Passa ai contenuti principali

Un Rifugio al Nelumbo Open Project.

Rifugio” è il nuovo progetto dell’artist run space bolognese Nelumbo Open Project. Un programma di dieci residenze di 72 ore ciascuna che dal 20 giugno al 27 settembre vedrà il coinvolgimento di dodici artisti attivi nel territorio bolognese: Lorenzo Ermini, Jacopo Ferrarese, Sara Lorusso, Xue Chen, Luca Cavicchi, Teodoro Bonci Del Bene, Barbara Baroncini, Shafei Xia, Didymos (Alessia Certo e Giulia Vannucci) e Studio Edera (Andrea Casciu e Kiki Skipi)

L’iniziativa nasce dalla volontà di Nelumbo di riprendere la propria attività culturale dopo i mesi di chiusura, nonostante l’impossibilità di riaprire gli spazi al pubblico e agli eventi, e di continuare a immaginare operazioni culturali che richiedono tempo e partecipazione attiva. 

Nelumbo nasce, cresce e vive infatti come questione di spazi: lo spazio della galleria, quello del giardino e quello degli allestimenti che occupandolo ne cambiano i connotati e la funzione. Ciascun artista avrà accesso allo spazio della galleria per 72 ore durante le quali potrà produrre un intervento, di qualsiasi natura, destinato ad essere parte di una pubblicazione digitale inviata ogni domenica agli abbonati. 

I contenuti prodotti, per un massimo di otto pagine, andranno a comporre come capitoli il periodico dal titolo Rifugio. Una riflessione collettiva e condivisa all’interno della quale anche il lettore potrà portare il suo contributo componendo a suo piacere l’ordine delle pagine. Rifugiarsi comporta l'ammissione di un pericolo e dunque la rinuncia ad affrontarlo. I dodici artisti sono stati invitati a fare di Nelumbo il loro rifugio e all’interno di questo a riflettere sullo stato di rinuncia come condizione potenzialmente creativa. 

Il pubblico potrà abbonarsi a Rifugio in qualsiasi momento tramite una donazione di minimo 5 euro tramite Paypal (https://www.nelumbo.it/rifugio), chi lo vorrà potrà anche diventare socio inviando a nelumbopen@gmail.com il modulo dedicato, compilato e firmato. 

Iscrivendosi si riceveranno i numeri di Rifugio pubblicati fino al momento della sottoscrizione e quelli successivi. I fondi ricavati dagli abbonamenti e dalle donazioni saranno utilizzati per la gestione e l’organizzazione delle attività di Nelumbo Open Project. Nelumbo Open Project è uno spazio espositivo, gestito e curato da artisti, attivo nella ricerca e nella curatela di opere innovative. Nelumbo Open Project nasce nel maggio del 2018 a Bologna in via Arienti 10 negli spazi di Nelumbo - asian fine arts, la prima galleria d’arte orientale di Bologna. 

Nelumbo Open Project 
nelumbopen@gmail.com Facebook 
@nelumboproject 
Instagram @n.o.project 
www.nelumbo.it via Arienti 10, Bologna

Post popolari in questo blog

Antonio Ligabue. L'uomo, l'artista all'Orangerie della Villa Reale di Monza

Novanta opere, tra dipinti, sculture, incisioni e disegni, ripercorrono la vicenda umana e creativa di uno degli autori più geniali e originali del Novecento italiano: Antonio Ligabue . L'Orangerie della Villa Reale di Monza ospita, fino al 1° maggio 2022, un'antologica dal titolo " Antonio Ligabue. L'uomo, l'artista ", curata da Sandro Parmiggiani , prodotta e organizzata da ViDi in collaborazione con il Comune di Monza e il Consorzio Villa Reale e Parco di Monza. Come immagine guida della mostra è stato scelto "Autoritratto con cavalletto" (1954-1955), un grande dipinto ad olio su tavola di faesite, appartenente alla collezione d'arte di BPER Banca. Il prestito dell'opera, unitamente ad ulteriori tre dipinti acquisiti a seguito dell'incorporazione del ramo d'azienda di UBI Banca ("Aratura con buoi", 1963-54; "Ritorno dai campi con castello", 1955-57; "Leonessa con zebra", 1959-60), rientra nelle attivit

Il Quadro con cerchio di Kandinskij

Si intitola " Quadro con cerchio ", ed è il primo dipinto astratto di Vasilij Vasil'evič Kandinskij , fu realizzato nel 1911 e ritrovato solo nel 1989. Proveniente dal museo nazionale georgiano di Tbilisi, viene per la prima volta esposto in Italia nell'ambito della mostra " Kandinskji, cavaliere errante.In viaggio verso l'astrazione ." , al Mudec di Milano (fino al 9 luglio). Un quadro al quale lo stesso artista attribuiva importanza, come risulta da una sua lettera del 1935: "Quando ho lasciato Mosca, alcuni miei dipinti, in parte di grande formato, sono rimasti in custodia nel museo di Arte Europea Occidentale. Tra essi il mio primissimo quardo astratto del 1911...Purtroppo, non ne possiedo alcuna foto. All'epoca ero scontento del dipinto e pertanto non l'ho neppure numerato e non ho scritto alcuna indicazione sul retro, come faccio sempre, e non l'ho riportato nel mio catalogo personale" . MUDEC

LUIGI MARCON E LE SUE INCISIONI : A Molfetta presso il Fashion District

Luigi Marcon è nato ai Piai di Tarzo (TV) 1938. Apprende l’arte d’incidere a Venezia, prima all’Istituto Statale d’Arte,e in seguito presso il Centro Internazionale della Grafica. Dal 1960 partecipa a molte rassegne di grafica nazionali ed internazionali conseguendo vari riconoscimenti; allestisce numerose personali in Italia e all’estero. Da molti anni si dedica pure all’insegnamento della calcografia mediante corsi teorico-pratici in varie città del Veneto. Opera ed espone in permanenza a Vittorio Veneto, Saletta della Grafica e laboratorio d'incisione in Via Manin, 39. Sono spesso ospiti della galleria noti artisti incisori atti a proporre tecniche ed espressioni diverse.Nella sua principale attività di incisore, oltre che pittore, ha realizzato con le tecniche calcografiche oltre 3000 matrici. Ne esegue personalmente la stampa con torchio a stella, normalmente in venti esemplari e ne biffa la matrice a tiratura ultimata. Fino all'8 maggio 2009 l'artista Luigi Marcon