Passa ai contenuti principali

Woman in Light is Lisa Bartleson

Sphere 0513.31.14
 resina e tecnica mista, 79x79x5cm
Woman in Light” è la mostra dedicata a Lisa Bartleson (Seattle Washington, 1968), l’artista erede del movimento californiano degli anni Sessanta/Settanta denominato Light and Space che accomuna gli artisti che utilizzano la luce al fine di creare spazi esistenziali che esaltino la percezione dell’individuo.

L’indagine di Bartleson va ben oltre la sperimentazione su luce e spazio perché ciascun’opera è composta con una sorta di nuova tecnica di mosaico, come nessun altro finora si era cimentato. Le centinaia di pezzetti di Mylar - un materiale plastico che nasce negli USA proprio negli anni Sessanta per soddisfare gli artisti del tempo nella loro costante ricerca di fornire all’arte sempre più nuove soluzioni espositive – sono disposti con la tecnica dell’accumulazione, più volte sperimentata durante il Novecento e che nelle sue opere si trasforma in gestualità, necessaria per liberarne la creatività.

Lisa Bartleson nasce con una mentalità scientifica, derivata dagli studi universitari in biologia, ma è il suo lato emotivo a preponderare nella sua vita e, di conseguenza, nella sua arte: un’emotività semplice, composta di piccole cose e momenti, come un panorama o un tramonto, che animano di colore e luce ogni sua opera. Non ha bisogno di forma perché si propone di raffigurare ciò che non può essere rappresentato normalmente grazie a colori e sfumature diverse, che insieme donano un senso di movimento. Bartleson non può fare a meno della luce, delle infinite sfumature che offre allo sguardo, determinando milioni di nuances di colore. L’espressività somma di questa donna e di quest’artista sta nella forza del colore potente e prepotentemente irrompente nella sua vita.

La mostra consiste in una sorta di light show – dal punto di vista musicale assimilabili alle sperimentazioni durante i concerti dei Jefferson Airplane negli USA o dei Pink Floyd in Inghilterra – poiché inscena un’esperienza visiva molto forte: non sarà l’uso di tecnologie d’avanguardia a catturare l’attenzione del pubblico bensì i giochi di luce multicolore, prodotti dal Mylar, e di riflesso grazie all’utilizzo della resina in cui le opere vengono “imbevute” per poterne permettere la rifrazione. La lucidità che ne deriva, un’ennesima sperimentazione, permette allo spettatore di percepire il senso di profondità interno alla struttura. Un esperimento cinetico/visuale, di stampo tipicamente californiano, che ci permette di dire che le opere della Bartleson contengono e si offrono alla visione attraverso una luce interna, la composizione in sé, e una luce esterna, data dalla sua stessa rifrazione. Un’ulteriore dimostrazione della vastità di possibilità che l’arte offre al mondo dalle sue origini ad oggi.



Lisa Bartleson - Woman in Light
Torino - dal 29 luglio al 21 settembre 2014

RAFFAELLA DE CHIRICO GALLERIA D'ARTE
Via Della Rocca 19 (10123)
Via Giolitti, 52
+39 011 835357

info@dechiricogalleriadarte.it
www.dechiricogalleriadarte.com



Post popolari in questo blog

La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini

La scoperta del carteggio inedito tra Telemaco Signorini, il padre Giovanni e il fratello minore Paolo, ha condotto Elisabetta Matteucci e Silvio Balloni a ideare questa raffinata esposizione che vanta due protagonisti, i Signorini da un lato e la loro Firenze dall’altro. 


Il tratto di marcata “fiorentinità” che caratterizza la mostra, unito all’indubbio spessore storico-critico, è tra le ragioni che hanno spinto la famiglia Antinori a realizzare il progetto con l’Istituto Matteucci.
La mostra quindi non poteva trovare sede più appropriata di Palazzo Antinori, edificio storico nel cuore di Firenze, casa di una Famiglia che ha contribuito a fare la Storia della città oltre che della viticoltura di massimo pregio. Per la prima volta, in occasione di “La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini”, il pubblico potrà ammirare i Saloni storici del Piano Nobile di Palazzo Antinori, opportunità che da sola merita un viaggio a Firenze. Saranno essi ad accogliere le opere in mostra, capolavori noti…

ART CITY Bologna 2019 - settima edizione

Alla sua settima edizione, ART CITY Bologna ha luogo per il secondo anno consecutivo sotto la supervisione di Lorenzo Balbi, direttore artistico di MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna, con una importante novità: la manifestazione estende la sua durata fino a divenire una vera e propria art week, con inizio il 25 gennaio e nucleo centrale nel week end dall'1 al 3 febbraio, introducendo, e in seguito affiancando, il week end di Arte Fiera.
Il format di ART CITY Bologna prevede, come nell'ultimo anno, un main program di alto profilo basato su un evento speciale e su una serie di progetti curatoriali monografici, che variano tra mostre, installazioni e performance.
Parte del programma è la sezione ART CITY Segnala, che include oltre 70 eventi selezionati dagli operatori culturali della città, tra cui istituzioni pubbliche e private, gallerie d'arte moderna e contemporanea, artist run space e spazi no-profit. Accanto ad essa, la sezione ART CITY Cinema esplora i rapporti …

De Chirico e Savinio. Una mitologia moderna

Dal 16 marzo al 30 giugno 2019 la Fondazione Magnani-Rocca ospita una grande mostra dedicata a Giorgio de Chirico e Alberto Savinio, i «dioscuri» dell'arte del XX secolo. 
I due fratelli hanno ripensato il mito, l’antico, la tradizione classica attraverso la modernità dell’avanguardia e della citazione, traslandoli e reinterpretandoli per tentare di rispondere ai grandi enigmi dell’uomo contemporaneo, dando vita a quella che Breton definì una vera e propria mitologia moderna. 
La mostra - allestita alla Villa dei Capolavori, sede della Fondazione a Mamiano di Traversetolo presso Parma – presenta oltre centotrenta opere tra celebri dipinti e sorprendenti lavori grafici, in un percorso espositivo che, dalla nascita dell’avventura metafisica, si focalizza su un moderno ripensamento della mitologia e giunge alla ricchissima produzione per il teatro, documentata anche da preziosi costumi per l’opera lirica.   
I Dioscuri dell’Arte – «Sono l'uno la spiegazione dell'altro» scriveva …