Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Febbraio, 2016

L'esaltazione della donna per Anna Calori al Centro d'Arte La Bitta

"L'esaltazione della donna" è la mostra personale di pittura di Anna Calori dal primo all'undici marzo 2016 presso il Centro d'Arte La Bitta (via Bari 20, Roma).
Marta Sotgiu in arte Anna Calori, nasce a Roma il 24 giugno del 1975. Assimila la forte identità della famiglia materna e il culto della nobiltà. Fin da piccola seguendo il padre gira il mondo, dove assimila i forti colori e contrasti della natura e varie culture di ogni genere.
Comincia fin dai tempi dell’adolescenza a disegnare e fare ritratti. Frequenta il Liceo Artistico Sant’Orsola a Roma e da lì comincia a studiare le varie tecniche del disegno: disegno dal nudo e anatomia. Finito il Liceo frequenta un maestro mosaicista del Vaticano “Giuseppe Cinquegrana”, all’epoca molto noto e la mosaicista “Maria Teresa Vacchini” inoltre il maestro “Fabrizio Cassio” nel loro studio e da lì apprende le varie tecniche del “Mosaico Minuto Romano”, dove poi entra a far parte del negozio Savelli: “Arte e Tradizione d…

Sul Muro del tempo - opere di Enos Rizzi

Si inaugura domenica 28 febbraio, alle ore 17.00, al MAM - Museo d’Arte moderna dell’Alto mantovano, la mostra intitolata «Sul Muro del tempo - opere di Enos Rizzi» a cura di Gianfranco Ferlisi (direttore del MAM).
La rassegna dedicata questo artista castiglionese che nel lontano 1984 trovava proprio a Gazoldo (la mostra si intitolava NUOVE PRESENZE NUOVE IMMAGINI) la sua prima importante affermazione pubblica, ci porta nel contesto del lavoro sul territorio che caratterizza la modalità operativa del Mam.
L’artista castiglionese vanta una lunga storia che parte dal figurativo, passando per il paesaggio per arrivare all’astrazione e ancora oltre.
Ma la produzione che qui si presenta, parla dei punti di arrivo recenti e di un lungo percorso di ricerca che ha nella carta, l’elemento senza dubbio più amato dall’autore, il materiale che meglio si addice alla creazione artistica della sue realizzazioni. E così le trame forti e sicure di Enos Rizzi si palesano oggi, evidenti, a prospettare i pe…

Inorganic landscapes - David Lindberg

David Lindberg, artista olandese di origini americane, inaugura con una mostra personale la programmazione espositiva 2016 della Galleria Marcorossi artecontemporanea di Verona, ritornando nella città scaligera con una serie di nuovi lavori legati alle recenti evoluzioni della sua produzione artistica. 
Le opere che David Lindberg ha realizzato appositamente per la mostra, portano avanti una ricerca che esprime in maniera coerente la sua necessità di continuare a lavorare con elementi e materiali che rendono il suo lavoro unico e riconoscibile. 
Resina epossidica, fibra di vetro, pigmenti colorati: sono questi i materiali che principalmente l’artista usa per dare vita a porzioni più o meno grandi di paesaggi inorganici o post-organici. Quelli di David Lindberg sono mondi irreali, che ingannano l’occhio dello spettatore. L’organicità e la fluidità dell’elemento naturale è resa manifesta e tangibile pur mediante l’utilizzo di sostanze non presenti in natura. 
Le superfici policrome dei suo…

A Pop History

L’Accademia di Belle Arti di Frosinone ospita per la prima volta una mostra dedicata all’arte contemporanea; una occasione unica per coniugare la fruizione di un'importante contenitore culturale qual è il MACA (Museo di Arte Contemporanea dell’Accademia) che apre le proprie porte al territorio e poter conoscere il mondo affascinante e sfaccettato della Pop Art, lungo quasi cinquanta anni di storia tra tecniche e artisti, in uno scenario davvero internazionale.

A Pop History” - curata da Graziano Menolascinapropone un viaggio attraverso tutta l’evoluzione della Pop Art Internazionale a partire dagli anni Cinquanta quando il movimento iniziò a sperimentare una nuova visione estetica del mondo. L’esposizione parte dall’assemblage del padre fondatore del movimento Robert Rauschenberg, ma propone anche i “Flowers” di Andy Warhol e i personaggi dei fumetti di Roy Lichtenstein, continuando con i graffiti di Keat Haring, gli studi realizzati da Dennis Oppenheim per macchine del futuro…

Daido Moriyama e i suoi 'colori proibiti' al Foro Boario di Modena

Fondazione Fotografia Modena presenterà dal 6 marzo all'8 maggio al Foro Boario una importante mostra del maestro giapponese della street photography Daido Moriyama
Attraverso il percorso disegnato da 130 fotografie, sarà possibile percorrere gli sviluppi recenti della ricerca fotografica di Moriyama, che ha rimesso mano al suo vastissimo archivio e cominciato a pubblicare fotografie inedite, riferite soprattutto agli anni settanta, periodo nel quale l'artista scattava in maniera quasi ossessiva e produsse una quantità di fotografie a colori che non erano mai state pubblicate prima. Fanno parte di questo filone alcune rare fotografie bondage, commissionate all’artista dallo scrittore erotico giapponese Oniroku Dan, che Moriyama realizzò per pagarsi i viaggi in Europa, e altri scatti destinati all’edizione giapponese di Playboy.
La mostra è promossa in collaborazione con la Galleria Carla Sozzani di Milano e in partnership con UniCredit, "Daido Moriyama in Color" ve…

FeTT 3,5/27 : la Stanza di Piero e il Senso dell’Ordine.

Si inaugura presso la Galleria Sinopia di Raffaella Lupi, FeTT 3,5/27 con opere di Francesca Cataldi e Riccardo Pieroni ispirate alla Stanza di Piero, un laboratorio appartenuto ad un ingegnere che in questa stanza si rifugiava trascorrendo le ore sperimentando apparecchi di trasmissione.
Lui non c’è più, ma sono rimasti i milioni di oggetti catalogati e racchiusi in centinaia di cassettini: chiodi, rivette, rotelle, pile, viti, ingranaggi, rocchetti di fili di rame che hanno attirato l’attenzione dei due artisti determinando un nuovo ciclo di opere.
Raffaella Lupi ha raccolto il messaggio di questo lavoro e su questo ha costruito una mostra intima e introspettiva. La stanza, raccontata in questa mostra è luogo di memoria, di passioni e di intimità, da proteggere e custodire. “Entrare nella stanza di Piero, attraverso lo sguardo della Cataldi e di Pieroni è come entrare in connessione con una mappatura delle sue passioni, con il sentimento del meraviglioso che è celato nelle cose picc…

Michele Attianese con la sua Periphery alla Casa Turese Arte Contemporanea di Vitulano

La galleria Casa Turese Arte Contemporanea di Vitulano presenterà sabato 27 febbraio alle 18,30 Periphery a cura di Marcella Ferro, la personale di Michele Attianese.
"Periphery" , rileva il critico d’arte nel testo di accompagnamento rappresenta: «l’accettazione dell’altro al di fuori di se stessi, è lo scambio che riduce l’egocentrismo e diviene la definitiva perdita di significato dell’assolutismo rispetto a un più democratico relativismo. Un relativismo che si pone come mutabile e accogliente. Idee chiaramente vincolate alla storia che noi tutti stiamo vivendo, in cui Michele è particolarmente immerso, sentendosi in parte sentinella di una realtà precaria e complessa davanti alla quale non si tira indietro, ma al contempo cerca di partecipare mantenendo una certa oggettività. Un distacco o, meglio, come lui stesso la definisce un’apnea emotiva che prova a mantenere segnando le immagini con delle linee bianche nette che tratteggiano confini e ripartiscono aree di per sé in…

Sound performance di part wild horses mane on both sides all’interno della mostra “Space Shuttle in the Garden” di Petrit Halilaj

24 febbraio 2016, ore 21 | Sound performance di part wild horses mane on both sides nell'ambito della mostra “Space Shuttle in the Garden” di Petrit Halilaj


Guadi. Conversazioni sull’arte, l’uomo e la parola di Simone Pellegrini

Di Felice Edizioni comunica l’uscita, nel mese di marzo, del libro "GUADI. Conversazioni sull’arte, l’uomo e la parola" di Simone Pellegrini, artista e docente di pittura all’Accademia di Belle Arti di Urbino, con prefazione del critico e curatore d’arte Luca Arnaudo
Il libro si presenta come secondo appuntamento della collana d’arte Fili d’erba, diretta dalla giornalista e critico d’arte Alessandra Angelucci per la Di Felice Edizioni. Una collana che pone particolare attenzione a quell’aspetto che spesso, nel mondo dell’arte, passa in secondo piano rispetto all’opera d’arte stessa: la voce di chi crea, di chi in un gesto ha immortalato un’esistenza.
Come afferma Gombrich, «Non esiste in realtà una cosa chiamata arte. Esistono solo gli artisti»: è a partire da questo assunto che la collana Fili d’erba vuole privilegiare la pubblicazione di testi che diano al lettore la profondità di un’analisi critica, ma allo stesso tempo – e in modo particolare – una possibilità in più: …

La Metamorphosis di Andreas Senoner a Doppelgaenger

Il 19 febbraio, alle ore 19, la galleria Doppelgaenger (Palazzo Verrone - Bari) presenta la mostra personale dello scultore altoatesino Andreas Senoner, intitolata Metamorphosis.
Per questa sua prima personale a Bari l’artista parte dal concetto di metamorfosi, inteso come processo di trasformazione; il lavoro di Senoner si arricchisce di riflessioni sul mutamento, su quelle modificazioni che in zoologia sovrintendono al transito dall’infanzia all’età adulta, dalla forma immatura a quella stabile dell’organismo completo, attraverso una radicale alterazione chimica e fisica. 
La costruzione filosofica muove dalle riflessioni dell’ecologo, scultore e architetto austriaco F. Hundertwasser, che identifica nella vita umana cinque involucri epidermici sovrapposti - pelle, abiti, casa, identità sociale, ambiente globale - e teorizza che, nei passaggi evolutivi affrontati da ciascuno nell’arco della propria esistenza, ognuno di questi strati diaframmatici debba mutare radicalmente. Le opere i…

Il primo appuntamento di OPEN Pavilion vedrà protagonista Michelangelo Pistoletto

Si apre il venerdì 19 febbraio la rassegna “OPEN Pavilion”, un ciclo di incontri mensili ideati da Roberto Cotroneo e UniCredit Pavilion.
Questa serie di conferenze, moderate dal giornalista, scrittore e poeta Roberto Cotroneo, sono dedicate agli appassionati e ai curiosi della cultura e apriranno nuove prospettive e punti di vista originali su quanto ci circonda e fa parte delle nostre vite: narrazioni, musica, immagine, arte, etc.
Il primo appuntamento si terrà il 19 febbraio e vedrà protagonista Michelangelo Pistoletto, pittore e scultore italiano, che approfondirà il tema “Il pensiero e l’idea. Il laboratorio dell’arte“.
Per l’occasione Pistoletto racconterà il suo lavoro di artista, il suo modo di pensare le opere e di guardare alle cose, aprendo il portone della sua officina e narrando il suo percorso professionale e lo stato attuale della sua arte.
 Segnalato su http://www.unicreditpavilion.it/ 

Across the Board: Parts of a Whole - Cinque Mostre

Torna il 9 febbraio 2016 l’appuntamento con Cinque Mostre, la mostra annuale che vede protagoniste le opere dei Rome Prize Fellows, degli Italian Fellows, degli artisti invitati. Guest Curator per il 2016 è Ilaria Gianni, co-direttrice della Nomas Foundation, Roma (assistente curatore Saverio Verini) che ha concepito un percorso espositivo diffuso negli spazi della American Academy in Rome. 
Il progetto, che raccoglie diverse attitudini e prospettive di ricerca, mette in relazione, con interventi site-specific, il lavoro di artisti residenti presso l’American Academy in Rome e di artisti italiani e internazionali non residenti, valorizzando l’aspetto multidisciplinare e laboratoriale dell’Accademia, con il suo approccio che guarda ad arti visive, musica, letteratura, produzione audiovisiva, design, architettura, innovazione tecnologica.
Intitolata Across the Board: Parts of a Whole, la mostra si presenta come un percorso itinerante e performativo: un gioco senza regole fisse che parte…

Matteo Angelini - Kurdistan: Gap away

L’opera racconta, attraverso la forma del reportage fotografico, la progressiva trasformazione subita dal paesaggio intorno alla città di Hasankeyf nel Kurdistan turco a causa della costruzione di una diga sul fiume Tigri denominata “Ilisu”, rientrante nel “Progetto Anatolia del Sud” (“Guneydogu Anadolu Projesi” - GAP), e il parallelo inesorabile mutamento della vita delle persone che di quel paesaggio sono parte. 
La vita lungo il Tigri è segnata (…) dall’obbligo di seguire un destino come se fosse il tracciato di un fiume. Ma la gente vede questo tracciato mutare” (dal testo di Vittorio Martone).
La mostra sarà inaugurata sabato 6 febbraio alle ore 18,30 e resterà aperta al pubblico fino al 27 febbraio, dal lunedì al sabato 9-13 / 16,30-20. L’ingresso è gratuito.
Matteo Angelini è nato ad Ascoli Piceno nel 1981. Si è laureato in Ingegneria Edile-Architettura nel 2010 presso l'università La Sapienza di Roma. La sua ricerca fotografica indaga i cambiamenti delle società ponendo pa…

Le più belle immagini di Herb Ritts a Milano in mostra a Palazzo della Ragione Fotografia

Palazzo della Ragione Fotografia ospita dal 20 febbraio al 5 giugno 2016 la prima grande retrospettiva di Herb Ritts a Milano.
Creatore delle immagini più incisive, sognanti e perfette dello star system hollywoodiano, Herb Ritts è stato un grande interprete della fotografia internazionale. Suoi sono molti dei ritratti che hanno costruito, è proprio il caso di dirlo, celebrities come Madonna, Michael Jackson o Richard Gere. Sue sono le fotografie patinate e oniriche della moda, dove gli abiti lucenti di Versace, i corpi perfetti delle modelle, sono immersi in una luce piena e vaporosa. Herb Ritts
Herb Ritts inizia la sua carriera fotografica sul finire degli anni settanta guadagnandosi la reputazione di miglior fotografo sia in campo artistico che commerciale. Oltre a produrre ritratti per riviste di moda fra cui Vogue, Vanity Fair, Interview e Rolling Stones, Ritts realizza le campagne pubblicitarie per Calvin Klein, Chanel, Donna Karan, Gap, Gianfranco Ferrè, Gianni Versace, Giorgio …