Passa ai contenuti principali

Nel cuore dell’arte 2018

Giovedì 20 dicembre 2018 il centro benessere Corpo e Mente di via Tanucci 21, ad Arezzo, ospita “Nel cuore dell’arte 2018” , asta di beneficenza di 32 artisti contemporanei in favore dell’associazione Lo Scudo di Pan Onlus .  È l’iniziativa speciale per chiudere in bellezza la sesta stagione espositiva, promossa come sempre dall’associazione culturale AltreMenti e curata da Marco Botti.

A ogni autore che ha aderito è stato chiesto di mettere un’opera all’asta, attingendo alla produzione recente o a quella che ne ha segnato la carriera nel recente passato. 

Il risultato finale è un nucleo di bellissimi lavori eterogenei, che tra pittura, disegno, grafica e fotografia abbracciano tecniche, stili, linguaggi e formati diversi e potranno, quindi, interessare una fascia di collezionisti e amanti dell’arte molto ampia.


Questo è l’elenco dei partecipanti: Katarina Alivojvodic, Vittorio Angini, Simone Anticaglia, Riccardo Antonelli, Silvia Argilli, Maria Bidini, Marco Cipolli, Meri Ciuchi, Stefano D'Amico, Laura Davitti, Cesare Dragoni, Tetsuji Endo, Roberto Ghezzi, Luciano Giani, Sabrina Livi, Sara Lovari, Raffaello Lucci, Elisa Modesti, Dario Polvani, Caterina Puletti, Tonino Puletti, Maurizio Rapiti, Carla Ermini Rasi, Silvia Rossi, Rossana Ruggiero, Lucrezia Senserini, Laura Serafini, Sofia Sguerri, Joy Stafford, Gea Testi, Luigi Torreggiani e Giuliano Trombini.

I prezzi delle opere sono stati decisi direttamente dagli artisti, che con grande sensibilità hanno scelto di partire da una base d’asta di gran lunga inferiore all’effettivo valore di mercato, esulando quindi dai coefficienti di valutazione di operatori e galleristi che li curano.

Tutte le immagini dei quadri e delle fotografie d’autore saranno messe on line nella pagina facebook di AltreMenti.

Le stesse opere saranno allestite negli spazi espositivi di Corpo e Mente e potranno quindi essere ammirate dal vivo.

Giovedì 20 dicembre, alle ore 21,30, si svolgerà l’asta benefica. 

In caso di vendita, l’incasso di ciascun lavoro sarà devoluto all’associazione Lo Scudo di Pan Onlus, da anni impegnata nella cura e nella difesa di cani e gatti meno fortunati (http://www.loscudodipan.org).

L’evento diventa così l’occasione per regalare o regalarsi un’opera unica e preziosa per il Natale 2018 a un prezzo accessibile a tutte le tasche, e allo stesso tempo un modo per sostenere un’associazione di volontariato meritoria. 

“Nel cuore dell’arte” è in concomitanza con la consueta festa di Natale a Corpo e Mente, durante la quale sarà organizzato un buffet per tutti i presenti a partire dalle ore 20. Al rinfresco hanno contributo sponsor tecnici d’eccezione: Fattoria Santa Vittoria, che offrirà i suoi rinomati vini, Il Ghiandaio, che proporrà i suoi apprezzati salumi tipici, e Panificio Fratelli Pierozzi, che contribuirà con le delizie da forno che lo hanno reso celebre.

La serata, a ingresso libero, sarà impreziosita da un suggestivo reading musicale curato dal trio Sciapò.




Post popolari in questo blog

La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini

La scoperta del carteggio inedito tra Telemaco Signorini, il padre Giovanni e il fratello minore Paolo, ha condotto Elisabetta Matteucci e Silvio Balloni a ideare questa raffinata esposizione che vanta due protagonisti, i Signorini da un lato e la loro Firenze dall’altro. 


Il tratto di marcata “fiorentinità” che caratterizza la mostra, unito all’indubbio spessore storico-critico, è tra le ragioni che hanno spinto la famiglia Antinori a realizzare il progetto con l’Istituto Matteucci.
La mostra quindi non poteva trovare sede più appropriata di Palazzo Antinori, edificio storico nel cuore di Firenze, casa di una Famiglia che ha contribuito a fare la Storia della città oltre che della viticoltura di massimo pregio. Per la prima volta, in occasione di “La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini”, il pubblico potrà ammirare i Saloni storici del Piano Nobile di Palazzo Antinori, opportunità che da sola merita un viaggio a Firenze. Saranno essi ad accogliere le opere in mostra, capolavori noti…

ART CITY Bologna 2019 - settima edizione

Alla sua settima edizione, ART CITY Bologna ha luogo per il secondo anno consecutivo sotto la supervisione di Lorenzo Balbi, direttore artistico di MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna, con una importante novità: la manifestazione estende la sua durata fino a divenire una vera e propria art week, con inizio il 25 gennaio e nucleo centrale nel week end dall'1 al 3 febbraio, introducendo, e in seguito affiancando, il week end di Arte Fiera.
Il format di ART CITY Bologna prevede, come nell'ultimo anno, un main program di alto profilo basato su un evento speciale e su una serie di progetti curatoriali monografici, che variano tra mostre, installazioni e performance.
Parte del programma è la sezione ART CITY Segnala, che include oltre 70 eventi selezionati dagli operatori culturali della città, tra cui istituzioni pubbliche e private, gallerie d'arte moderna e contemporanea, artist run space e spazi no-profit. Accanto ad essa, la sezione ART CITY Cinema esplora i rapporti …

De Chirico e Savinio. Una mitologia moderna

Dal 16 marzo al 30 giugno 2019 la Fondazione Magnani-Rocca ospita una grande mostra dedicata a Giorgio de Chirico e Alberto Savinio, i «dioscuri» dell'arte del XX secolo. 
I due fratelli hanno ripensato il mito, l’antico, la tradizione classica attraverso la modernità dell’avanguardia e della citazione, traslandoli e reinterpretandoli per tentare di rispondere ai grandi enigmi dell’uomo contemporaneo, dando vita a quella che Breton definì una vera e propria mitologia moderna. 
La mostra - allestita alla Villa dei Capolavori, sede della Fondazione a Mamiano di Traversetolo presso Parma – presenta oltre centotrenta opere tra celebri dipinti e sorprendenti lavori grafici, in un percorso espositivo che, dalla nascita dell’avventura metafisica, si focalizza su un moderno ripensamento della mitologia e giunge alla ricchissima produzione per il teatro, documentata anche da preziosi costumi per l’opera lirica.   
I Dioscuri dell’Arte – «Sono l'uno la spiegazione dell'altro» scriveva …