Passa ai contenuti principali

DREAM IN ART con Serena Rossi

Mostra personale dell'artista Serena Rossi, a cura di Lorenzo Argentino e con testo e presentazione di Sonia Patrizia Catena, da questa sera al 24 ottobre, presso lo Spazio 1 dell'ASSOCIAZIONE CIRCUITI DINAMICI del Circolo Culturale Bertolt Brecht in Via Giovanola 21/C Milano.

"Le tele di Serena Rossi diventano terreno di possibilità per la creazione di relazioni fra i processi alchemici e la sfera dell’immaginazione. La sua pittura diviene cammino psichico che guida alla percezione di sé ed all’emancipazione dell’io dai conflitti interiori. Le grandi tele assurgono a luogo di esistenza dell’artista e dell’arte, spazio svincolato dalle convenzioni estetiche, in cui la Rossi convoglia le proprie emozioni e la propria energia vitale. Campo d’azione pittorico che permette di penetrare in una dimensione altra, in un sogno, in cui la contemplazione può condurre alla trascendenza. La Rossi alla stregua di un’alchimista trasfigura materiali industriali (polveri metalliche, spray acrilici, glitters e smalti) in soluzioni nobili ed artistiche. Un processo complesso attraverso il quale la pulsione endogena aspira alla trasformazione, alla liberazione della psiche proiettata e vissuta nell’alterazione delle sostanze materiali.
 
Nello studio-laboratorio dell’artista milanese tra gli alambicchi ed i pennelli si attende l’evoluzione della personalità, la metamorfosi della materia, laddove la psiche embrionale si avvia alla sua trasmutazione e in cui assistiamo ad una lotta caotica tra tendenze ed energie opposte. I colori emulsionati seguono architetture fittizie, si snodano lungo la superficie telata in densi e morbidi strati di masse cromatiche intervallate da spazi vuoti, attimi di respiro e interstizio fra i vari materiali. Un’energia si muove libera e sembra non seguire alcuna logica interna o principio razionale. Affiorano “forme” da una materia brulicante, energetica, la quale a sua volta si stempera in uno scenario primordiale di fluidificazione di ogni identità. L’essenza del suo lavoro – dunque - sta nella loro combinazione e nella loro condensazione. La conquista dell’arte corrisponde allo stadio finale caratterizzato dalla fusione degli elementi e dalla sintesi ultima: la tela, ove le impressioni dello spettatore e dell’artista prendono vita mediante visioni fantastiche.
 
La materia ribolle come se dovesse scatenare singolarmente un certo vitalismo per non essere soggiogata da una terreno primordiale in cui anche ogni elemento appare immerso o, ancora, i segni si vaporizzano divenendo forme oniriche che galleggiano evanescenti nell’etere, nel sogno dell’arte." - Testo a cura di di Sonia Patrizia Catena 

Post popolari in questo blog

Mein Name ist Giulia

Giunta alla seconda esposizione personale a Berlino, con la nuova ricerca Mein Name ist Giulia / Il mio nome è Giulia l’artista toscana Giulia Efisi segna una nuova tappa nella sua esplorazione visiva del concetto di identità e dei passaggi, temi centrali del suo percorso espressivo. 
Dall’iniziale ricerca sul proprio corpo, l’artista si è dedicata alla riscoperta del suo universo privato fatto di persone e oggetti della memoria, fino ad approdare negli ultimi anni alla ricerca sull’identità dell’altro con i suoi Ritratti/Portraits di persone comuni e famose ritratte per il particolare legame che la unisce a esse.
Nelle venti opere esposte alla galleria The Ballery, la Efisi affronta uno scenario nuovo, la metropoli, in cui dà luogo alla sua prima performance artistica. Un mondo privo di àncore, eccetto quella rappresentata da una panchina sulla quale si è seduta e ha cominciato a urlare il proprio nome, sperimentando le reazioni dei passanti. I loro sguardi bassi, il progressivo dist…

Un Respiro a Palazzo Pirelli

L’incontro dei tre artisti - Domenico D'Aria, Marcello Leone, Daniela Nenciulescu - riuniti nella mostra 'Respiro' ci fa riflettere sulla gioia del vivere, sulla semplicità del movimento naturale rappresentato dal respiro, un fiato leggero e sussurrato. Tale respiro che civiene proposto trasforma noi spettatori che ci perdiamo nella nostra quotidianità.
La mostra che è a cura di Anna Comino verrà inaugurata martedì 2 maggio alle 18.30 e potrà essere visitata dal lunedì al venerdì, dalle ore 13 alle ore 19
Respiro PALAZZO PIRELLI - SPAZIO EVENTI Milano - dal 2 al 30 maggio 2017 Via Fabio Filzi 22 (20124) eventi@regione.lombardia.it www.regione.lombardia.it





Spoleto Arte, un osservatorio sull’arte contemporanea

L’esposizione è stata pensata e realizzata dal manager della cultura e di personaggi dello spettacolo Salvo Nunges, e si avvarrà della preziosa curatela del critico d’arte Vittorio Sgarbi. Visto il grande successo e clamore avvenuto in occasione dell’inaugurazione, avvenuta il 1° luglio, il comitato artistico ha deciso di prorogarla fino alla fine del mese di agosto.
Spoleto Arte” è stata definita da Sgarbi: “un osservatorio sull’arte contemporanea” e rappresenta un contenitore di cultura e arte in cui quest’anno si sono viste numerose personalità di spicco: dal viceministro Maria Elena Boschi al presidente del “Festival dei Due Mondi” Fabrizio Cardarelli, dall’On. Lella Golfo al volto noto di Canale 5 Alessandro Meluzzi, da Livia Pomodoro alla scrittrice Sveva Casati Modignani, da Paola Severini della Rai alla statistica Linda Laura Sabbadini, da Sonia Laura Tatò all’inviato di “Striscia la Notizia” Patrick Pugliese, dal noto conduttore televisivo Pippo Franco alla funzionaria press…