Passa ai contenuti principali

Ioan Sbârciu – Di materia e di spirito. Dagli ipogei dei Carpazi agli ipogei di Matera

Dal 24 agosto al 13 settembre 2019 presso gli Ipogei di piazza S.Francesco (Matera) si terrà la mostra d'arte contemporanea "Ioan Sbârciu – Di materia e di spirito. Dagli ipogei dei Carpazi agli ipogei di Matera". 

Curata da Antonella Ventura, che firma il testo critico assieme a Marco Eugenio Giandomenico, la mostra si onora dei patrocini de l'Universitatea de Artă și Design din Cluj-Napoca, ARD&NT Institute - Politecnico di Milano - Accademia di Brera, Accademia di Belle Arti di Macerata e della Fondazione Matera Basilicata 2019.

Scrive Antonella Ventura : "Di materia e di spirito, di cielo e di terra, impasto di colori, minerali, pensieri e preghiera sono le opere olio su tela del maestro Ioan Sbarciu. Opere come case, grandi tele metri su metri di pensieri come fantasmi che aleggiano profusi nel mistero orientale dei Carpazi, dove l’artista vive nel cuore della Transilvania. L’accostamento di tale humus dell’artista con gli ipogei, l’architettura rupestre di Matera è quanto mai simbiotico con la pietra millenaria dei Carpazi. Storie di uomini e di terra, che soffrono e convivono insieme nonostante i cambiamenti climatici e le ferite dell’uomo come Rosae Montana racconta. 

Spiriti millenari, che nei fluidi dell’olio miscelano le rabbie di un artista, di un uomo, di un popolo nato libero, nomade, asceta di natura, costretto a vivere da troppo tempo nei rigidi schemi imposti da convenzioni sociali. L’opera di Ioan Sbarciu è essenzialmente spirituale e come tale compie un passaggio della materia dove, come un moderno alchimista, passa da uno stato ad un altro. Ogni sua Opera tecnicamente riporta i passaggi di questa sua alterazione di stato, lenta, progressiva, inesorabile trasformazione dell’Essere. “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera può essere letta come l’accostamento filosofico-letterario dell’opera di Ioan Sbarciu dove il ‘900 post decadente orientale europeo si manifesta in tutta la sua complessità. Cadendo a pezzi su muri vissuti, freddi mai risolti, nei colori promiscui l’Opera contemporanea di Ioan Sbarciu esplora la libertà dello spirito, la luce. 

Come il Don Chisciotte di Cervantes, Ioan Sbarciu diventa un moderno cavaliere errante che compie nella ricerca il suo viaggio. Di Materia e di Spirito trova nell’installazione di Matera nell’Anno della Cultura 2019 l’ideale collocazione in quanto Matera è Materia di Spirito. I Sassi contengono minerali, idiomi, segni, figure, sedimenti mai passati, impronta della materia in evoluzione come l’Uomo. I Sassi di Matera sono la casa stessa dell’Uomo dove non esiste tempo e non esiste spazio. 

Le opere di Materia e di Spirito di Ioan Sbarciu sono la casa stessa dell’Uomo dove non esiste tempo e non esiste spazio.

La mostra vuole essere un omaggio al grande archeologo Adamesteanu, già cittadino onorario di Matera, che tanto ha amato e fatto conoscere la bellezza della Basilicata nel mondo."

Si ringraziano l’assessore Giampaolo d’Andrea , il suo staff e la Fondazione Matera-Basilicata per la loro disponibilità e sensibilità.




Allestimento
SerenaScolaro

Progetto grafico
Andrea Capecci

Produzione organizzazione
Arte per le Marche

Post popolari in questo blog

La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini

La scoperta del carteggio inedito tra Telemaco Signorini, il padre Giovanni e il fratello minore Paolo, ha condotto Elisabetta Matteucci e Silvio Balloni a ideare questa raffinata esposizione che vanta due protagonisti, i Signorini da un lato e la loro Firenze dall’altro. 


Il tratto di marcata “fiorentinità” che caratterizza la mostra, unito all’indubbio spessore storico-critico, è tra le ragioni che hanno spinto la famiglia Antinori a realizzare il progetto con l’Istituto Matteucci.
La mostra quindi non poteva trovare sede più appropriata di Palazzo Antinori, edificio storico nel cuore di Firenze, casa di una Famiglia che ha contribuito a fare la Storia della città oltre che della viticoltura di massimo pregio. Per la prima volta, in occasione di “La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini”, il pubblico potrà ammirare i Saloni storici del Piano Nobile di Palazzo Antinori, opportunità che da sola merita un viaggio a Firenze. Saranno essi ad accogliere le opere in mostra, capolavori noti…

Antropocene – L’epoca umana

Una meditazione cinematografica sulla massiccia ricostruzione del pianeta da parte dell'umanità, 'Antropocene – L’epoca umana' è un film documentario che avuto una lavorazione di quattro anni ad opera del pluripremiato team composto da Jennifer Baichwal, Nicholas de Pencier e Edward Burtynsky.




Terzo in una trilogia che include Manufactured Landscapes (2006) e Watermark (2013), il film segue la ricerca di un gruppo internazionale di scienziati, il gruppo di lavoro Anthropocene che, dopo quasi 10 anni di ricerca, sostiene la teoria secondo cui l'epoca dell’Olocene ha lasciato il posto all'epoca dell’Antropocene a metà del XX secolo in seguito a profondi e duraturi cambiamenti.
Dalle pareti di cemento in Cina che ora coprono il 60% della costa continentale, alle più grandi macchine terrestri mai costruite in Germania, alle psichedeliche miniere di potassio negli Urali russi, alle fiere di metallo nella città di Norilsk, alla devastante Grande Barriera Corallina in Austr…

Dardano, il cavaliere dal mantello svolazzante

Domenica 17 marzo, dalle ore 10:30, presso il Museo della Città e del Territorio di Cori (LT), si volgerà l’ultimo appuntamento del ciclo di letture animate e laboratori per le famiglie “Che Mito! Storie e leggende dalla collezione museale e dal territorio”. Il progetto è ideato e realizzato dall’associazione culturale Arcadia nell’ambito dei Servizi Educativi del Museo, con la collaborazione della “Libreria Anacleto” di Cisterna di Latina ed “Utopia 2000” Società Cooperativa Sociale Onlus, patrocinato dal Comune di Cori.
Protagonisti dell’incontro saranno i fondatori mitici dell’antica Cora (tra i quali Dardano) e le copie delle monete coniate nel III secolo a.C. raffiguranti al rovescio un cavaliere all’assalto con lancia, corta spada, mantello e petaso, in cui è presente la scritta “CORANO”. Probabilmente la figura simboleggia il fondatore mitico della città.
Nella sezione relativa ai miti di fondazione si ascolteranno i tre filoni leggendari sulla nascita di Cori: Plinio e Solino, r…