Passa ai contenuti principali

Cleo Fariselli a Palazzo Montoro con una mostra personale

LU MI project inaugura questa sera alle ore 18:00 negli spazi di Palazzo Montoro ubicato nell'omonima via al civico 8 in Roma, la mostra personale di Cleo Fariselli a cura di Gino Pisapia.

L'esposizione presenta una serie di lavori fotografici inediti, mostrati per la prima volta insieme ad altre opere già edite che rappresentano alcuni tra gli step più significativi nella produzione artistica della Fariselli.

I differenti soggetti, formati e media utilizzati rendono possibile ricostruire il suo percorso artistico evidenziandone l'atteggiamento critico e l'approccio processuale adottato fin dagli inizi.
Le opere in mostra non seguono una cronologia ben precisa né tantomeno una specificità tematica, al contrario, espongono la visione o le visioni che accompagnano l'artista nel suo lungo viaggio tra le immagini e le sue manifestazioni fenomeniche; è il caso di Untitled (Gabicce Mare) del 2008.
I suoi lavori non nascono mai da tematiche prestabilite bensì da un attento esercizio dello sguardo e dell'immaginazione.
Tale approccio è evidente nelle “fotografie istantanee”, una pratica che porta avanti fin dall'inizio del suo percorso, pertanto, in mostra ne presenta una selezione, Untitled, eseguite tra il 2005 e il 2012, dove il soggetto assume all'interno dell'inquadratura un ruolo quasi marginale a favore del particolare, che contribuisce alla sua parziale identificazione e allo stesso tempo sposta l'attenzione su “altro”.
Per l'artista non esistono oggetti o situazioni privilegiate ma solo punti di vista attraverso i quali prendere una posizione visiva, psicologica e fisica.
Questo particolare approccio le consente di accostare con leggerezza e ironia soggetti di natura diversa come dimostrato nella serie di 9 scatti in bianco e nero Untitled del 2010 o nel poster fuoriformato Untitled del 2008. Prendendo dunque le distanze dai “tradizionali” schemi di riferimento della fotografia riesce a svelare la straordinarietà dell'ordinario e a conferire all'immagine l'unicità della visione.
Conclude l'esposizione il video del 2008 Me as a star, dove l'artista indossa un abito riflettente da lei realizzato, grazie al quale propone un delicato e inedito “dialogo” tra il proprio corpo e il sole, originando un insolita e metamorfica “danza luminosa”.

Post popolari in questo blog

Mein Name ist Giulia

Giunta alla seconda esposizione personale a Berlino, con la nuova ricerca Mein Name ist Giulia / Il mio nome è Giulia l’artista toscana Giulia Efisi segna una nuova tappa nella sua esplorazione visiva del concetto di identità e dei passaggi, temi centrali del suo percorso espressivo. 
Dall’iniziale ricerca sul proprio corpo, l’artista si è dedicata alla riscoperta del suo universo privato fatto di persone e oggetti della memoria, fino ad approdare negli ultimi anni alla ricerca sull’identità dell’altro con i suoi Ritratti/Portraits di persone comuni e famose ritratte per il particolare legame che la unisce a esse.
Nelle venti opere esposte alla galleria The Ballery, la Efisi affronta uno scenario nuovo, la metropoli, in cui dà luogo alla sua prima performance artistica. Un mondo privo di àncore, eccetto quella rappresentata da una panchina sulla quale si è seduta e ha cominciato a urlare il proprio nome, sperimentando le reazioni dei passanti. I loro sguardi bassi, il progressivo dist…

Un Respiro a Palazzo Pirelli

L’incontro dei tre artisti - Domenico D'Aria, Marcello Leone, Daniela Nenciulescu - riuniti nella mostra 'Respiro' ci fa riflettere sulla gioia del vivere, sulla semplicità del movimento naturale rappresentato dal respiro, un fiato leggero e sussurrato. Tale respiro che civiene proposto trasforma noi spettatori che ci perdiamo nella nostra quotidianità.
La mostra che è a cura di Anna Comino verrà inaugurata martedì 2 maggio alle 18.30 e potrà essere visitata dal lunedì al venerdì, dalle ore 13 alle ore 19
Respiro PALAZZO PIRELLI - SPAZIO EVENTI Milano - dal 2 al 30 maggio 2017 Via Fabio Filzi 22 (20124) eventi@regione.lombardia.it www.regione.lombardia.it





Spoleto Arte, un osservatorio sull’arte contemporanea

L’esposizione è stata pensata e realizzata dal manager della cultura e di personaggi dello spettacolo Salvo Nunges, e si avvarrà della preziosa curatela del critico d’arte Vittorio Sgarbi. Visto il grande successo e clamore avvenuto in occasione dell’inaugurazione, avvenuta il 1° luglio, il comitato artistico ha deciso di prorogarla fino alla fine del mese di agosto.
Spoleto Arte” è stata definita da Sgarbi: “un osservatorio sull’arte contemporanea” e rappresenta un contenitore di cultura e arte in cui quest’anno si sono viste numerose personalità di spicco: dal viceministro Maria Elena Boschi al presidente del “Festival dei Due Mondi” Fabrizio Cardarelli, dall’On. Lella Golfo al volto noto di Canale 5 Alessandro Meluzzi, da Livia Pomodoro alla scrittrice Sveva Casati Modignani, da Paola Severini della Rai alla statistica Linda Laura Sabbadini, da Sonia Laura Tatò all’inviato di “Striscia la Notizia” Patrick Pugliese, dal noto conduttore televisivo Pippo Franco alla funzionaria press…