Passa ai contenuti principali

ARTE POVERA a VILLA PANZA

FAI e MART uniti per omaggiare l'Arte Povera


ARTE POVERA: ENERGIA E METAMORFOSI DEI MATERIALI.

artepovera L'Arte Povera, movimento artistico italiano riconosciuto a livello internazionale come uno dei più importanti nelle avanguardie del ventesimo secolo, approda in casa di uno dei più grandi collezionisti di arte contemporanea del mondo.
Anselmo, Boetti, Calzolari, Kounellis, Merz, Paolini, Penone, Pistoletto, Zorio, gli artisti presenti a Villa Panza con 22 straordinarie imperdibili installazioni appartenenti alle Collezioni del Mart - Museo di Arte Moderna e Contemporanea di Trento e Rovereto. Il suggestivo allestimento nel grande spazio delle Scuderie e in alcune sale di Villa Panza non segue un percorso cronologico né tematico, ma crea un dialogo con le opere della collezione permanente fatto di sottili rispondenze visive, di varianti cromatiche, di sorprendenti capovolgimenti di stili come fosse idealmente guidato dalla libertà e dal gusto del collezionista.
L'Arte Povera, oggi sostenuta da un vasto riconoscimento internazionale, nasce nel 1967 con la prima mostra collettiva dal titolo Arte Povera e Im Spazio, tenutasi presso la galleria La Bertesca di Genova e curata da Germano Celant che, per la definizione di questo movimento artistico, si ispirò al Teatro povero di Grotowski. L'Arte Povera consiste essenzialmente "nel ridurre ai minimi termini, nell'impoverire i segni, per ridurli ai loro archetipi." La definizione spiega la tendenza propria di alcuni artisti italiani ad ampliare il campo dei linguaggi espressivi, adottando materiali inconsueti, "poveri", che possono essere naturali e organici -legno, pietra, terra, vegetali- oppure di produzione industriale -stracci, plastica, neon, scarti industriali- assunti nella loro forma primaria e immediata.

La Villa e la Collezione
Circondata da un magnifico giardino all'italiana, la Villa settecentesca è celebre nel mondo per la collezione d'arte contemporanea che Giuseppe Panza di Biumo vi ha raccolto a partire dagli anni '50. In esposizione permanente opere di Irwin, Turrell e undici installazioni di Dan Flavin, oltre a opere di Arends, Beckman, Brewster, Carroll, Cole, Fratteggiani, Fredenthal, Graham, Irwin, Kiecol, Mangold, Roeth, Rudell, Simpson, Sims, Spalletti, Therrien.




Arte Povera: energia e metamorfosi dei materiali. Opere delle collezioni del Miart
Orario: 10 -18 (tutti i giorni escluso i lunedì non festivi). Ultimo ingresso ore 17.30

Info:
Villa e Collezione Panza, piazza Litta 1- Varese
tel. 0332.283960 faibiumo@fondoambiente.it
www.fondoambiente.it
Come raggiungerci
In auto: autostrada A8 dei Laghi MI-VA fino a VA centro. Seguire indicazioni Villa Panza. Con mezzi pubblici:Ferrovie nord e FFSS linea Milano- Varese. Autobus linea A


Fonte: Exibart.com

Post popolari in questo blog

La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini

La scoperta del carteggio inedito tra Telemaco Signorini, il padre Giovanni e il fratello minore Paolo, ha condotto Elisabetta Matteucci e Silvio Balloni a ideare questa raffinata esposizione che vanta due protagonisti, i Signorini da un lato e la loro Firenze dall’altro. 


Il tratto di marcata “fiorentinità” che caratterizza la mostra, unito all’indubbio spessore storico-critico, è tra le ragioni che hanno spinto la famiglia Antinori a realizzare il progetto con l’Istituto Matteucci.
La mostra quindi non poteva trovare sede più appropriata di Palazzo Antinori, edificio storico nel cuore di Firenze, casa di una Famiglia che ha contribuito a fare la Storia della città oltre che della viticoltura di massimo pregio. Per la prima volta, in occasione di “La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini”, il pubblico potrà ammirare i Saloni storici del Piano Nobile di Palazzo Antinori, opportunità che da sola merita un viaggio a Firenze. Saranno essi ad accogliere le opere in mostra, capolavori noti…

Antropocene – L’epoca umana

Una meditazione cinematografica sulla massiccia ricostruzione del pianeta da parte dell'umanità, 'Antropocene – L’epoca umana' è un film documentario che avuto una lavorazione di quattro anni ad opera del pluripremiato team composto da Jennifer Baichwal, Nicholas de Pencier e Edward Burtynsky.




Terzo in una trilogia che include Manufactured Landscapes (2006) e Watermark (2013), il film segue la ricerca di un gruppo internazionale di scienziati, il gruppo di lavoro Anthropocene che, dopo quasi 10 anni di ricerca, sostiene la teoria secondo cui l'epoca dell’Olocene ha lasciato il posto all'epoca dell’Antropocene a metà del XX secolo in seguito a profondi e duraturi cambiamenti.
Dalle pareti di cemento in Cina che ora coprono il 60% della costa continentale, alle più grandi macchine terrestri mai costruite in Germania, alle psichedeliche miniere di potassio negli Urali russi, alle fiere di metallo nella città di Norilsk, alla devastante Grande Barriera Corallina in Austr…

Dardano, il cavaliere dal mantello svolazzante

Domenica 17 marzo, dalle ore 10:30, presso il Museo della Città e del Territorio di Cori (LT), si volgerà l’ultimo appuntamento del ciclo di letture animate e laboratori per le famiglie “Che Mito! Storie e leggende dalla collezione museale e dal territorio”. Il progetto è ideato e realizzato dall’associazione culturale Arcadia nell’ambito dei Servizi Educativi del Museo, con la collaborazione della “Libreria Anacleto” di Cisterna di Latina ed “Utopia 2000” Società Cooperativa Sociale Onlus, patrocinato dal Comune di Cori.
Protagonisti dell’incontro saranno i fondatori mitici dell’antica Cora (tra i quali Dardano) e le copie delle monete coniate nel III secolo a.C. raffiguranti al rovescio un cavaliere all’assalto con lancia, corta spada, mantello e petaso, in cui è presente la scritta “CORANO”. Probabilmente la figura simboleggia il fondatore mitico della città.
Nella sezione relativa ai miti di fondazione si ascolteranno i tre filoni leggendari sulla nascita di Cori: Plinio e Solino, r…