prenotazione senza limiti di età. Muniti di un quaderno e di una matita per disegnare, i visitatori sono invitati a guardare le opere in modo diverso.  
Il programma include anche un incontro sulla mediazione culturale nei musei venerdì 24 novembre, riservato ai Servizi Educativi di istituzioni museali, e lunedì 27 novembre l&…

Nature - Thomas De Falco

Triennale di Milano e Triennale Design Museum dal 30 novembre 2017 al 2 gennaio 2018 presentano la mostra Nature di Thomas De Falco, a cura di Laura Cherubini
In mostra una vasta e completa selezione dei lavori di Thomas De Falco: dagli arazzi bidimensionali a quelli scultorei, dalle sculture tessili a quelle su tela.
In occasione dell’inaugurazione - mercoledì 29 novembre 2017, ore 18.30  - Thomas De Falco realizzerà la performance e installazione tessile Intricacy.

Nature - Thomas De Falco a cura di Laura Cherubini 30 novembre 2017 - 2 gennaio 2018 Inaugurazione, performance e installazione tessile Intricacy:  29 novembre 2017 - ore 18.30 Palazzo della Triennale Viale Alemagna, 6 – 20121 Milano

Pompei@Madre. Materia Archeologica

Il progetto espositivo Pompei@Madre. Materia Archeologica - a cura di Massimo Osanna Andrea Viliani con il coordinamento curatoriale di Luigi Gallo per la sezione moderna - si basa su un rigoroso programma di ricerca risultante dall'inedita collaborazione fra il Parco Archeologico di Pompei, uno dei più importanti siti archeologici al mondo, e il Madre · museo d'arte contemporanea Donnaregina di Napoli .
La mostra, presentata in due capitoli e articolata su gran parte degli spazi espositivi del museo Madre (Pompei@Madre. Materia Archeologica, terzo piano, e Pompei@Madre. Materia Archeologica: Le Collezioni, atrio e primo piano), è concepita come un viaggio nel tempo e nello spazio, come un dialogo fra oltre 400 straordinari, ma poco conosciuti e raramente esposti, materiali archeologici di provenienza pompeiana e le opere di più di 90 fra artisti e intellettuali moderni e contemporanei: da scrittori come Goethe e Stendhal a artisti come Warhol e Rauschenberg, dalle ceramiche …

Arte Moderna e Contemporanea di Wannenes

Il 23 novembre a Milano l'asta di Arte Moderna e Contemporanea di Wannenes nei prestigiosi spazi di Open Care - Frigoriferi Milanesi - circa 300 - opere racconterà il meglio dell'arte italiana ed internazionale, dai maestri del XX secolo fino ai protagonisti dei nostri giorni. 
Le Luci compenetrate di Giacomo Balla, una delicata tempera su cartoncino sagomato del 1916-1918 (lotto 1, stima 20.000 - 30.000 euro), raccontano l'intenso periodo futurista dell'artista.
Il dinamismo del secondo futurismo lo possiamo ritrovare intatto in due disegni di Fortunato Depero: il primo Dentro e fuori l'osteria (studio per dipinto) del 1925 (lotto 6) stimato 2.400 - 3.200 euro, e Cantiere sonoro (studio per dipinto), del 1932-33, stimato 2.800 - 3.200 euro (lotto 7). 
Il vitale naturalismo di Ennio Morlotti lo possiamo percepire in Fiori appassiti del 1955, tela importante non solo perché è stata presente alla XXVIII Biennale Internazionale d'Arte di Venezia del 1956, ma sopra…

Ferite come Fessure

Torna nella Project room del Museo Pino Pascali il progetto ShowCase, una serie di mostre che coinvolgono le gallerie d’arte nella presentazione di solo show o progetti curatoriali – disegnati dalle gallerie stesse – nelle stanze della Project room, nel basement del museo. Con questo progetto, che chiama in causa artisti internazionali, la Fondazione Pino Pascali vuole dare spazio, all’interno di una sede istituzionale, alle gallerie e ai soggetti attivi in Puglia, ma che operano all’interno del sistema dell’arte su scala nazionale e non solo, offrendo allo stesso tempo agli spettatori un saggio importante della ricchezza presente sul territorio.
Il sesto appuntamento del progetto, che si svolgerà dal 25 novembre al 7 gennaio 2018 (inaugurazione sabato 25 novembre alle ore 18) è con la Galleria Muratcentoventidue Artecontemporanea di Bari che presenta Ferite come Fessure, un progetto dell’artista siciliana Rita Casdia, a cura di Fabio Carnaghi.[continua a leggere]

Made in America alla Galleria Open Art di Prato

Dal 18 novembre 2017 al 27 gennaio 2018, la Galleria Open Art di Prato (Viale della Repubblica, 24) ospita la mostra MADE IN AMERICA. Le mille luci di New York
L’esposizione, curata da Mauro Stefanini, ruota attorno alla personalità di Martha Jackson che, con la sua galleria di New York, ha scritto un importante capitolo della storia dell’arte contemporanea statunitense, in particolare quella dell’Espressionismo Astratto. 
La rassegna propone infatti 30 opere di autori quali Paul Jenkins, Sam Francis, James Brooks, Norman Bluhm, Fritz Bultman e Michael Goldberg, di altri esponenti dell’Espressionismo Astratto americano, quali John Ferren, John Grillo e Conrad Marca-Relli e di Beverly Pepper, una delle più riconosciute protagoniste, insieme a Louise Nevelson, della scultura contemporanea americana al femminile. 
Made in America condurrà il visitatore nel clima elettrizzante di New York, nella metà del secolo scorso. È qui che giungono gli artisti, da Moholy-Nagy a Gropius, da Josef Albe…

Picasso, de Chirico, Morandi. 100 capolavori del XIX e XX secolo dalle collezioni private bresciane

Capolavori dei più celebrati maestri dell'800 e '900, come Appiani, de Chirico, de Pisis, Carrà, Morandi, ma anche Picasso, Burri, Fontana, Manzoni, racconteranno il collezionismo bresciano in una grande mostra allestita dal 20/1 al 10/6 a Palazzo Martinengo
Attraverso un centinaio di opere si potranno attraversare i più diversi movimenti artistici del XX secolo, dal Futurismo alla Metafisica, dal 'Ritorno all'ordine' all'Informale che maggiormente hanno influenzato i gusti delle famiglie bresciane appassionate d'arte.
Intitolata 'Picasso, de Chirico, Morandi. 100 capolavori del XIX e XX secolo dalle collezioni private bresciane', la rassegna punterà il suo focus sull'arte fiorita tra l'800 e il '900, dai lavori dei maestri del neoclassicismo (Appiani, Basiletti, Gigola e Vantini) fino ad arrivare a quelli informali di Burri, Manzoni, Vedova e Fontana degli anni '50 e '60 del XX secolo, passando attraverso correnti artistiche …

Le pietre del cielo. Luigi Ghirri e Paolo Icaro alla Fondazione Querini Stampalia

Per il secondo atto del programma di ricerca legato al Fondo Luigi Ghirri, la Fondazione Querini Stampalia sviluppa un progetto che mette a confronto fotografia e scultura, aprendo una nuova occasione di valorizzazione tra linguaggi dell'arte.

Dopo la mostra del 2015 "Paesaggi d'aria. Luigi Ghirri e Yona Friedman" che faceva risuonare l'opera del fotografo emiliano con la teoria visionaria del celebre architetto ungherese, quest'anno l'invito è stato accettato da un grande maestro della scultura contemporanea, Paolo Icaro.

Lo scultore piemontese intende l'architettura come esplorazione del luogo. Le sue opere sono costruzioni intime, memorie che tracciano le coordinate di una possibilità dell'abitare, di paesaggi portatili. Questa possibilità è resa attraverso elementi minimali in ferro, gesso e pietra che lavorano con la flessibilità e il frammento, la stabilità e la caduta. Le sue strutture evocano una spazialità mentale che è memoria dei luoghi, …

I Bolscevichi al Potere. 1917-1940: dalla Russia rivoluzionaria al terrore staliniano

Raccontare la storia con la fotografia al grande pubblico e soprattutto ai più giovani, questo l'intento che si prefigge la mostra "I Bolscevichi al Potere. 1917-1940: dalla Russia rivoluzionaria al terrore staliniano" presso il centro culturale la Casa di Vetro di Milano dall'11 novembre 2017 in occasione dei cento anni dalla Presa del Palazzo d'Inverno a Pietroburgo.
In esposizione fino al 10 marzo, la mostra, curata da Alessandro Luigi Perna, propone circa 60 immagini provenienti da vari archivi storici internazionali (tra cui alcuni musei russi) distribuiti in Italia da AGF - Agenzia Giornalistica Fotografica e ripercorre alcune delle tappe fondamentali della storia russa, dalla caduta dello zar alla Rivoluzione d'Ottobre, dalla guerra civile alla nascita dell'Unione Sovietica, dalla morte di Lenin alla nomina di Stalin come successore alla guida del partito, dalle grandi purghe e deportazioni degli anni'30 ai patti con Hitler e all'assassinio…

Ancora pochi giorni per iscriversi ad Arte Laguna

Oltre alle consuete sezioni che toccano tantissime forme espressive della produzione artistica, dalla pittura alle tecniche digitali, si aggiunge il settore dell'ARTE URBANA, una novità nel panorama dei concorsi artistici.
In questa sezione si possono candidare opere o progetti artistici di riqualificazione urbanastreet artgraffiti, dove l'intervento artistico si colloca in relazione con il tessuto cittadino in cui viene pensato. 
Tutte le opere candidate varranno valutate da una giuria specifica che si occuperà dell'Arte Urbana e della Land Art composta, oltre che da Igor Zanti,curatore del Premio e presidente di giuria, anche da Simone Pallotta, curatore di arte pubblica e urbana ed Emanuele Montibeller, direttore artistico di Arte Sella - the contemporary mountain.

La giuria selezionerà le 10 opere finaliste che saranno esposte all'Arsenale di Venezia a marzo 2018 e tra queste il vincitore assoluto si aggiudicherà un premio di 7.000 euro.
ISCRIVITI ORA!!
TUTTE LE CAT…

Carlo Alfano - Soggetto spazio soggetto

Il Mart di Rovereto prosegue l’indagine dedicata all’opera degli artisti che nel secondo Novecento, superando i confini delle pratiche tradizionali, hanno contribuito in maniera determinante a ridefinire l’orizzonte delle ricerche contemporanee. 
L’esposizione monografica è la prima importante retrospettiva sull’opera di Carlo Alfano ospitata da un’istituzione. Muovendo da un nucleo di lavori raramente esibiti o da anni assenti dalla scena espositiva internazionale, la mostra illustra il percorso creativo dell’artista dalla metà degli anni Sessanta all’inizio degli anni Novanta. Cinquanta opere, molte delle quali raggiungono dimensioni monumentali, testimoniano gli sviluppi di una ricerca non ancora pienamente indagata.
Dopo gli esordi legati alla pittura Informale degli anni Cinquanta, Carlo Alfano (1932-1990) avvia una riflessione dedicata ai meccanismi della visione e della percezione, che dalla produzione di opere d’arte cinetica approda alla realizzazione di ambienti tridimensional…

Deaphotoexpo 2017

Si apre quest'oggi alle ore 17 il Deaphotoexpo 2017 organizzato dall’Associazione Culturale Deaphoto in collaborazione con il Quartiere 4 del Comune di Firenze presso la Limonaia di Villa Vogel (Via delle Torri, 23). 

In programma nella due giorni un ricco calendario di Mostre ed Eventi legati alla fotografia. Quattro le mostre ospitate: tre collettive e una personale. Per le collettive Legnaia-Monticelli e Personal Portfolio presentano rispettivamente i lavori finali dei Corsi Deaphoto di Camera Oscura bn e di Stampa bn fine art (da negativo), mentre Notturni Urbani / Argingrosso costituisce la restituzione finale del Corso di Fotografia Notturna del Territorio Urbano. 

La mostra personale Confidenze dai luoghi (1997-2000) è invece una retrospettiva di un progetto a lungo termine di Sandro Bini a cura di Giovanni de Leo dedicato al rapporto con il paesaggio e alla memoria dei luoghi. Il programma si arricchisce Domenica 5 Novembre dalle ore 17 con le Letture dei Portfolio. Chiude, …

Biennale Internazionale d’Arte Contemporanea di Mantova

Si terrà dal 4 al 10 novembre la Biennale Internazionale d’Arte Contemporanea di Mantova. Uno straordinario evento artistico che avrà luogo presso il Museo Diocesano Francesco Gonzaga, curato da Ea Editore di Palermo e lo Studio di Consulenza Artistica Russo di Roma.
Nell’ambito dell’evento i corridoi adiacenti alle sale dei tesori e numerose sale interne ospiteranno l’operato di trecento artisti contemporanei provenienti da oltre quaranta paesi diversi. 
Le opere spazieranno tra pittura, scultura, fotografia, design e videoart, in un'esperienza fruitiva innovativa. Ciò che si presenterà ai visitatori sarà uno spaccato significativo della creatività attuale che solleciterà uno scambio culturale qualificato.
La Biennale si pone infatti l’obiettivo di proporre narrazioni visive di artisti destinati ad essere ricordati nel tempo. Un magico scenario capace di donare al fruitore uno spaccato artistico contemporaneo con tante nuove testimonianze creative. L’evento, di rilievo internazio…

Flight System Man

Sabato 4 novembre 2017 la Galleria FabulaFineArt di Ferrara presenta Flight System Man, personale di Andrea Bianconi a cura di Vittoria Coen. La mostra si snoda fra volo e identità, quella dell’artista che ritrae se stesso in mille differenti modi, che fugge e al tempo stesso cerca se stesso, provando le proprie forze fino al limite. La performance fa parte del complesso e multiforme universo creativo di Bianconi, che mette in scena una vera e propria sinfonia di suoni, gesti, segni, oggetti ed elementi vari che accompagnano la sua continua ricerca concettuale.
In I Wing l'artista traduce metaforicamente il tentativo di volo in una performance inquietante che diventa un video. L’aspirazione a librarsi nell’aria che da sempre accompagna la storia del pensiero umano, dal Mito di Icaro e dalle ricerche di Leonardo fino ad oggi, mette in relazione il rapporto tra la vita e la morte.
Andrea Bianconi dà voce al desiderio inconscio di abbracciare l’universo e di liberare lo spirito, e nello…

Non è tutt’oro…quel che luccica.

La galleria Fatto ad Arte, che da sempre porta avanti una ricerca nel campo delle arti applicate, affiancata dall’associazione DcomeDesign, che promuove la creatività femminile nel campo del design, presentano la mostra Non è tutt’oro…quel che luccica.
Un titolo che ci trasporta subito nell’ambito dell’alto artigianato artistico e nel campo del bijoux, inteso come raffinato elemento decorativo realizzato è vero con i cosiddetti materiali poveri, ma impreziositi dalle sofisticate tecniche artigianali con cui vengono eseguiti.
Tredici artigiane/artiste/designer, hanno creato dei pezzi unici o in piccola serie, utilizzando i materiali più diversi: dalla ceramica al vetro, dalla porcellana al metallo, dalle resine alla carta al tessuto ricamato, ognuna interpretando il tema della mostra con il proprio linguaggio e con modalità espressive personali. È così nata una esposizione di piccole opere d’arte fatte a mano, che rispecchia la diversa creatività e la progettualità delle designer coinv…

Gian Lorenzo Bernini

Per celebrare i vent’anni dalla sua riapertura, la Galleria Borghese inaugurerà una grande mostra dedicata a Gian Lorenzo Bernini che si riallacci al discorso critico avviato con la mostra “Bernini scultore”, realizzata ormai vent’anni fa. 
La Villa, che contiene il nucleo più importante e spettacolare di marmi berniniani, è infatti la sede ideale per considerare l’insieme della produzione dell’artista e gli articolati problemi ad essa connessi.
Il tema conduttore della mostra è dunque la scena privilegiata della scultura alla Galleria Borghese, e il suo genio è Gian Lorenzo Bernini. 
Percorrendo l’intero arco della sua lunghissima carriera si intende dare completezza a quel progetto del 1998 che prendeva in esame specificatamente l’attività giovanile del grande artista, con una approfondita indagine sui modi e i tempi dell’affermazione della scultura monumentale di Bernini e l’ampiezza delle sue conseguenze, anche attraverso una precisa messa a fuoco dello stretto rapporto pittura-sc…