Passa ai contenuti principali

GRANDART. Modern & Contemporary Fine Art Fair

Torna dal 4 al 6 ottobre 2019 a Milano, nell’innovativo spazio espositivo di The Mall, nel quartiere di Porta Nuova, GRANDART. Modern & Contemporary Fine Art Fair, la terza edizione sotto la direzione artistica di Angelo Crespi (giornalista e critico d’arte). 

«Non temiamo di dare voce a un’arte contemporanea che ancora mira alla bellezza, al senso, all’armonia, nel solco della grande tradizione occidentale, pur nell’evolversi dei tempi e del gusto; un’arte che può ancora essere vista con gli occhi e che non ha bisogno di astruse teorie alle spalle, legata soprattutto, ma non solo, alla figurazione, e i cui risultati in asta e i prezzi in galleria, da alcuni anni, stanno a dimostrare la vitalità del genere» dichiarano Lorenza Salamon (gallerista) e Federico Rui (gallerista), membri del comitato scientifico della fiera.

Forte dei numeri della scorsa edizione (tra cui un incremento del 12% del numero dei visitatori raggiungendo oltre 12.000 ingressi), GRANDART si rafforza confermando partnership storiche e avviando nuove collaborazioni. Tra le riconferme, l’immagine guida a firma di Riccardo Guasco (uno dei più conosciuti e amati illustratori italiani), l’allestimento dello Studio Michele Piva, l’area ristoro affidata a Ta Milano, la vip lounge curata da Colombo Experience e, tra i premi, The Bank Contemporary Art, il premio acquisto indirizzato a chi meglio rappresenta la tradizione pittorica italiana, interpretata in chiave contemporanea.

Per tutta la durata della fiera, GRANDART offrirà anche quest’anno al pubblico dei grandi eventi collaterali. A partire da un piccolo, ma prezioso omaggio al grande artista italiano Domenico Gnoli (Roma, 3 maggio 1933-New York, 17 aprile 1970). «Grazie alla complicità di un grande collezionista italiano, per noi non è solo un onore esporre Gnoli, ma quasi una dichiarazione di intenti. Nato negli anni Trenta, morto giovane, Gnoli ha prodotto nella temperie delle seconde avanguardie, senza per questo aderire alle stravaganze del concettuale. Educato alla classicità, Gnoli è la massima espressione della pittura italiana nel Dopoguerra, raffinato e colto, è riuscito a essere contemporaneo fidandosi di mezzi di espressione antichi, e non ha mai rinunciato a quella dimensione estetica dell’arte visiva che ritengo necessaria per produrre “grande arte” nel senso vero del termine. Non è un caso, aggiungo, che oggi Gnoli sia una sorta di mito dal punto di vista culturale, e anche i valori delle sue opere si sono apprezzati fino a farne uno degli artisti a livello internazionale più importanti del mercato», afferma Angelo Crespi.

Altro atteso collateral di GRANDART sono i talk, per il secondo anno affidati alla cura e moderazione di Cesare Biasini Selvaggi (saggista e direttore editoriale Exibart) e Bianca Cerrina Feroni (giornalista e critico d’arte). Si partirà dall’intervista a Carlo Vanoni (storico dell’arte, curatore, consulente per gallerie) sulla divulgazione dell’arte contemporanea tra televisione, teatro, editoria e nuovi media, che prenderà spunto dal suo ultimo, fortunato libro “A piedi nudi nell’arte. Una passeggiata alla scoperta di capolavori antichi e moderni”, edito per i tipi di Solferino. Per poi proseguire con un inedito focus su La pittura tra tradizione e innovazione: tecnologie e nuovi sguardi e un dibattito su blockchain e opere d’arte. 

Il programma dei talk in fiera riserva sempre particolare attenzione al collezionismo. Sarà presentato, attraverso dei protagonisti d’eccezione, il case history di alcuni studi legali e professionali che collezionano. Con un parterre di collezionisti si parlerà, poi, de La difficile arte di collezionare arte nel XXI secolo. In compagnia di esperti del mercato dell’arte, si svolgerà quindi un panel sui Vantaggi e prospettive degli investimenti in arte moderna e contemporanea. Tra i temi di grande attualità sono rubricati anche: Artbonus e Fundraising: nuovi strumenti per finanziare i progetti culturali, Comunicare l’impresa con l’arte contemporanea e Arte + Impresa/Arte nell’Impresa per generare nuovo valore.

Markus Ophälders (Cattedra di Estetica, Filosofia dell’Arte e della Musica, Università degli Studi di Verona) riserverà, invece, al pubblico di GRANDART un inedito approfondimento sul tema: Picasso: Guernica. Figuralità e distruzione dell’immagine.


INFO
GRANDART. MODERN & CONTEMPORARY FINE ART FAIR, Milano, The Mall (piazza Lina Bo Bardi)
inaugurazione su invito: giovedì 3 ottobre ore 18.00-21.00 apertura al pubblico: venerdì 4 ottobre ore 11.00-20.00, sabato 5 ottobre ore 11.00-20.00, domenica 6 ottobre ore 11.00-20.00
segreteria organizzativa: Sergio Radici | 347.2556084 | sradici@alice.it |Fernando Zaccaria | 339.3299240
comitato promotore: Ente Fiera Promoberg Media Consulter
ufficio stampa: Marco Conti Promoberg | 035.3230909 | marco.conti@promoberg.it

www.grandart.it

Post popolari in questo blog

La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini

La scoperta del carteggio inedito tra Telemaco Signorini, il padre Giovanni e il fratello minore Paolo, ha condotto Elisabetta Matteucci e Silvio Balloni a ideare questa raffinata esposizione che vanta due protagonisti, i Signorini da un lato e la loro Firenze dall’altro. 


Il tratto di marcata “fiorentinità” che caratterizza la mostra, unito all’indubbio spessore storico-critico, è tra le ragioni che hanno spinto la famiglia Antinori a realizzare il progetto con l’Istituto Matteucci.
La mostra quindi non poteva trovare sede più appropriata di Palazzo Antinori, edificio storico nel cuore di Firenze, casa di una Famiglia che ha contribuito a fare la Storia della città oltre che della viticoltura di massimo pregio. Per la prima volta, in occasione di “La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini”, il pubblico potrà ammirare i Saloni storici del Piano Nobile di Palazzo Antinori, opportunità che da sola merita un viaggio a Firenze. Saranno essi ad accogliere le opere in mostra, capolavori noti…

Antropocene – L’epoca umana

Una meditazione cinematografica sulla massiccia ricostruzione del pianeta da parte dell'umanità, 'Antropocene – L’epoca umana' è un film documentario che avuto una lavorazione di quattro anni ad opera del pluripremiato team composto da Jennifer Baichwal, Nicholas de Pencier e Edward Burtynsky.




Terzo in una trilogia che include Manufactured Landscapes (2006) e Watermark (2013), il film segue la ricerca di un gruppo internazionale di scienziati, il gruppo di lavoro Anthropocene che, dopo quasi 10 anni di ricerca, sostiene la teoria secondo cui l'epoca dell’Olocene ha lasciato il posto all'epoca dell’Antropocene a metà del XX secolo in seguito a profondi e duraturi cambiamenti.
Dalle pareti di cemento in Cina che ora coprono il 60% della costa continentale, alle più grandi macchine terrestri mai costruite in Germania, alle psichedeliche miniere di potassio negli Urali russi, alle fiere di metallo nella città di Norilsk, alla devastante Grande Barriera Corallina in Austr…

ART CITY Bologna 2019 - settima edizione

Alla sua settima edizione, ART CITY Bologna ha luogo per il secondo anno consecutivo sotto la supervisione di Lorenzo Balbi, direttore artistico di MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna, con una importante novità: la manifestazione estende la sua durata fino a divenire una vera e propria art week, con inizio il 25 gennaio e nucleo centrale nel week end dall'1 al 3 febbraio, introducendo, e in seguito affiancando, il week end di Arte Fiera.
Il format di ART CITY Bologna prevede, come nell'ultimo anno, un main program di alto profilo basato su un evento speciale e su una serie di progetti curatoriali monografici, che variano tra mostre, installazioni e performance.
Parte del programma è la sezione ART CITY Segnala, che include oltre 70 eventi selezionati dagli operatori culturali della città, tra cui istituzioni pubbliche e private, gallerie d'arte moderna e contemporanea, artist run space e spazi no-profit. Accanto ad essa, la sezione ART CITY Cinema esplora i rapporti …