Passa ai contenuti principali

Angelo Zuena – Il fiore e il ferro (paesaggi sconosciuti)


Angelo ZuenaIl fiore & il ferro (paesaggi sconosciuti) 
Spazio COMEL Arte Contemporanea – Via Neghelli, 68 – Latina
dal 5 al 20 marzo 2016
Presentazione di Marcello Carlino

Angelo Zuena, oltre che nel suo territorio d’origine, ha esposto i suoi lavori a Pisa, Torino, Rovereto, Venezia, Roma, Ferrara, Parigi, Padova e Biella.
Ha ricevuto diversi premi e riconoscimenti tra cui la medaglia del Presidente della Repubblica.
Si sono interessati e hanno scritto della sua pittura: Natale Antonio Rossi, Giovanni Burali d’Arezzo, Danilo Soscia, Francesca Mariotti, Luciano Doddoli, Sara Tagliacozzo, Franco De Luca, Normanno Soscia, Antonio Di Leta e Maria Teresa Molineris.

Una splendida inattualità
“Duro e inossidabile come il granito, il vetro, la giada e tutte le pietre dure, come certa materia resistente al tempo. Vedo Zuena e penso alle foreste pietrificate, ai fossili, a quelle cose che passano dalla deperibilità dell'organico alla durevolezza del minerale. 
Zuena appartiene alla famiglia degli artisti ostinati. La sua ricerca, mai paga, è sempre sospinta oltre se stessa. Pur nella varietà delle scelte compositive, sembra che insegua sempre lo stesso quadro, e ogni lavoro è un approssimarsi alla perfezione di questo quadro estremo. 
Scarti, minime variazioni su un impianto compositivo consolidatosi in decenni di lavoro. Le regole del gioco sono fissate: è nato lo stile. Zuena se l'è “conquistato”, il suo modo è riconoscibile, nel vasto cielo dell'arte visiva è una costellazione piccola o grande, prossima o remota, lucente od opaca, qui non fa differenza. C'è da qualche parte ed è un fatto incontestabile. 

La questione travalica il gusto e i valori estetici. La sua ricerca, proprio per l'ostinazione a ripetere l'uguale in vista di un limite estremo, è di per sé un fatto artistico. Benché dipinga fin dall'adolescenza, Zuena è riuscito a tenersi sempre in disparte. Nel suo rifugio di provincia, dove il tempo della storia sembra arrestarsi, vive l'arte come esperienza totale e assoluta. Distante anni luce dal modello dell'artista dei nostri giorni fluido e precario, pressato dall'attualità delle mode estetiche, vittima, se non schiavo, delle finzioni del sistema dell'arte, Zuena compie il suo viaggio in solitaria con il coraggio di un pioniere attratto dall'ignoto. 

Zuena è inattuale: la sua esperienza creativa ha una temporalità sconnessa dalla temporalità sociale. Questo tempo separato, essendo radicalmente conflittuale, vive di luce propria. Non c'è nulla di mimetico nella sua pittura, è come se questa trovasse in se stessa il proprio principio generativo. Qui sta forse la peculiarità: è una ricerca serrata e costante che non ha bisogno di forze esterne per sussistere, ma si affida a un riserva di energia creativa interna che minaccia di esaurirsi, ma come per miracolo si rinnova.” - Giovanni Burali d’Arezzo

Post popolari in questo blog

Mein Name ist Giulia

Giunta alla seconda esposizione personale a Berlino, con la nuova ricerca Mein Name ist Giulia / Il mio nome è Giulia l’artista toscana Giulia Efisi segna una nuova tappa nella sua esplorazione visiva del concetto di identità e dei passaggi, temi centrali del suo percorso espressivo. 
Dall’iniziale ricerca sul proprio corpo, l’artista si è dedicata alla riscoperta del suo universo privato fatto di persone e oggetti della memoria, fino ad approdare negli ultimi anni alla ricerca sull’identità dell’altro con i suoi Ritratti/Portraits di persone comuni e famose ritratte per il particolare legame che la unisce a esse.
Nelle venti opere esposte alla galleria The Ballery, la Efisi affronta uno scenario nuovo, la metropoli, in cui dà luogo alla sua prima performance artistica. Un mondo privo di àncore, eccetto quella rappresentata da una panchina sulla quale si è seduta e ha cominciato a urlare il proprio nome, sperimentando le reazioni dei passanti. I loro sguardi bassi, il progressivo dist…

La notte di Caracalla

(ANSA) - ROMA, 17 AGO - Si apre dal 18 agosto uno dei percorsi notturni tra i più suggestivi dell'antica Roma, realizzato dalla soprintendenza speciale di Roma con Electa: fino al 3 ottobre ogni martedì e venerdì sera le Terme di Caracalla saranno accessibili al chiaro di luna con visite guidate.
Gruppi di massimo 25 partecipanti potranno ammirare le monumentali vestigia illuminate nella notte e scendere nei sotterranei. Compreso nella visita il mitreo di Caracalla, il più grande tra quelli rimasti a Roma e perfettamente conservato.
Le visite, della durata di 75 minuti, inizieranno alle 19.30, con l'ultima partenza alle 21.00, e avverranno grazie a una spettacolare illuminazione del monumento a cura di Acea. Nelle giornate lunghe di agosto e dell'inizio di settembre per i primi turni di visita si potranno ammirare le Terme costruite dagli imperatori Severi nella luce dorata del tramonto.
Le visite, guidate da archeologi e storici dell'arte, inizieranno dall'area c…

Tutti i premi di Artissima 2017

Scoprire la bellezza, riconoscerla, premiarla, sostenerla, diffonderla: fedele al suo ruolo di fiera innovativa, sperimentale e anticipatrice, anche quest'anno Artissima supporta il futuro dell'arte contemporanea attraverso l'assegnazione di 7 premi. Nati in collaborazione con sponsor e istituzioni, i riconoscimenti 2017 sono rivolti ad artisti e gallerie presenti in fiera e sono assegnati da giurie internazionali composte da curatori e direttori dei principali musei d'arte contemporanea del mondo.


Campari Art Prize (new): promosso dal Gruppo Campari, il premio è assegnato a un artista under 35 che incentri la sua ricerca sul potere evocativo del racconto nelle sue molteplici declinazioni e sulla dimensione comunicativa dell’opera. Giuria: Adam Budak, Francesco Stocchi, Carina Plath
Refresh Premio Irinox (new): promosso da Irinox, il premio è assegnato a un artista della sezione Disegni che si distingua per la capacità di 'reinventare conservando', esaltando in …