Passa ai contenuti principali

A Beautiful Lie Marco Demis e Noemi Montanaro

La galleria Glenda Cinquegrana: the Studio è lieta di presentare un evento creato appositamente per gli spazi di Nap Atelier di via Piave 19 di Milano, intitolato A Beautiful Lie, ovvero una mostra comprendente il lavoro di due giovani artisti, Marco Demis e Noemi Montanaro. L’esposizione nasce dalla collaborazione fra la galleria Glenda Cinquegrana: the Studio e Liberal Design Strategy di Paola Miraglia, dove l’arte e il design, pur attraverso i rispettivi linguaggi, convergono verso lo stesso fine di interpretare il mondo che ci circonda.
 
Il filo conduttore che lega le opere dei due artisti è la riflessione sulla bellezza femminile, intesa quale forma di illusione. I due artisti, nel loro rispondere alle suggestioni del titolo, riflettono sull’argomento offrendo punti di vista opposti, ma che appaiono essere complementari.
 
La bellezza è elemento caratteristico delle donne di Marco Demis. La donna raccontata dal giovane pittore lombardo si incarna nella figura della fanciulla, soggetto privilegiato della sua ricerca visiva, in cui l’eleganza e la grazia sono il prodotto di un attento studio della forma, che anela ad essere perfetta. Tanto più la giovinezza è elemento caratteristico di queste donne, tanto più evidente è la condizione di transitorietà propria di quella perfezione, dove essa vive nello spazio circoscritto di una stagione per andare verso la sua naturale decadenza, che se non è di pari passo al procedere dell’età, lo è alla perdita dell’innocenza.
 
Noemi Montanaro, attraverso le sue tassidermie di animali variopinti rappresenta la contrapposizione, propria della condizione femminile contemporanea, fra la dimensione naturale della maternità e quel femminile che di questa identità cerca di liberarsi, ingaggiando la ricerca della seduzione e della sensualità. Il corpo dell’animale in tassidermia che si cimenta nell’evoluzione forzosa dei connotati del proprio corpo rappresenta il tentativo di liberazione della donna dalla sua condizione naturale, verso la costruzione di un ideale di bellezza che è tutto artificiale. La donna cui alludono gli animali di Noemi è l’espressione della perdita dello stato di natura, e dell’artificio quale elemento di espressione del sé.
 
Noemi Montanaro appare grazie alla galleria The Format, Contemporary Culture Gallery, Milano.   

Marco Demis nasce a Milano nel 1982. Dal 2001 studia all’Accademia di Belle Arti di Brera e nel 2007 consegue la laurea specialistica in architettura al Politecnico di Milano. Attualmente vive e lavora a Milano. Mostre personali selezionate:Apollinea, Area/B, Milano, (2012) a cura di I. Quaroni; Altari, Giamaart Studio, Vitulano (BN) (2011), a cura di I. Quaroni; Casa di bambola, Barbara Frigerio Gallery, Milano (2008); Rag Dolls, Glenda Cinquegrana: the Studio, Milano (2008). Mostre collettive selezionate:Premio Lissone, Museo di Lissone, (2012) a cura di Alberto Zanchetta; Italian Newbrow, Pinacoteca di Palazzo Volpi, Como, (2012) a cura di I. Quaroni; Quadratonomade, Palazzo delle Esposizioni, Roma, (2012) a cura di Donatella Giordano; Spam, Fondazione Pastificio Cerere, Roma, (2012); Janare, Capa, Casa Arcangelo Progetto d’Arte, San Nazzaro, (2012) a cura di I. Quaroni; Premio Celeste, Fabbrica Borroni, Bollate, (2010) a cura di I. Quaroni; Berliner liste 2009, Haus Cumberland, Berlino, Ego Gallery (2009).
Noemi Montanaro è nata a Napoli nel 1986, dove vive e lavora. Ha esordito quest’anno alla galleria The Format Contemporary Culture gallery a Milano con la personale Beauty-Full a cura di G. Cabib.

A Beautiful Lie Marco Demis e Noemi Montanaro
Giovedì, 20 Marzo, 2014 - 18:30
Nap Atelier
Via Piave 19, Milano
Cocktail: giovedì 20 marzo 2014, ore 18.30.
Da venerdì 21 marzo a giovedì 27 marzo 2014.
Dal lunedì al sabato, dalle 9.15 alle 18.30.
Cocktail di chiusura: giovedì 27 marzo, ore 21.30.
In collaborazione con LIBERAL DESIGN STRATEGY di Paola Miraglia.
Per maggiori informazioni si prega di contattare la galleria all'e-mail
info@glendacinquegrana.com e allo 02/89695586, oppure Paola Miraglia all’indirizzo e-mail info@paolamiraglia.com.

Post popolari in questo blog

Il Quadro con cerchio di Kandinskij

Si intitola " Quadro con cerchio ", ed è il primo dipinto astratto di Vasilij Vasil'evič Kandinskij , fu realizzato nel 1911 e ritrovato solo nel 1989. Proveniente dal museo nazionale georgiano di Tbilisi, viene per la prima volta esposto in Italia nell'ambito della mostra " Kandinskji, cavaliere errante.In viaggio verso l'astrazione ." , al Mudec di Milano (fino al 9 luglio). Un quadro al quale lo stesso artista attribuiva importanza, come risulta da una sua lettera del 1935: "Quando ho lasciato Mosca, alcuni miei dipinti, in parte di grande formato, sono rimasti in custodia nel museo di Arte Europea Occidentale. Tra essi il mio primissimo quardo astratto del 1911...Purtroppo, non ne possiedo alcuna foto. All'epoca ero scontento del dipinto e pertanto non l'ho neppure numerato e non ho scritto alcuna indicazione sul retro, come faccio sempre, e non l'ho riportato nel mio catalogo personale" . MUDEC

Il realismo magico di Mario Giacomelli e Le realtà del Sogno.

Il 2020 ha segnato il ventennale della scomparsa di Mario Giacomelli e il Comune di Senigallia, Città della Fotografia , continua a rendere omaggio anche nel 2021 a uno dei maestri internazionali della fotografia del Novecento, dedicando un’ala del Palazzo del Duca ad un’esposizione permanente delle sue opere donate negli anni ‘90 dall’artista stesso al Comune. In una porzione riqualificata di Palazzo del Duca, che ospita da anni la programmazione espositiva della città di Senigallia, saranno fruibili circa 80 fotografie selezionate e allestite in collaborazione con gli archivi Giacomelli rappresentati dai due direttori Simone Giacomelli e Katiuscia Biondi . Non una mostra temporanea quindi, ma un riallestimento della collezione permanente che vuole raccontare l’universo poetico ed artistico del grande fotografo senigalliese e renderlo fruibile in maniera permanente a cittadinanza e visitatori. Inoltre si vuole fornire una lettura innovativa dell’opera del maestro che viene proposta

La nuova scultura di Carlo Bacci a Tellaro

A Tellaro , uno dei borghi più belli d’Italia che si trova in Liguria nel Golfo dei Poeti, è stata ripristinata la discesa a mare da via Pelosini verso il “GRO”. Il GRO è il nome del grande scoglio che si trova proprio davanti a Tellaro, una discesa a mare molto suggestiva. Nella riqualificazione di questa discesa a mare è stata inserita la nuova scultura dell’artista locale Carlo Bacci che verrà inaugurata ufficialmente sabato 24 Aprile 2021. L’opera ne celebra il nome e riprende la spirale del tentacolo del polpo, simbolo grafico di Tellaro. GRO di Carlo Bacci Queste le parole dell’artista Carlo Bacci: " Felice ed onorato di essere stato chiamato in causa per il nostro GRO.  Il GRO è uno scoglio che è stato palestra di vita e di nuoto per chi come me è nato e cresciuto a Tellaro.  Non ho avuto nessun dubbio su come realizzare questo intervento, solo nome e cognome di questo luogo, che ci portiamo dentro: GRO un suono che ne racchiude la sua l'immagine compatta.  Il suo colo