Passa ai contenuti principali

Le Sfumature di Gisella Spinella


Presso Piziarte Associazione Culturale in Via Sardegna 3, 64018 Tortoreto Lido (Teramo). Mostra personale di Gisella Spinella dal titolo “ Sfumature ”. A cura di Manuela Cucinella e Patrizia Alice Cucinella . Testo critico di Carla Petrella

La mostra si terrà dal 16 Gennaio 2016 al 19 Marzo 2016.
Vernice 16 Gennaio 2016 ore 19.

Nel testo che accompagna la mostra, Carla Petrella scrive: 

Con grande maestria, Gisella Spinella esprime nelle sue opere uno stretto rapporto sinergico tra dimensione stilistica e tecnica, una sorta di "teatro della pittura" che si snoda in un gioco di continui rimandi al linguaggio dei segni, al linguaggio del colore, al linguaggio del corpo...

Lo spettatore viene immediatamente catturato dalla dimensione quasi fiabesca delle opere e "nell'inconfusione ", tra sogno e realtà, prende vita un ambito scenico che esprime ora tranquillità, ora tormento, immortalando quell'io personale che non è infelice, ma non ha raggiunto la "piena soddisfazione".

E' la potenza artistica delle opere, la forza trasfigurante che consente allo spettatore di percepire una " gioia originaria" che si propaga dai tocchi di colore sotto forma di bagliore diffuso e vivace.

Il piacere estetico che le diverse opere emanano, diventa un gioco di trasposizioni e rispecchiamenti che punta a trascendere l'esistenza. A volte sembra che l'artista voglia interrompere quel rapporto estetico con la natura, per lasciare spazio, attraverso segni e colori, a forme capaci di dominare " l'inconfusione". Cerca di esprimere un conflitto e ci suggerisce come risolverlo, rendendo distinto e chiaro cio' che nella realtà è confuso!!

Ogni opera è di fatto, poesia e favola e ci permette di recuperare quello stupore spesso negato al mondo che ci circonda.

In questo "teatro" della pittura", nelle scene di vita quotidiana, i diversi attori ci pongono di fronte ai principali problemi umani: il bisogno di essere amati, la sensazione di essere inadeguati, il senso di solitudine....la sensazione di aver perso la strada...

Forse è questo il vero valore di queste opere: porci di fronte ai nostri limiti per aiutarci a riscoprire la nostra vera identità spesso celata dietro un sorriso malinconico che va oltre le maschere che la vita ci impone. Una sorta di viaggio in un mare tempestoso in cui naufragare è necessario per " diventare se stessi"!!

E infine, quando il viaggio tra le diverse opere volge al termine, lo sguardo non può non rivolgersi a quelle sfumature di azzurro che colorano diverse tele e che appagano l'occhio e nutrono l'anima!!

Per info:
Galleria Piziarte
Diretta da Manuela e Patrizia Cucinella
www.piziarte.net

www.piziarte.net
info@piziarte.net 
339 4935925

Post popolari in questo blog

Mein Name ist Giulia

Giunta alla seconda esposizione personale a Berlino, con la nuova ricerca Mein Name ist Giulia / Il mio nome è Giulia l’artista toscana Giulia Efisi segna una nuova tappa nella sua esplorazione visiva del concetto di identità e dei passaggi, temi centrali del suo percorso espressivo. 
Dall’iniziale ricerca sul proprio corpo, l’artista si è dedicata alla riscoperta del suo universo privato fatto di persone e oggetti della memoria, fino ad approdare negli ultimi anni alla ricerca sull’identità dell’altro con i suoi Ritratti/Portraits di persone comuni e famose ritratte per il particolare legame che la unisce a esse.
Nelle venti opere esposte alla galleria The Ballery, la Efisi affronta uno scenario nuovo, la metropoli, in cui dà luogo alla sua prima performance artistica. Un mondo privo di àncore, eccetto quella rappresentata da una panchina sulla quale si è seduta e ha cominciato a urlare il proprio nome, sperimentando le reazioni dei passanti. I loro sguardi bassi, il progressivo dist…

Un Respiro a Palazzo Pirelli

L’incontro dei tre artisti - Domenico D'Aria, Marcello Leone, Daniela Nenciulescu - riuniti nella mostra 'Respiro' ci fa riflettere sulla gioia del vivere, sulla semplicità del movimento naturale rappresentato dal respiro, un fiato leggero e sussurrato. Tale respiro che civiene proposto trasforma noi spettatori che ci perdiamo nella nostra quotidianità.
La mostra che è a cura di Anna Comino verrà inaugurata martedì 2 maggio alle 18.30 e potrà essere visitata dal lunedì al venerdì, dalle ore 13 alle ore 19
Respiro PALAZZO PIRELLI - SPAZIO EVENTI Milano - dal 2 al 30 maggio 2017 Via Fabio Filzi 22 (20124) eventi@regione.lombardia.it www.regione.lombardia.it





L’astrattismo inverso di Fulvio Bresciani

Il persiano Al-khwarizmni fu il primo a teorizzare l’algoritmo, il procedimento che risolve un determinato “problema” attraverso un certo numero finito di passi elementari, un concetto fondamentale dell'informatica che può essere eseguito da un calcolatore. Fulvio Bresciani, laureato in ingegneria nucleare, ha applicato l'algoritmo nei suoi dipinti creando una nuova corrente pittorica che lui ha definito “Astrattismo-Inverso”.
In pratica l'artista crea al computer un algoritmo che muove in modo casuale riempiendo lo schermo di una fitta rete di linee e dopo aver calcolato gli interspazi con il computer trasporta questa immagine sulla tela con i colori acrilici. 
Perché “Astrattismo Inverso”? Perché mentre gli astrattisti, negando sempre di più la realtà, sono giunti a realizzare forme non concrete, Fulvio Bresciani partendo da forme astratte e utilizzando la sua fervida fantasia ricostruisce la forma e l'ordine delle cose.
Fulvio Bresciani - L’astrattismo inverso
GALLER…