Passa ai contenuti principali

24/7 (Ventiquattrosette) : 24 ore su 24, 7 giorni su 7 alla Zerouno di Barletta

Termina questo mese il lungo periodo espositivo del 2012 dedicato da Zerouno alla musica e all’arte contemporanea. L’intero percorso artistico è stato dedicato al binomio "arte-musica", "un amore che vien da lontano" poiché i rapporti fra musica e pittura sono sempre stati molto frequenti e intensi fin dall'antichità. Per la chiusura del tema si è scelta una sigla che è l'abbreviazione di origine anglosassone del termine "24 ore su 24, 7 giorni su 7" che funge da invito al binomio arte-musica ad essere sempre nei nostri giorni, nelle forme più disparate e con i mezzi più inconsueti.
 
Quattro artisti, tutti differenti tra loro, Daniela Bigagli, Matteo Boato, Laura Fonovich, Enzo Gatti sono stati prescelti per l’innovazione tecnica e di impostazione per cui si distinguono, per aver introdotto con abilità toni e materia ed essersi districati con abile maestria.
 
Massima espressione di questa esposizione è Daniela Bigagli la cui arte è una esplosione di toni svincolati liberamente dalle emozioni del quotidiano; sensibile e timida si lascia dominare dalle suggestioni di routine e dalla gente per crear grandi intrecci di colore e spessore. Colori fervidi e vivaci sono espressione costante di momenti non necessariamente lieti poiché la pittura è, per la Bigagli, un maestoso mondo in cui ritrovarsi e lasciarsi andare.
 
Matteo Boato apporta giovinezza e vigore attraverso la trattazione, originale e raffinata insieme, di città sempre diverse rese con cromie fresche ed intense, calde e fredde. Da una visione ravvicinata di palazzi a colori passa a macro-visioni che sono inquadrature dall’alto di piazze, vie, larghi in cui lentamente si intravedono figure. Le sue opere sono come fotografie, da vicino o da lontano, non conta, scattate per stare a guardare, ricordare e scorgere il particolare di una grande arte.
 
Nel reale vacillare di ognuno di noi prima di prendere una decisione, risiede la produzione artistica di Laura Fonovich che plasma una superficie placida e composta in cui le venature sono la suprema espressione dei cambiamenti, segno tangibile dell’energia del mutamento. Il binomio ‘silenzio – energia’ che stimola l’artista alla riflessione, perché il silenzio fa riflettere e le riflessività sono le fondamenta di ogni azione.
 
Enzo Gatti è l’artista che in esposizione si impone tra materia e tonalità determinate. Avviando il suo approccio artistico da esigenze personali ispessisce il supporto di sostanza sconfinando sino all’esterno dell’opera. I ‘sette spiriti’ in esposizione detengono il mistero di qualunque volto in parte coperto ed insieme la perfezione di una bellezza che si intravede esprimendo soavità e sensualità.
 
 

Post popolari in questo blog

Mein Name ist Giulia

Giunta alla seconda esposizione personale a Berlino, con la nuova ricerca Mein Name ist Giulia / Il mio nome è Giulia l’artista toscana Giulia Efisi segna una nuova tappa nella sua esplorazione visiva del concetto di identità e dei passaggi, temi centrali del suo percorso espressivo. 
Dall’iniziale ricerca sul proprio corpo, l’artista si è dedicata alla riscoperta del suo universo privato fatto di persone e oggetti della memoria, fino ad approdare negli ultimi anni alla ricerca sull’identità dell’altro con i suoi Ritratti/Portraits di persone comuni e famose ritratte per il particolare legame che la unisce a esse.
Nelle venti opere esposte alla galleria The Ballery, la Efisi affronta uno scenario nuovo, la metropoli, in cui dà luogo alla sua prima performance artistica. Un mondo privo di àncore, eccetto quella rappresentata da una panchina sulla quale si è seduta e ha cominciato a urlare il proprio nome, sperimentando le reazioni dei passanti. I loro sguardi bassi, il progressivo dist…

La notte di Caracalla

(ANSA) - ROMA, 17 AGO - Si apre dal 18 agosto uno dei percorsi notturni tra i più suggestivi dell'antica Roma, realizzato dalla soprintendenza speciale di Roma con Electa: fino al 3 ottobre ogni martedì e venerdì sera le Terme di Caracalla saranno accessibili al chiaro di luna con visite guidate.
Gruppi di massimo 25 partecipanti potranno ammirare le monumentali vestigia illuminate nella notte e scendere nei sotterranei. Compreso nella visita il mitreo di Caracalla, il più grande tra quelli rimasti a Roma e perfettamente conservato.
Le visite, della durata di 75 minuti, inizieranno alle 19.30, con l'ultima partenza alle 21.00, e avverranno grazie a una spettacolare illuminazione del monumento a cura di Acea. Nelle giornate lunghe di agosto e dell'inizio di settembre per i primi turni di visita si potranno ammirare le Terme costruite dagli imperatori Severi nella luce dorata del tramonto.
Le visite, guidate da archeologi e storici dell'arte, inizieranno dall'area c…

Tutti i premi di Artissima 2017

Scoprire la bellezza, riconoscerla, premiarla, sostenerla, diffonderla: fedele al suo ruolo di fiera innovativa, sperimentale e anticipatrice, anche quest'anno Artissima supporta il futuro dell'arte contemporanea attraverso l'assegnazione di 7 premi. Nati in collaborazione con sponsor e istituzioni, i riconoscimenti 2017 sono rivolti ad artisti e gallerie presenti in fiera e sono assegnati da giurie internazionali composte da curatori e direttori dei principali musei d'arte contemporanea del mondo.


Campari Art Prize (new): promosso dal Gruppo Campari, il premio è assegnato a un artista under 35 che incentri la sua ricerca sul potere evocativo del racconto nelle sue molteplici declinazioni e sulla dimensione comunicativa dell’opera. Giuria: Adam Budak, Francesco Stocchi, Carina Plath
Refresh Premio Irinox (new): promosso da Irinox, il premio è assegnato a un artista della sezione Disegni che si distingua per la capacità di 'reinventare conservando', esaltando in …