Passa ai contenuti principali

ARTE POVERA a VILLA PANZA

FAI e MART uniti per omaggiare l'Arte Povera


ARTE POVERA: ENERGIA E METAMORFOSI DEI MATERIALI.

artepovera L'Arte Povera, movimento artistico italiano riconosciuto a livello internazionale come uno dei più importanti nelle avanguardie del ventesimo secolo, approda in casa di uno dei più grandi collezionisti di arte contemporanea del mondo.
Anselmo, Boetti, Calzolari, Kounellis, Merz, Paolini, Penone, Pistoletto, Zorio, gli artisti presenti a Villa Panza con 22 straordinarie imperdibili installazioni appartenenti alle Collezioni del Mart - Museo di Arte Moderna e Contemporanea di Trento e Rovereto. Il suggestivo allestimento nel grande spazio delle Scuderie e in alcune sale di Villa Panza non segue un percorso cronologico né tematico, ma crea un dialogo con le opere della collezione permanente fatto di sottili rispondenze visive, di varianti cromatiche, di sorprendenti capovolgimenti di stili come fosse idealmente guidato dalla libertà e dal gusto del collezionista.
L'Arte Povera, oggi sostenuta da un vasto riconoscimento internazionale, nasce nel 1967 con la prima mostra collettiva dal titolo Arte Povera e Im Spazio, tenutasi presso la galleria La Bertesca di Genova e curata da Germano Celant che, per la definizione di questo movimento artistico, si ispirò al Teatro povero di Grotowski. L'Arte Povera consiste essenzialmente "nel ridurre ai minimi termini, nell'impoverire i segni, per ridurli ai loro archetipi." La definizione spiega la tendenza propria di alcuni artisti italiani ad ampliare il campo dei linguaggi espressivi, adottando materiali inconsueti, "poveri", che possono essere naturali e organici -legno, pietra, terra, vegetali- oppure di produzione industriale -stracci, plastica, neon, scarti industriali- assunti nella loro forma primaria e immediata.

La Villa e la Collezione
Circondata da un magnifico giardino all'italiana, la Villa settecentesca è celebre nel mondo per la collezione d'arte contemporanea che Giuseppe Panza di Biumo vi ha raccolto a partire dagli anni '50. In esposizione permanente opere di Irwin, Turrell e undici installazioni di Dan Flavin, oltre a opere di Arends, Beckman, Brewster, Carroll, Cole, Fratteggiani, Fredenthal, Graham, Irwin, Kiecol, Mangold, Roeth, Rudell, Simpson, Sims, Spalletti, Therrien.




Arte Povera: energia e metamorfosi dei materiali. Opere delle collezioni del Miart
Orario: 10 -18 (tutti i giorni escluso i lunedì non festivi). Ultimo ingresso ore 17.30

Info:
Villa e Collezione Panza, piazza Litta 1- Varese
tel. 0332.283960 faibiumo@fondoambiente.it
www.fondoambiente.it
Come raggiungerci
In auto: autostrada A8 dei Laghi MI-VA fino a VA centro. Seguire indicazioni Villa Panza. Con mezzi pubblici:Ferrovie nord e FFSS linea Milano- Varese. Autobus linea A


Fonte: Exibart.com

Post popolari in questo blog

ART CITY Bologna 2019 - settima edizione

Alla sua settima edizione, ART CITY Bologna ha luogo per il secondo anno consecutivo sotto la supervisione di Lorenzo Balbi, direttore artistico di MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna, con una importante novità: la manifestazione estende la sua durata fino a divenire una vera e propria art week, con inizio il 25 gennaio e nucleo centrale nel week end dall'1 al 3 febbraio, introducendo, e in seguito affiancando, il week end di Arte Fiera.
Il format di ART CITY Bologna prevede, come nell'ultimo anno, un main program di alto profilo basato su un evento speciale e su una serie di progetti curatoriali monografici, che variano tra mostre, installazioni e performance.
Parte del programma è la sezione ART CITY Segnala, che include oltre 70 eventi selezionati dagli operatori culturali della città, tra cui istituzioni pubbliche e private, gallerie d'arte moderna e contemporanea, artist run space e spazi no-profit. Accanto ad essa, la sezione ART CITY Cinema esplora i rapporti …

De Chirico e Savinio. Una mitologia moderna

Dal 16 marzo al 30 giugno 2019 la Fondazione Magnani-Rocca ospita una grande mostra dedicata a Giorgio de Chirico e Alberto Savinio, i «dioscuri» dell'arte del XX secolo. 
I due fratelli hanno ripensato il mito, l’antico, la tradizione classica attraverso la modernità dell’avanguardia e della citazione, traslandoli e reinterpretandoli per tentare di rispondere ai grandi enigmi dell’uomo contemporaneo, dando vita a quella che Breton definì una vera e propria mitologia moderna. 
La mostra - allestita alla Villa dei Capolavori, sede della Fondazione a Mamiano di Traversetolo presso Parma – presenta oltre centotrenta opere tra celebri dipinti e sorprendenti lavori grafici, in un percorso espositivo che, dalla nascita dell’avventura metafisica, si focalizza su un moderno ripensamento della mitologia e giunge alla ricchissima produzione per il teatro, documentata anche da preziosi costumi per l’opera lirica.   
I Dioscuri dell’Arte – «Sono l'uno la spiegazione dell'altro» scriveva …

La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini

La scoperta del carteggio inedito tra Telemaco Signorini, il padre Giovanni e il fratello minore Paolo, ha condotto Elisabetta Matteucci e Silvio Balloni a ideare questa raffinata esposizione che vanta due protagonisti, i Signorini da un lato e la loro Firenze dall’altro. 


Il tratto di marcata “fiorentinità” che caratterizza la mostra, unito all’indubbio spessore storico-critico, è tra le ragioni che hanno spinto la famiglia Antinori a realizzare il progetto con l’Istituto Matteucci.
La mostra quindi non poteva trovare sede più appropriata di Palazzo Antinori, edificio storico nel cuore di Firenze, casa di una Famiglia che ha contribuito a fare la Storia della città oltre che della viticoltura di massimo pregio. Per la prima volta, in occasione di “La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini”, il pubblico potrà ammirare i Saloni storici del Piano Nobile di Palazzo Antinori, opportunità che da sola merita un viaggio a Firenze. Saranno essi ad accogliere le opere in mostra, capolavori noti…