Passa ai contenuti principali

Per Silvio Porzionato La Realtà può attendere alla Galleria RezArte Contemporanea di Reggio Emilia

"La Realtà può attendere" per Silvio Porzionato, artista piemontese presentato da Alberto Agazzani presso la Galleria RezArte Contemporanea di Reggio Emilia (Via Emilia Ospizio, 34/D). Visitabile dal 6 al 28 aprile 2013, la mostra raccoglie una trentina di opere ad olio su tela, alcune delle quali di grandi dimensioni, realizzate dal 2011 al 2013
 
Come scrive il curatore, «Silvio Porzionato appartiene a quella genia di pittori realisti ai quali della realtà, intesa come rappresentazione mimetica della realtà, non interessa proprio nulla. Il suo recupero delle forme e delle figure del visibile (della forma e della figura per eccellenza: il corpo umano) avviene in chiave totalmente ed assolutamente pittorica, metafisica (quindi rivolta all'intimo ed all'altrove, comunque all'invisibile), alla luce di un Realismo quanto mai infarcito di invenzione».
Soggetti privilegiati delle sue opere, sono donne "normali", che nulla hanno a che vedere con lo stereotipo femminile proposto dai peggiori show televisivi. Corpi e volti definiti da un segno minuzioso, che si accompagna ad una spiccata sensibilità coloristica, presente anche nei monocromi, dove la tessitura dell'epidermide nasce da una complessa stratificazione pittorica.
 
Un Realismo - conclude Alberto Agazzani - che «recupera le forme della Realtà, ma ne tradisce la natura trasportandola in una dimensione tutta e solo mentale», lungo un itinerario tracciato dall'intera storia dell'arte.

La personale, che sarà inaugurata sabato 6 aprile 2013, alle ore 17.30, sarà visitabile da martedì a sabato con orario 9.30-13.00 e 15.30-19.30, domenica ore 15.30-19.30, chiuso il lunedì, aperto 25 aprile. Ingresso gratuito. Catalogo disponibile in galleria (NFC edizioni, Rimini, 2013) con un testo di Alberto Agazzani. Per informazioni: tel. 0522 333351, rezartegalleria@gmail.com, www.galleriarezarte.it.
 

Post popolari in questo blog

Mein Name ist Giulia

Giunta alla seconda esposizione personale a Berlino, con la nuova ricerca Mein Name ist Giulia / Il mio nome è Giulia l’artista toscana Giulia Efisi segna una nuova tappa nella sua esplorazione visiva del concetto di identità e dei passaggi, temi centrali del suo percorso espressivo. 
Dall’iniziale ricerca sul proprio corpo, l’artista si è dedicata alla riscoperta del suo universo privato fatto di persone e oggetti della memoria, fino ad approdare negli ultimi anni alla ricerca sull’identità dell’altro con i suoi Ritratti/Portraits di persone comuni e famose ritratte per il particolare legame che la unisce a esse.
Nelle venti opere esposte alla galleria The Ballery, la Efisi affronta uno scenario nuovo, la metropoli, in cui dà luogo alla sua prima performance artistica. Un mondo privo di àncore, eccetto quella rappresentata da una panchina sulla quale si è seduta e ha cominciato a urlare il proprio nome, sperimentando le reazioni dei passanti. I loro sguardi bassi, il progressivo dist…

La notte di Caracalla

(ANSA) - ROMA, 17 AGO - Si apre dal 18 agosto uno dei percorsi notturni tra i più suggestivi dell'antica Roma, realizzato dalla soprintendenza speciale di Roma con Electa: fino al 3 ottobre ogni martedì e venerdì sera le Terme di Caracalla saranno accessibili al chiaro di luna con visite guidate.
Gruppi di massimo 25 partecipanti potranno ammirare le monumentali vestigia illuminate nella notte e scendere nei sotterranei. Compreso nella visita il mitreo di Caracalla, il più grande tra quelli rimasti a Roma e perfettamente conservato.
Le visite, della durata di 75 minuti, inizieranno alle 19.30, con l'ultima partenza alle 21.00, e avverranno grazie a una spettacolare illuminazione del monumento a cura di Acea. Nelle giornate lunghe di agosto e dell'inizio di settembre per i primi turni di visita si potranno ammirare le Terme costruite dagli imperatori Severi nella luce dorata del tramonto.
Le visite, guidate da archeologi e storici dell'arte, inizieranno dall'area c…

Tutti i premi di Artissima 2017

Scoprire la bellezza, riconoscerla, premiarla, sostenerla, diffonderla: fedele al suo ruolo di fiera innovativa, sperimentale e anticipatrice, anche quest'anno Artissima supporta il futuro dell'arte contemporanea attraverso l'assegnazione di 7 premi. Nati in collaborazione con sponsor e istituzioni, i riconoscimenti 2017 sono rivolti ad artisti e gallerie presenti in fiera e sono assegnati da giurie internazionali composte da curatori e direttori dei principali musei d'arte contemporanea del mondo.


Campari Art Prize (new): promosso dal Gruppo Campari, il premio è assegnato a un artista under 35 che incentri la sua ricerca sul potere evocativo del racconto nelle sue molteplici declinazioni e sulla dimensione comunicativa dell’opera. Giuria: Adam Budak, Francesco Stocchi, Carina Plath
Refresh Premio Irinox (new): promosso da Irinox, il premio è assegnato a un artista della sezione Disegni che si distingua per la capacità di 'reinventare conservando', esaltando in …