Passa ai contenuti principali

Marco Petacchi e la MNEMOSYNE

Mostra personale dell'artista Marco Petacchi presso il complesso monumentale del Mauriziano, a Reggio Emilia.

L'Assessorato alla Cultura-Musei Civici del Comune di Reggio Emilia ed il Circolo degli Artisti presentano la mostra personale del giovane artista reggiano Marco Petacchi, curata da Giuseppe Berti con un testo critico di Chiara Serri, dall'11 settembre al 9 ottobre.

L'esposizione, che sarà inaugurata sabato 11 settembre alle ore 17.00 presso il complesso monumentale del Mauriziano, s'intitola Mnemosyne in riferimento ad una ricerca che ruota da anni attorno al tema della memoria, «che si esplica nella predilezione per una materia densa e stratificata, nella scelta del soggetto, ma anche nel recupero di immagini e simboli che appartengono all'inconscio personale e collettivo».

Una cinquantina di opere appartenenti a tre diversi cicli: Internati, Testamento e I guardiani della notte, tutti realizzati dal 2001 ad oggi. Se le prime tele riportano i volti straziati degli internati nei campi di concentramento, i legni, gli altari e le gabbiette della serie Testamento costituiscono, invece, un vero e proprio atlante della memoria, mentre le ultime opere su carta riabilitano I guardiani della notte -gufi, civette ed uccelli rapaci- troppo spesso associati alla malasorte e alla sventura. L'artista, infatti, è da sempre interessato ai reclusi, ai diversi e agli emarginati, insomma alle "Anime salve" cantate da Fabrizio De André.

La mostra, visitabile da martedì a venerdì ore 9.00-12.00, sabato ore 9.00-12.00 e 16.00-19.00, domenica ore 16.00-19.00, si concluderà il 9 ottobre, in occasione della sesta edizione della Giornata del Contemporaneo promossa da AMACI, Associazione Musei d'Arte Contemporanea Italiani.

Marco Petacchi è nato nel 1975 a Reggio Emilia, dove vive e lavora. Diplomato presso l'Istituto d'Arte Gaetano Chierici, ha frequentato l'Accademia di Belle Arti di Bologna, prendendo parte a diverse esposizioni personali e collettive come "I miei fogli" (Archivio Giovani, Reggio Emilia, 1999), "Marco Petacchi" (L'Ottagono, Bibbiano, 2001), "L'isolachenonc'è - Arte con la sindrome di Peter Pan" (Chiostri di San Domenico, Reggio Emilia, 2003), "Voodoo" (Solaio 2C, Reggio Emilia, 2003) e "Dentro" (Galleria San Francesco, Reggio Emilia, 2009).

Post popolari in questo blog

Mein Name ist Giulia

Giunta alla seconda esposizione personale a Berlino, con la nuova ricerca Mein Name ist Giulia / Il mio nome è Giulia l’artista toscana Giulia Efisi segna una nuova tappa nella sua esplorazione visiva del concetto di identità e dei passaggi, temi centrali del suo percorso espressivo. 
Dall’iniziale ricerca sul proprio corpo, l’artista si è dedicata alla riscoperta del suo universo privato fatto di persone e oggetti della memoria, fino ad approdare negli ultimi anni alla ricerca sull’identità dell’altro con i suoi Ritratti/Portraits di persone comuni e famose ritratte per il particolare legame che la unisce a esse.
Nelle venti opere esposte alla galleria The Ballery, la Efisi affronta uno scenario nuovo, la metropoli, in cui dà luogo alla sua prima performance artistica. Un mondo privo di àncore, eccetto quella rappresentata da una panchina sulla quale si è seduta e ha cominciato a urlare il proprio nome, sperimentando le reazioni dei passanti. I loro sguardi bassi, il progressivo dist…

Un Respiro a Palazzo Pirelli

L’incontro dei tre artisti - Domenico D'Aria, Marcello Leone, Daniela Nenciulescu - riuniti nella mostra 'Respiro' ci fa riflettere sulla gioia del vivere, sulla semplicità del movimento naturale rappresentato dal respiro, un fiato leggero e sussurrato. Tale respiro che civiene proposto trasforma noi spettatori che ci perdiamo nella nostra quotidianità.
La mostra che è a cura di Anna Comino verrà inaugurata martedì 2 maggio alle 18.30 e potrà essere visitata dal lunedì al venerdì, dalle ore 13 alle ore 19
Respiro PALAZZO PIRELLI - SPAZIO EVENTI Milano - dal 2 al 30 maggio 2017 Via Fabio Filzi 22 (20124) eventi@regione.lombardia.it www.regione.lombardia.it





Spoleto Arte, un osservatorio sull’arte contemporanea

L’esposizione è stata pensata e realizzata dal manager della cultura e di personaggi dello spettacolo Salvo Nunges, e si avvarrà della preziosa curatela del critico d’arte Vittorio Sgarbi. Visto il grande successo e clamore avvenuto in occasione dell’inaugurazione, avvenuta il 1° luglio, il comitato artistico ha deciso di prorogarla fino alla fine del mese di agosto.
Spoleto Arte” è stata definita da Sgarbi: “un osservatorio sull’arte contemporanea” e rappresenta un contenitore di cultura e arte in cui quest’anno si sono viste numerose personalità di spicco: dal viceministro Maria Elena Boschi al presidente del “Festival dei Due Mondi” Fabrizio Cardarelli, dall’On. Lella Golfo al volto noto di Canale 5 Alessandro Meluzzi, da Livia Pomodoro alla scrittrice Sveva Casati Modignani, da Paola Severini della Rai alla statistica Linda Laura Sabbadini, da Sonia Laura Tatò all’inviato di “Striscia la Notizia” Patrick Pugliese, dal noto conduttore televisivo Pippo Franco alla funzionaria press…