Passa ai contenuti principali

Mirrors di Antonio Maria Fantetti all’ Artoteca Vallisa di Bari.

Dal 15 al 24 giugno 2013 presso l’ Artoteca Vallisa (Strada Vallisa 11 BARI) “Mirrors di Antonio Maria Fantetti “a cura di Sabrina Delliturri. Opening sabato 15 giugno 2013 alle ore 20.00
 
"Riflettere, dal latino re-flectere, “piegare di nuovo” è un verbo che vive un’azione. La sua condizione è però paradossalmente passiva poiché in maniera istantanea ed analoga, attraverso lo strumento dello specchio, si subisce un esito contrario, appunto un ripiegamento.

La mostra fotografica Mirrors di Antonio Maria Fantetti si rimpingua di un senso iniziatico, nuovo, che punta a mettere in scena una serie di ritratti. Negli scatti, però, risiede un'ambivalenza contenutistica ed asettica, che non è, al contrario di quel che può sembrare, una semplice discrepanza tra essere e apparire (un'amletica tristezza), quello che c'è è effettivamente quello che è.
I soggetti sono immortalati in una sospesa ed insieme ironica e rasserenante condizione, che però li vede spontanei e reali. Il personaggio, dunque, non scaturisce dal travestimento, il personaggio assume le sue crude vesti tutti i giorni, in ciò che è apparentemente la "quotidianità", il semplice. Al contrario, travestirsi del proprio quotidiano in un contesto giocoso, in un ballo in maschera, trasforma questa scelta in falsa allegria.

La naturalezza con la quale i soggetti si affacciano al loro status concede delle sinapsi che instaurano un’astratta forma di complicità tra obiettivo e soggetto. L'obiettivo diventa uno specchio, intimo e insieme tanto costruito quanto tangibile e vero.

Non una tematica di sensibilizzazione, quanto una tematica di riflessione, di ripiegamenti su qualcosa di già trattato, ma decontestualizzato nel passaggio da denuncia ad osannazione, approdato poi in una contrariante integrazione conclusiva.
Ogni scatto rimarca la medesima stru
ttura compositiva, ciò però non esclude l’unicità che la pregressa storia del soggetto apporta e che, in maniera infima e sensibile giunge agli occhi del fruitore come se fosse un lento materializzarsi di emozioni.
L'omosessuale, il travestito, vive non più una fase di difficile accettazione per gli altri, le ingenue presunzioni che traspaiono da questi volti alludono ad una triste voglia di fusione extra-ordinaria, di unione generistica, quasi autoghettizzante.

È in funzione di tutto ciò che si può comprendere quanto in realtà la loro natura sia la maschera stessa, e quanto fittizia e teatrale sia la loro realtà. Concetti di una vita che prepotentemente vorrebbe strappare via la sua maschera, ma che altro non la rende che maschera bifronte, rimesso del vero, falso." - Sabrina Delliturri

In sede di inaugurazione Silvana Kuhtz e Marianna Campanile presenteranno live sensoriale Poesia in Azione.

"Più esperienza facciamo con un senso, più riusciamo a distinguere ciò che per noi è importante. Quanto fino ad ora abbiamo esplorato tutta la gamma dei nostri sensi? Il viaggio attraverso il caleidoscopio dei nostri sensi dove ci potrà portare? Il piccolo concerto sensoriale è un modo semplice e divertente per incontrarsi in modo delicato, rispettoso, morbido, con poesia musica divertimento, giochi, nello spirito di poesiainazione." - Silvana Kuhtz
 
La mostra sarà visitabile fino al 24 giugno 2013.
Orari:  dal lunedì al venerdì 9:00-12:00 – 16:00-21:00
sabato e domenica 9:00-12:00 - 17:00-23:00
Per info:
Sabrina Delliturri 329/3946289
salivi2006@hotmail.it
Antonio Maria Fantetti
antonio.fantetti@gmail.com
 
Artoteca Vallisa
Strada Vallisa 11 – BARI (ingresso mostra Mirrors
)
Piazza del Ferrarese 4 - BARI

Post popolari in questo blog

Il Quadro con cerchio di Kandinskij

Si intitola "Quadro con cerchio", ed è il primo dipinto astratto di Vasilij Vasil'evič Kandinskij, fu realizzato nel 1911 e ritrovato solo nel 1989.
Proveniente dal museo nazionale georgiano di Tbilisi, viene per la prima volta esposto in Italia nell'ambito della mostra "Kandinskji, cavaliere errante.In viaggio verso l'astrazione." , al Mudec di Milano (fino al 9 luglio).
Un quadro al quale lo stesso artista attribuiva importanza, come risulta da una sua lettera del 1935: "Quando ho lasciato Mosca, alcuni miei dipinti, in parte di grande formato, sono rimasti in custodia nel museo di Arte Europea Occidentale. Tra essi il mio primissimo quardo astratto del 1911...Purtroppo, non ne possiedo alcuna foto. All'epoca ero scontento del dipinto e pertanto non l'ho neppure numerato e non ho scritto alcuna indicazione sul retro, come faccio sempre, e non l'ho riportato nel mio catalogo personale".

MUDEC



Antropocene – L’epoca umana

Una meditazione cinematografica sulla massiccia ricostruzione del pianeta da parte dell'umanità, 'Antropocene – L’epoca umana' è un film documentario che avuto una lavorazione di quattro anni ad opera del pluripremiato team composto da Jennifer Baichwal, Nicholas de Pencier e Edward Burtynsky.




Terzo in una trilogia che include Manufactured Landscapes (2006) e Watermark (2013), il film segue la ricerca di un gruppo internazionale di scienziati, il gruppo di lavoro Anthropocene che, dopo quasi 10 anni di ricerca, sostiene la teoria secondo cui l'epoca dell’Olocene ha lasciato il posto all'epoca dell’Antropocene a metà del XX secolo in seguito a profondi e duraturi cambiamenti.
Dalle pareti di cemento in Cina che ora coprono il 60% della costa continentale, alle più grandi macchine terrestri mai costruite in Germania, alle psichedeliche miniere di potassio negli Urali russi, alle fiere di metallo nella città di Norilsk, alla devastante Grande Barriera Corallina in Austr…

Ti sento! Non essere sordo alle emozioni

La mostra collettiva " Ti sento! Non essere sordo alle emozioni" - da quest'oggi a mercoledì 19 presso la Tevere Art Gallery, in via Santa Passera 25 , Roma - è un progetto poli-artistico bi-culturale, curato da Francesca Masiero, che intende mettere a confronto il mondo dei sordi e quello degli udenti, scoprendo l’enorme potenziale comunicativo della LIS, la Lingua dei Segni Italiana, fatta di espressioni emotive e concrete gestualità.
Gli artisti, sordi e udenti, coinvolti nella mostra sono Alessandro Arrigo, Re Barbus, The Silent Beat, Marco Capellacci, Marco Verni, Cristina Eidel, Konstantinos Papaioannou e Gina Scanzani.
Attraverso la sperimentazione di grafiche, collage, illustrazioni e fotografie, racconteranno il silenzio e la mancanza di suono, mettendo in discussione certezze acquisite e aiuteranno a comprendere meglio il valore e il significato più profondo della parola e della comunicazione con l’altro. Scoprire il mondo di chi non sente aiuta a riflettere criti…