Passa ai contenuti principali

Fiber art and... Cristiana Di Nardo allo Spazio permanente Bruno Munari di Milano

La mostra ha origine dai viaggi e dalle ricerche che Cristiana Di Nardo ha compiuto nei tempi e negli spazi del feltro artigianale. In esposizione opere realizzate tra il 2001 e il 2012, esemplificative dell’evoluzione della ricerca creativa dell’autrice: stampe sperimentali a tecnica mista, sviluppate negli anni accademici e per la maggior parte inedite; arazzi e tappeti, costanti nella produzione dell’artista e legati alla cultura tradizionale asiatica; forme tridimensionali, concepite come “vasi morbidi e nomadi”; infine la scultura indossabile “Energy shelter” ispirata alla figura dell’artista tedesco Joseph Beuys.

La formazione di Cristiana Di Nardo avviene a Milano, tra le aule dell’Accademia di Belle Arti di Brera, dove sperimenta, già alla fine degli anni ’90, la duttile materia del feltro. Poi, nell’ambito dell’incisione sperimentale, avvia una ricerca in cui il feltro da oggetto si trasforma in matrice da stampa, con la ricca gamma di imprevisti, sbavature, segni e matericità proprie di questo medium. L’approfondimento definitivo risale al 2000, con un soggiorno di studio e ricerca in Finlandia centrale, dove la materia tradizionale del feltro continua ad essere declinata nella modernità della ricerca artistica e del design. Il tempo del viaggio è anche un ritorno alle origini, dove mito e storia confluiscono ancora nell’altopiano dell’Altai, in Russia centrale, tra i nomadi e le loro yurte. Qui Cristiana, nel 2009, partecipa a una spedizione naturalistica e antropologica in cui condivide la quotidianità dei pastori, fatta di semplicità arcaica e di spiritualità legata alle forze della natura: donne, bambini, uomini, sciamani, tribù, greggi, tende e focolari segnano gli spazi e i ritmi di una vita, ancora per poco, ancestrale.

Il ritorno da questo viaggio è una lenta metabolizzazione delle suggestioni visive e tattili organizzate in una grammatica moderna. Ecco allora che compare la poetica del frammento, della citazione; paesaggi mentali scaturiscono dall’impasto delle fibre e, come in una depurazione alchemica, si giunge, per sottrazione, alle sintesi totalmente moderne dei bianchi e neri e delle dialettiche luce/ombra, ordine/caos di beuysiana memoria. La mostra si pone come ponte tra oriente e occidente, tra pratiche antiche e tensioni contemporanee e vede nel feltro un medium capace di trattenere, nella storia della sua tecnica, la memoria di significati antichi. L’anonimato e la collettività dei manufatti popolari sorreggono e alimentano la ricerca personale di Cristiana, che propone il suo approccio al fare arte: una sintesi di manualità e concettualità, di rigore e di sensibilità, in un superamento, tutto femminile, delle dicotomie del moderno. Mostra ideata e curata da Gabriella Anedi de Simone con il sostegno di DHG Gruppo Colle – Prato in collaborazione con MUNLAB – Milano e con il patrocinio dell’Associazione Coordinamento Tessitori – Firenze

Inaugurazione: lunedì 19 novembre 2012, ore 18,30 – 21,00
Fiber art and...
piazza Tripoli, 9 - Milano
Orari: da lunedì a venerdì ore 16,30 – 19,30 sabato su appuntamento
Ingresso libero
MUNLAB - Spazio permanente Bruno Munari
Via Sardegna, 55 – 20146 Milano

Post popolari in questo blog

La notte di Caracalla

(ANSA) - ROMA, 17 AGO - Si apre dal 18 agosto uno dei percorsi notturni tra i più suggestivi dell'antica Roma, realizzato dalla soprintendenza speciale di Roma con Electa: fino al 3 ottobre ogni martedì e venerdì sera le Terme di Caracalla saranno accessibili al chiaro di luna con visite guidate.
Gruppi di massimo 25 partecipanti potranno ammirare le monumentali vestigia illuminate nella notte e scendere nei sotterranei. Compreso nella visita il mitreo di Caracalla, il più grande tra quelli rimasti a Roma e perfettamente conservato.
Le visite, della durata di 75 minuti, inizieranno alle 19.30, con l'ultima partenza alle 21.00, e avverranno grazie a una spettacolare illuminazione del monumento a cura di Acea. Nelle giornate lunghe di agosto e dell'inizio di settembre per i primi turni di visita si potranno ammirare le Terme costruite dagli imperatori Severi nella luce dorata del tramonto.
Le visite, guidate da archeologi e storici dell'arte, inizieranno dall'area c…

Tadao Cern, Okiiko & Blood Concept nel nuovo spazio CONTEMPORARY CLUSTER #05

Apre il 25 novembre 2017, alle ore 19.00, la stagione di Contemporary Cluster nella nuova sede romana di  Palazzo Cavallerini Lazzaroni, in Via dei Barbieri al civico sette.
Contemporary Cluster #05 proporrà l'arte visiva di Tadao Cern , il design di  Okiiko e le fragranze di Blood Concept per un'esperienza percettiva corale e unica.
In occasione della mostra verrà inoltre presentato il magazine Flewid, creato da Emi Marchionni, con Angelo Cricchi in qualità di Creative Director e Cecile De Montparnasse come Art Director, distribuito in Italia e all'estero dalla Pineapple Media Limited.
Sebastien Bromberger accompagnerà tutta la serata con una accurata selezione musicale. Per l'apertura del nuovo spazio di Via dei Barbieri, Contemporary Cluster presenta per la prima volta al pubblico italiano la personale di Tadao Cern (Vilnius, 1983), giovane artista lituano con all'attivo numerose mostre personali e partecipazioni a collettive in Europa e negli Stati Uniti: tra le al…

Il Ponte Casa d'Aste presenta l'Asta di Fotografia "Da Luigi Ghirri a Tracey Emin"

Ad aprire la stagione primaverile delle aste in Palazzo Crivelli sarà il neonato dipartimento di Fotografia, con una selezione di circa 300 lotti dei più celebri nomi nazionali ed internazionali.
Tra i fotografi italiani della seconda metà del '900 Luigi Ghirri è presente con undici dei suoi scatti più iconici, alcuni di questi stampati nel 1992, anno della sua morte, in occasione della mostra "Luigi Ghirri, Versailles" a Parigi ed esposti anche nella retrospettiva dell'autore tenutasi nel 2013 al MAXXI.
Di Gabriele Basilico e Berengo Gardin andranno all'incanto alcuni lavori dedicati alle architetture e ai parchi di Milano; di Mario Giacomelli una decina di scatti e la serie Pretini (val. 3.000 - 3.500 €); di Mimmo Jodice alcune delle immagini più rappresentative nelle quali la mitologia e la statuaria classica ritrovano energia espressiva grazie al forte contrasto di luci e ombre che caratterizza i suoi lavori.
Il bianco e nero torna nel tuffatore di Nino Migliori