Passa ai contenuti principali

Simona Barbera - Daphne Cneorum. Something there needs to thrive

Il progetto, nato da una ricerca che Simona Barbera porta avanti da oltre un anno, prende il titolo da un piccolo arbusto velenoso diffuso nell'Appennino ligure, una pianta da cui si ricava una tintura vegetale utilizzata per colorare la lana.
 
Con un passato in studi musicali non occidentali - vocalità indiana - Simona Barbera ha esplorato, in diversi anni, il suono come medium artistico espanso. Negli ultimi anni ha concentrato la sua ricerca sull'arte sonora, prestando particolare attenzione alla voce parlata e al testo, dando forma ad installazioni sonoro/visive in cui la materia acustica entra in relazione ad interventi site-specific.
 
Attraverso l'uso della voce parlata, assenza e fragilità diventano catalizzatori per un nuovo potenziale. Concentrandosi sull'aspetto teorico e critico, nei suoi progetti Simona Barbera cita spesso temi ambientali relativi alla pratica fotografica e sonora, dove l'idea di vulnerabilità solleva questioni connesse alla trasformazione del paesaggio, perdita, potere e controllo. Il punto centrale della sua ricerca è l'idea di sovvertire il rapporto corpo-territorio come un sistema nostalgico, integrale e chiuso: confini nazionali, sicurezza, ordini stabiliti, potere sulla vita e la morte - in breve, il potere sovrano.
Tra i suoi progetti, On a Perilous Absence, Møllebyen Litteraturfestival in Norvegia; My Skeletons, No Place Gallery, Oslo, Norvegia; Italian Cultural Institute in the world, 54° Biennale di Venezia; To be heard is to be seen, Museo Henie Onstad Art Center in Norvegia; From the liberty square to the independent square, Lodz Biennale; 25 hours a day, Villa Romana, Firenze, Netmage Festival, Bologna; diversi “solo show” tra cui I walk into this garden IIC in Norvegia, Federica Schiavo Gallery (Roma), Oh, my dark soul!, Space4235, Tromsø, Saturn over sunset, Black Temporary Space (Bergamo).
 
 

Simona Barbera - Daphne Cneorum. Something there needs to thrive
CHAN
Genova - dal 12 marzo al 4 maggio 2014
Via Di Sant'Agnese 19 R (16124)
+39 3385703963 , +39 3381997496
info@chanarte.com
www.chanarte.com

Post popolari in questo blog

Il Quadro con cerchio di Kandinskij

Si intitola "Quadro con cerchio", ed è il primo dipinto astratto di Vasilij Vasil'evič Kandinskij, fu realizzato nel 1911 e ritrovato solo nel 1989.
Proveniente dal museo nazionale georgiano di Tbilisi, viene per la prima volta esposto in Italia nell'ambito della mostra "Kandinskji, cavaliere errante.In viaggio verso l'astrazione." , al Mudec di Milano (fino al 9 luglio).
Un quadro al quale lo stesso artista attribuiva importanza, come risulta da una sua lettera del 1935: "Quando ho lasciato Mosca, alcuni miei dipinti, in parte di grande formato, sono rimasti in custodia nel museo di Arte Europea Occidentale. Tra essi il mio primissimo quardo astratto del 1911...Purtroppo, non ne possiedo alcuna foto. All'epoca ero scontento del dipinto e pertanto non l'ho neppure numerato e non ho scritto alcuna indicazione sul retro, come faccio sempre, e non l'ho riportato nel mio catalogo personale".

MUDEC



Antropocene – L’epoca umana

Una meditazione cinematografica sulla massiccia ricostruzione del pianeta da parte dell'umanità, 'Antropocene – L’epoca umana' è un film documentario che avuto una lavorazione di quattro anni ad opera del pluripremiato team composto da Jennifer Baichwal, Nicholas de Pencier e Edward Burtynsky.




Terzo in una trilogia che include Manufactured Landscapes (2006) e Watermark (2013), il film segue la ricerca di un gruppo internazionale di scienziati, il gruppo di lavoro Anthropocene che, dopo quasi 10 anni di ricerca, sostiene la teoria secondo cui l'epoca dell’Olocene ha lasciato il posto all'epoca dell’Antropocene a metà del XX secolo in seguito a profondi e duraturi cambiamenti.
Dalle pareti di cemento in Cina che ora coprono il 60% della costa continentale, alle più grandi macchine terrestri mai costruite in Germania, alle psichedeliche miniere di potassio negli Urali russi, alle fiere di metallo nella città di Norilsk, alla devastante Grande Barriera Corallina in Austr…

Ti sento! Non essere sordo alle emozioni

La mostra collettiva " Ti sento! Non essere sordo alle emozioni" - da quest'oggi a mercoledì 19 presso la Tevere Art Gallery, in via Santa Passera 25 , Roma - è un progetto poli-artistico bi-culturale, curato da Francesca Masiero, che intende mettere a confronto il mondo dei sordi e quello degli udenti, scoprendo l’enorme potenziale comunicativo della LIS, la Lingua dei Segni Italiana, fatta di espressioni emotive e concrete gestualità.
Gli artisti, sordi e udenti, coinvolti nella mostra sono Alessandro Arrigo, Re Barbus, The Silent Beat, Marco Capellacci, Marco Verni, Cristina Eidel, Konstantinos Papaioannou e Gina Scanzani.
Attraverso la sperimentazione di grafiche, collage, illustrazioni e fotografie, racconteranno il silenzio e la mancanza di suono, mettendo in discussione certezze acquisite e aiuteranno a comprendere meglio il valore e il significato più profondo della parola e della comunicazione con l’altro. Scoprire il mondo di chi non sente aiuta a riflettere criti…