Passa ai contenuti principali

Sidicini Contemporary Art Prize 2017

Il progetto della prima edizione del concorso d’arte Sidicini Contemporary Art Prize - indetto dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Teano in collaborazione con il Polo Museale della Campania, a cura di Cesare Patanè - nasce dalla volontà di realizzare un bando di arte fotografica open call internazionale, a partecipazione gratuita ed aperto ad artisti italiani e stranieri senza limiti di età o di esperienza, con l’assegnazione di premi per un totale di 1.800,00 euro.
Una giuria di esperti d’arte (Marco de Gemmis, Nicola Di Benedetto, Gianluigi Gargiulo, Amedeo Patanè e Luigi Spina) ha selezionato i 15 finalisti protagonisti della mostra fotografica Sidicini Contemporary Art Prize Terra/Uomo/Cielo sita all’interno del Museo Archeologico che raccoglie le cospicue collezioni dei reperti provenienti dagli scavi del centro antico e del territorio di Teanum Sidicinum. L’intento è di mettere in relazione forme antiche e contemporanee, scatenando un cortocircuito estetico che da un lato azzera le distanze storiche e, dall’altro, permette un confronto audace tra le ricerche dei linguaggi archeologici e quelli di arte contemporanea. Il tema centrale è il trinomio Terra/Uomo/Cielo: Terra, come luogo di appartenenza, testimone del passaggio e custode di tracce dell’uomo nel tempo attraverso la sua evoluzione; Uomo, come detentore di cultura, segno e significato, interprete del tempo passato ed anello di congiunzione tra il cielo e la terra, tra passato e futuro; Cielo, come aspirazione a cui l’uomo anela, desiderio di trascendere ciò che è e ciò che è stato.

I 15 finalisti selezionati in mostra hanno affrontato il tema con vivo interesse, realizzando degli elaborati attraverso molteplici tecniche fotografiche, dalla classica stampa analogica ai sali d’argento, alle elaborazioni digitali di software art, alle cromatografie su plexiglas.


Segue elenco dei finalisti: Dario Agrimi, Viola Baldi, Elisa Baldissera, Simone Cametti, Chiara Coccorese, Giuseppina Maria Cozzolino, Cristina Cusani, Assunta D’Urzo, Giovanni Ongaro, Ivan Piano, Marco Rossetti, Silvio Russino, Anna Sobczak, Nara Tomassini, Andreas Zampella.

Al termine della giornata inaugurale di domenica 17 dicembre, saranno decretati i vincitori a cui verranno assegnati i seguenti premi:


Primo classificato 1.000,00 €
Secondo classificato 500,00 €
Terzo classificato 300,00 €

Il curatore Cesare Patanè, classe 1985, nasce a Napoli, dove vive e lavora. Diplomato in Pittura all’Accademia di Belle Arti di Napoli, fonda nel 2010 l’Username Art Agency occupandosi di arte pubblica in Campania. Attraverso la collaborazione con associazioni e istituzioni come il Museo MADRE e Aporema Onlus, crea e attiva laboratori che si occupano di didattica per l’arte. Fonda nel 2013 la casa editrice Inknot. Nel 2017 si specializza nel mondo della modellazione 3D e dell’animazione digitale.

Sidicini Contemporary Art Prize Terra/Uomo/Cielo

Opening: domenica 17 dicembre 2017 ore 17:00

Dal 17 dicembre 2017 al 07 gennaio 2018

Concorso di Arte Contemporanea indetto dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Teano in collaborazione con il Polo Museale della Campania.

a cura di Cesare Patanè

Museo Archeologico di Teanum Sidicinum
Piazza Umberto I, 29, Teano (CE)


info: sidicini.cap@gmail.com

Post popolari in questo blog

La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini

La scoperta del carteggio inedito tra Telemaco Signorini, il padre Giovanni e il fratello minore Paolo, ha condotto Elisabetta Matteucci e Silvio Balloni a ideare questa raffinata esposizione che vanta due protagonisti, i Signorini da un lato e la loro Firenze dall’altro. 


Il tratto di marcata “fiorentinità” che caratterizza la mostra, unito all’indubbio spessore storico-critico, è tra le ragioni che hanno spinto la famiglia Antinori a realizzare il progetto con l’Istituto Matteucci.
La mostra quindi non poteva trovare sede più appropriata di Palazzo Antinori, edificio storico nel cuore di Firenze, casa di una Famiglia che ha contribuito a fare la Storia della città oltre che della viticoltura di massimo pregio. Per la prima volta, in occasione di “La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini”, il pubblico potrà ammirare i Saloni storici del Piano Nobile di Palazzo Antinori, opportunità che da sola merita un viaggio a Firenze. Saranno essi ad accogliere le opere in mostra, capolavori noti…

ART CITY Bologna 2019 - settima edizione

Alla sua settima edizione, ART CITY Bologna ha luogo per il secondo anno consecutivo sotto la supervisione di Lorenzo Balbi, direttore artistico di MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna, con una importante novità: la manifestazione estende la sua durata fino a divenire una vera e propria art week, con inizio il 25 gennaio e nucleo centrale nel week end dall'1 al 3 febbraio, introducendo, e in seguito affiancando, il week end di Arte Fiera.
Il format di ART CITY Bologna prevede, come nell'ultimo anno, un main program di alto profilo basato su un evento speciale e su una serie di progetti curatoriali monografici, che variano tra mostre, installazioni e performance.
Parte del programma è la sezione ART CITY Segnala, che include oltre 70 eventi selezionati dagli operatori culturali della città, tra cui istituzioni pubbliche e private, gallerie d'arte moderna e contemporanea, artist run space e spazi no-profit. Accanto ad essa, la sezione ART CITY Cinema esplora i rapporti …

De Chirico e Savinio. Una mitologia moderna

Dal 16 marzo al 30 giugno 2019 la Fondazione Magnani-Rocca ospita una grande mostra dedicata a Giorgio de Chirico e Alberto Savinio, i «dioscuri» dell'arte del XX secolo. 
I due fratelli hanno ripensato il mito, l’antico, la tradizione classica attraverso la modernità dell’avanguardia e della citazione, traslandoli e reinterpretandoli per tentare di rispondere ai grandi enigmi dell’uomo contemporaneo, dando vita a quella che Breton definì una vera e propria mitologia moderna. 
La mostra - allestita alla Villa dei Capolavori, sede della Fondazione a Mamiano di Traversetolo presso Parma – presenta oltre centotrenta opere tra celebri dipinti e sorprendenti lavori grafici, in un percorso espositivo che, dalla nascita dell’avventura metafisica, si focalizza su un moderno ripensamento della mitologia e giunge alla ricchissima produzione per il teatro, documentata anche da preziosi costumi per l’opera lirica.   
I Dioscuri dell’Arte – «Sono l'uno la spiegazione dell'altro» scriveva …