Passa ai contenuti principali

2018. Una effervescente PRIMAVERA D’ARTE

Comunicato Stampa

Per il mondo dell’arte e degli eventi espositivi,  il 2018 sembra voler partire con il turbo. 

Mai, come da un bel po’ di anni a questa parte, si è assistito a una tale effervescenza di proposte nei primi tre mesi del nuovo anno. 

E, al di là del dato quantitativo, a colpire è il livello delle mostre in programma: si pongono infatti come eventi di eccellente o straordinaria caratura. Si tratti di mostre destinate a raggiungere i grandi numeri o di mostre-dossier rivolte a pubblici più selezionati.

Questa ritrovata vitalità sembra trasversale alle varie tipologie di proposte: dall’arte contemporanea a quella antica, alla fotografia, al grande Novecento, all’illustrazione, al fumetto....

Alcuni esempi, in giro per l’Italia.
Il Museo Regionale di Aosta ha scelto, dal 12 gennaio, di proporre al suo pubblico l’analisi di un’opera unica, un capolavoro assoluto: “La strage degli Innocenti” di Guido Reni, in una raffinata mostra dossier.

Innovativa e molto interessante è la proposta del progetto “StArt” che vede un gruppo di studi professionali di Padova accogliere mostre di artisti under 30. Ad artisti non ancora trentenni si rivolge, con l’autorevolezza di ben 12 edizioni, anche il “Premio Gruppo Euromobil” ad Arte Fiera Bologna.

Mostra insieme molto torinese e altrettanto internazionale “L’occhio magico di Carlo Mollino. Fotografie 1934-1973”, dal 18 gennaio a CAMERA Centro italiano per la Fotografia, a Torino.

Illustratori da tutto il mondo, per la nuova edizione de “I Colori del Sacro”, Mostra Internazionale di Illustrazione, al Museo Diocesano di Padova. Quest’anno intorno al tema del “Corpo”, dal 3 febbraio.

L’Eterno e il tempo tra Michelangelo e Caravaggio documenta quello che è stato uno dei momenti più alti e affascinanti della storia dell’arte occidentale. Ai Musei di San Domenico, in Forlì, dal 10 febbraio.

Tre i grandi appuntamenti con l’antiquariato nella prossima primavera. Due, concomitanti, saranno proposti da ModenaFiere a Modena, dal 18 al 24 febbraio. Stiamo parlando di “Modena Antiquaria” e di “Petra”, entrambe manifestazioni di riferimento nazionale nei rispettivi settori. Ad anticipare quello che è il maggiore appuntamento planetario per l’antiquariato: TEFAF, a Maastricht, in Olanda, dal 10 al 18 marzo.

Dopo gli appuntamenti al Grand Palais e al Metropolitan, è il Museo di Santa Caterina a Treviso, ad accogliere, dal 24 febbraio, “Rodin. Un grande scultore al tempo di Monet”, la grande mostra del centenario del maestro d’oltralpe. In contemporanea, al Museo Luigi Bailo, l’Omaggioad Arturo Martini e la monografica su Gino Rossi, due trevigiani di levatura internazionale, scomparsi 70 anni fa.

Stati d’animo. Arte e psiche tra Previati e Boccioni” è l’affascinante mostra con cui il rinnovato Palazzo dei Diamanti, a Ferrara, apre, dal 3 marzo, la sua sempre qualificata stagione espositiva 2018.

Mamiano di Traversetolo, la Fondazione Magnani Rocca punta su un grande dell’Orientalismo, il parmense Alberto Pasini. Dal 17 marzo, alla “Villa dei Capolavori”.
Ancora a Treviso, al Museo Nazionale Collezione Salce, protagonista della mostra di primavera sarà “il papà dei Baci Perugina”, con la mostra “Federico Seneca (1891 – 1976). Segno e forma nella pubblicità

Si sta imponendo come uno degli appuntamenti imperdibili per il vastissimo pubblico del settore “BE COMICS!”, alla sua seconda edizione, a Padova, al San Gaetano e in altre sedi cittadine, dal 23 al 25 marzo.

Tre città, altrettante mostre, itinerari nei tre territori, prestiti prestigiosi per “Il Rinascimento di Gaudenzio Ferrari”, dal 23 marzo a Varallo Sesia, Pinacoteca e Sacro Monte, a Vercelli, L’Arca e a Novara, Castello

Per iniziativa privata, Firenze avrà un nuovo, importante museo. Dedicato a “La Collezione Roberto Casamonti”. Ad accoglierlo, dal 24 marzo, il restaurato Piano Nobile di Palazzo Bartolini Salimbeni, il capolavoro di Baccio d'Agnolo.
Sin qui gli appuntamenti già ufficializzati. Ma altri sono in via di definizione, a conferma di una stagione effervescente e vivace come non la si vedeva da tempo.

Ulteriori informazioni: www.studioesseci.net

Ufficio Stampa
Studio ESSECI di Sergio Campagnolo
Tel. 049663499
info@studioesseci.net
www.studioesseci.net

Post popolari in questo blog

Il Quadro con cerchio di Kandinskij

Si intitola "Quadro con cerchio", ed è il primo dipinto astratto di Vasilij Vasil'evič Kandinskij, fu realizzato nel 1911 e ritrovato solo nel 1989.
Proveniente dal museo nazionale georgiano di Tbilisi, viene per la prima volta esposto in Italia nell'ambito della mostra "Kandinskji, cavaliere errante.In viaggio verso l'astrazione." , al Mudec di Milano (fino al 9 luglio).
Un quadro al quale lo stesso artista attribuiva importanza, come risulta da una sua lettera del 1935: "Quando ho lasciato Mosca, alcuni miei dipinti, in parte di grande formato, sono rimasti in custodia nel museo di Arte Europea Occidentale. Tra essi il mio primissimo quardo astratto del 1911...Purtroppo, non ne possiedo alcuna foto. All'epoca ero scontento del dipinto e pertanto non l'ho neppure numerato e non ho scritto alcuna indicazione sul retro, come faccio sempre, e non l'ho riportato nel mio catalogo personale".

MUDEC



Antropocene – L’epoca umana

Una meditazione cinematografica sulla massiccia ricostruzione del pianeta da parte dell'umanità, 'Antropocene – L’epoca umana' è un film documentario che avuto una lavorazione di quattro anni ad opera del pluripremiato team composto da Jennifer Baichwal, Nicholas de Pencier e Edward Burtynsky.




Terzo in una trilogia che include Manufactured Landscapes (2006) e Watermark (2013), il film segue la ricerca di un gruppo internazionale di scienziati, il gruppo di lavoro Anthropocene che, dopo quasi 10 anni di ricerca, sostiene la teoria secondo cui l'epoca dell’Olocene ha lasciato il posto all'epoca dell’Antropocene a metà del XX secolo in seguito a profondi e duraturi cambiamenti.
Dalle pareti di cemento in Cina che ora coprono il 60% della costa continentale, alle più grandi macchine terrestri mai costruite in Germania, alle psichedeliche miniere di potassio negli Urali russi, alle fiere di metallo nella città di Norilsk, alla devastante Grande Barriera Corallina in Austr…

Ti sento! Non essere sordo alle emozioni

La mostra collettiva " Ti sento! Non essere sordo alle emozioni" - da quest'oggi a mercoledì 19 presso la Tevere Art Gallery, in via Santa Passera 25 , Roma - è un progetto poli-artistico bi-culturale, curato da Francesca Masiero, che intende mettere a confronto il mondo dei sordi e quello degli udenti, scoprendo l’enorme potenziale comunicativo della LIS, la Lingua dei Segni Italiana, fatta di espressioni emotive e concrete gestualità.
Gli artisti, sordi e udenti, coinvolti nella mostra sono Alessandro Arrigo, Re Barbus, The Silent Beat, Marco Capellacci, Marco Verni, Cristina Eidel, Konstantinos Papaioannou e Gina Scanzani.
Attraverso la sperimentazione di grafiche, collage, illustrazioni e fotografie, racconteranno il silenzio e la mancanza di suono, mettendo in discussione certezze acquisite e aiuteranno a comprendere meglio il valore e il significato più profondo della parola e della comunicazione con l’altro. Scoprire il mondo di chi non sente aiuta a riflettere criti…