Passa ai contenuti principali

CARATTERI

Mostra d'arte contemporanea presso lo spazio espositivo dell'Associazione Circuiti Dinamici curata da Lorenzo Argentino, con testi critici di Vera Maria Carminati, dal 23 maggio al 6 giugno. Espongono gli artisti Franco Duranti, Laura Peterlongo, Anna Ronchetti e Roberto Rigano. 


Trame e intrecci, sentieri e crittografie. Si ha l’impressione di aver trovato una mappa o un suo frammento, una misteriosa indicazione, traccia di una strada da percorrere o di un varco da tentare. Il segno affonda in mondi ancestrali, di cui lascia apparire costellazioni di senso percorribili in molteplici e molteplici modi. Ordini che si riscrivono nell’interpretazione e che le vibrazioni dell’emozione sovvertono, inesauribili. E i caratteri svelano così la loro natura ancipite: grafie personalissime, ma anche simboli con una vocazione all’universalità. Differenze e increspature del singolo punto di vista che diventano apparizioni di una verità capace di svelare fratellanze e corrispondenze del sentire. I diversi caratteri dismettono la loro peculiare origine – l’abito onirico, psicologico o intimamente proprio con cui ci avevano interrogato di primo acchito – e offrono la possibilità a chi si lascia coinvolgere di un riconoscimento, un risuonare comune. Ci sovviene quella volta in cui eravamo bambini e quella forma ci ha raccontato una storia; riemerge un pensiero che era stato anche nostro; la sensazione di un sogno che aveva intonato una nostra giornata.

Anna Ronchetti ci invita in una zona franca, un universo puntellato di stelle e di soli; nelle sfrangiature della stoffa richiama il nostro legame alla terra e alla materia; mette il colore in musica; gioca lettere come enigmi da percorrere in sensi contrari all’abitudine e, lasciando affiorare dall’acquarello simboli, spinge la nostra intuizione al fondo dell’essere. A toccare l’origine che precede il linguaggio e le sue strutture, il punto in cui il pensiero è ancora avvinto al sentimento e la comprensione non ha la forma di un discorso, ma è palpito di vita. Non a caso la fruizione è sinestetica: la linea è melodia, la lettera è colore, il colore evocazione.

Per Roberto Rigano il carattere è materia in metamorfosi e il segno si anima senza regole in infiniti mondi. Non conta la narrazione e il dispiegamento delle possibilità, ma la loro contrazione ironica in forme allusive che mescolano l’intuizione dei futuri sviluppi ai tasselli della memoria; la parola è decostruita, si fa suono e onomatopea, sistema insieme decorativo ed espressivo, dove non si percepisce più l’alto e il basso, il verso e la distanza, la profondità e la superficie. I codici fluttuano liberi dimenticando la loro struttura in arditi intrecci e il significante rivendica la sua indipendenza dal significato a suggerire – amore del paradosso – sia l’arbitrarietà totale dei nostri segni sia la loro naturale provenienza dal nostro modo di stare al mondo e il legame indissolubile con la nostra umana realtà.

Anche Laura Peterlongo non teme la soglia che tutti gli ordini sovverte e accetta la sfida dell’indefinito e delle sue suggestioni potenti e destabilizzanti. I caratteri si mescolano a forme di sogno e conferiscono profondità all’immagine, suggerendo uno sfondamento della tela e una spazialità analoga a quella fisica, in cui siamo immersi. Per contro l’intonazione è metafisica: lirica sospensione, fusioni impalpabili, tracce, stratificazioni e riscritture oniriche e simboliche.

Franco Duranti procede per suggestioni visive, attraverso soluzioni grafiche allusive e movimentate come gli eventi che cerca di far apparire o, addirittura, che fa accadere. La percezione diventa comprensione e viceversa, il globale si annuncia nel particolare, l’analisi è colta nell’abbraccio sintetico che tronca il fluire sequenziale del tempo. C’è un’attrazione per il gioco e il travestimento, per la metamorfosi e la possibilità di rappresentare in modi, diversi e contraddittori, la nostra realtà.

Le “chiavi” usate sono molteplici: lettere, colori, forme ataviche e simboliche. I caratteri –  ambiguamente intesi come segni e come disposizioni individuali – vivono di supporti differenti: carta, stoffa, filo, trama, pura evocazione intuitiva. Testimonianza della passione di questi artisti per il potere del segno di trasferire un complesso di messaggi e riferimenti associativi pressoché infiniti e, insieme, di farsi simboli. Una svolta del respiro e un’oscillazione del pensiero che tutti possiamo afferrare per un istante, fortuitamente, come dono gratuito e inaspettato. Testo critico di Vera Maria Carminati


ASSOCIAZIONE CIRCUITI DINAMICI
dal Circolo Culturale Bertolt Brecht
Spazio 1 e 2/Via Giovanola 19 e 21/C_Milano Tel +39 3397908472 - www.bertoltbrecht.it  - www.circuitidinamici.it - MM2 Abbiategrasso
La mostra resterà aperta: da martedì a giovedì dalle 15 alle 17 - fino al 09/06/2011

Post popolari in questo blog

Mein Name ist Giulia

Giunta alla seconda esposizione personale a Berlino, con la nuova ricerca Mein Name ist Giulia / Il mio nome è Giulia l’artista toscana Giulia Efisi segna una nuova tappa nella sua esplorazione visiva del concetto di identità e dei passaggi, temi centrali del suo percorso espressivo. 
Dall’iniziale ricerca sul proprio corpo, l’artista si è dedicata alla riscoperta del suo universo privato fatto di persone e oggetti della memoria, fino ad approdare negli ultimi anni alla ricerca sull’identità dell’altro con i suoi Ritratti/Portraits di persone comuni e famose ritratte per il particolare legame che la unisce a esse.
Nelle venti opere esposte alla galleria The Ballery, la Efisi affronta uno scenario nuovo, la metropoli, in cui dà luogo alla sua prima performance artistica. Un mondo privo di àncore, eccetto quella rappresentata da una panchina sulla quale si è seduta e ha cominciato a urlare il proprio nome, sperimentando le reazioni dei passanti. I loro sguardi bassi, il progressivo dist…

Tadao Cern, Okiiko & Blood Concept nel nuovo spazio CONTEMPORARY CLUSTER #05

Apre il 25 novembre 2017, alle ore 19.00, la stagione di Contemporary Cluster nella nuova sede romana di  Palazzo Cavallerini Lazzaroni, in Via dei Barbieri al civico sette.
Contemporary Cluster #05 proporrà l'arte visiva di Tadao Cern , il design di  Okiiko e le fragranze di Blood Concept per un'esperienza percettiva corale e unica.
In occasione della mostra verrà inoltre presentato il magazine Flewid, creato da Emi Marchionni, con Angelo Cricchi in qualità di Creative Director e Cecile De Montparnasse come Art Director, distribuito in Italia e all'estero dalla Pineapple Media Limited.
Sebastien Bromberger accompagnerà tutta la serata con una accurata selezione musicale. Per l'apertura del nuovo spazio di Via dei Barbieri, Contemporary Cluster presenta per la prima volta al pubblico italiano la personale di Tadao Cern (Vilnius, 1983), giovane artista lituano con all'attivo numerose mostre personali e partecipazioni a collettive in Europa e negli Stati Uniti: tra le al…

La notte di Caracalla

(ANSA) - ROMA, 17 AGO - Si apre dal 18 agosto uno dei percorsi notturni tra i più suggestivi dell'antica Roma, realizzato dalla soprintendenza speciale di Roma con Electa: fino al 3 ottobre ogni martedì e venerdì sera le Terme di Caracalla saranno accessibili al chiaro di luna con visite guidate.
Gruppi di massimo 25 partecipanti potranno ammirare le monumentali vestigia illuminate nella notte e scendere nei sotterranei. Compreso nella visita il mitreo di Caracalla, il più grande tra quelli rimasti a Roma e perfettamente conservato.
Le visite, della durata di 75 minuti, inizieranno alle 19.30, con l'ultima partenza alle 21.00, e avverranno grazie a una spettacolare illuminazione del monumento a cura di Acea. Nelle giornate lunghe di agosto e dell'inizio di settembre per i primi turni di visita si potranno ammirare le Terme costruite dagli imperatori Severi nella luce dorata del tramonto.
Le visite, guidate da archeologi e storici dell'arte, inizieranno dall'area c…