Passa ai contenuti principali

L'esaltazione della donna per Anna Calori al Centro d'Arte La Bitta

"L'esaltazione della donna" è la mostra personale di pittura di Anna Calori dal primo all'undici marzo 2016 presso il Centro d'Arte La Bitta (via Bari 20, Roma).

Marta Sotgiu in arte Anna Calori, nasce a Roma il 24 giugno del 1975. Assimila la forte identità della famiglia materna e il culto della nobiltà. Fin da piccola seguendo il padre gira il mondo, dove assimila i forti colori e contrasti della natura e varie culture di ogni genere.

Comincia fin dai tempi dell’adolescenza a disegnare e fare ritratti. Frequenta il Liceo Artistico Sant’Orsola a Roma e da lì comincia a studiare le varie tecniche del disegno: disegno dal nudo e anatomia. Finito il Liceo frequenta un maestro mosaicista del Vaticano “Giuseppe Cinquegrana”, all’epoca molto noto e la mosaicista “Maria Teresa Vacchini” inoltre il maestro “Fabrizio Cassio” nel loro studio e da lì apprende le varie tecniche del “Mosaico Minuto Romano”, dove poi entra a far parte del negozio Savelli: “Arte e Tradizione del Mosaico” a San Pietro. Comincia a fare diverse mostre di Mosaico nelle varie gallerie di San Pietro, Borgo Pio, Gaudensi, al Pantheon. Sempre in quel periodo comincia a progettare vari mosaici all’interno di gioielli, lavorando per varie gioiellerie a Roma. Da lì apprende anche il lavoro di “orafa”.

Continua a dipingere dando luce a tante opere riguardanti la figura della donna. Nei suoi dipinti mette in risalto “l’esaltazione della donna” in tutti i suoi aspetti sensuali, materni, etc. Nei suoi quadri applica capelli veri per esaltare nella donna la sua femminilità e il suo fascino. Fa diverse mostre collettive e personali e prende a far parte a varie Associazioni a Roma; “LA BITTA”, “UCAI”, “GAM”.

S’ispira ad una corrente artistica “Art Dèco”, nata a Parigi nel 1925 che in quel periodo restava il centro internazionale del buon gusto e della raffinatezza. I suoi quadri infatti, sono ispirati alla famosa pittrice “Tamara Lempicka” .
La sua ricerca pittorica spazia nel campo figurativo con il tratto lineare del disegno. Le sue opere sono tutte realizzate in acrilico e matite colorate, esaltando molto i volumi, dando vita a rigorosi chiaroscuri.
La maggior parte dei quadri hanno le dimensioni di cm: 40x60, 50x70 e 15x20
Continua a dedicare la sua vita all’arte.

Anna Calori - L'esaltazione della donna
Inaugurazione: martedì 1 marzo 2016, ore 18,00
CENTRO D'ARTE LA BITTA
Roma - dal primo all'undici marzo 2016
Via Bari 20 (00161)
+39 0644180263
la_bitta_arte_dlf_rm@libero.it
www.labitta-arte-dlf-rm.it

Per info: 
tel. 0644170721 , mob. 3389495871


Post popolari in questo blog

Mein Name ist Giulia

Giunta alla seconda esposizione personale a Berlino, con la nuova ricerca Mein Name ist Giulia / Il mio nome è Giulia l’artista toscana Giulia Efisi segna una nuova tappa nella sua esplorazione visiva del concetto di identità e dei passaggi, temi centrali del suo percorso espressivo. 
Dall’iniziale ricerca sul proprio corpo, l’artista si è dedicata alla riscoperta del suo universo privato fatto di persone e oggetti della memoria, fino ad approdare negli ultimi anni alla ricerca sull’identità dell’altro con i suoi Ritratti/Portraits di persone comuni e famose ritratte per il particolare legame che la unisce a esse.
Nelle venti opere esposte alla galleria The Ballery, la Efisi affronta uno scenario nuovo, la metropoli, in cui dà luogo alla sua prima performance artistica. Un mondo privo di àncore, eccetto quella rappresentata da una panchina sulla quale si è seduta e ha cominciato a urlare il proprio nome, sperimentando le reazioni dei passanti. I loro sguardi bassi, il progressivo dist…

Un Respiro a Palazzo Pirelli

L’incontro dei tre artisti - Domenico D'Aria, Marcello Leone, Daniela Nenciulescu - riuniti nella mostra 'Respiro' ci fa riflettere sulla gioia del vivere, sulla semplicità del movimento naturale rappresentato dal respiro, un fiato leggero e sussurrato. Tale respiro che civiene proposto trasforma noi spettatori che ci perdiamo nella nostra quotidianità.
La mostra che è a cura di Anna Comino verrà inaugurata martedì 2 maggio alle 18.30 e potrà essere visitata dal lunedì al venerdì, dalle ore 13 alle ore 19
Respiro PALAZZO PIRELLI - SPAZIO EVENTI Milano - dal 2 al 30 maggio 2017 Via Fabio Filzi 22 (20124) eventi@regione.lombardia.it www.regione.lombardia.it





L’astrattismo inverso di Fulvio Bresciani

Il persiano Al-khwarizmni fu il primo a teorizzare l’algoritmo, il procedimento che risolve un determinato “problema” attraverso un certo numero finito di passi elementari, un concetto fondamentale dell'informatica che può essere eseguito da un calcolatore. Fulvio Bresciani, laureato in ingegneria nucleare, ha applicato l'algoritmo nei suoi dipinti creando una nuova corrente pittorica che lui ha definito “Astrattismo-Inverso”.
In pratica l'artista crea al computer un algoritmo che muove in modo casuale riempiendo lo schermo di una fitta rete di linee e dopo aver calcolato gli interspazi con il computer trasporta questa immagine sulla tela con i colori acrilici. 
Perché “Astrattismo Inverso”? Perché mentre gli astrattisti, negando sempre di più la realtà, sono giunti a realizzare forme non concrete, Fulvio Bresciani partendo da forme astratte e utilizzando la sua fervida fantasia ricostruisce la forma e l'ordine delle cose.
Fulvio Bresciani - L’astrattismo inverso
GALLER…