Passa ai contenuti principali

Fabrizio Lorenzani e Verena Mayer Tasch - Due.

Il Museo Ugo Guidi e gli Amici del Museo Ugo Guidi onlus presentano la mostra di scultura "Fabrizio Lorenzani e Verena Mayer Tasch" sotto l’egida del MIBAC Ministero dei Beni Culturali. La mostra organizzata per “San Valentino”, a cura di Francesca Giovanelli, e realizzata nel “Museo Ugo Guidi” – MUG - di Forte dei Marmi, via Civitali 33 e al Logos Hotel, via Mazzini 153, sarà inaugurata venerdì 14 febbraio alle ore 17 al MUG alla presenza degli artisti, con ingresso libero. L’esposizione sarà visitabile fino al 6 marzo 2014 al museo su appuntamento al 348-3020538 o museougoguidi@gmail.com, al Logos Hotel sabato 17 -19, domenica 11 -13.
 
“Il potere evocativo della scultura, capace di infondere spirito e corpo a ipotetici "se fosse" agendo concretamente nella materia reale, sapientemente ricreata, può dare forma visibile e tangibile alle immagini più inafferrabili, come quelle contenute nel mito classico, nei racconti antichi, nelle fiabe di ogni tempo e luogo. – Così la critica Francesca Giovanelli presenta la mostra - Verena Mayer Tasch ridefinisce gli usi consueti delle cose, ribaltandone il senso in una nuova realtà, modificata nel profondo della sua essenza. Ripensa il quotidiano, modificandone dimensioni e contesto, per approdare a un altrove misterioso e forse ancora inesplorato.
Fabrizio Lorenzani dà vita ad una realtà sospesa, fatta di cose e di pensieri, al tempo stesso fisica e concettuale, quasi sacrale. Sfidando la legge gravitazionale, tenta nella materia varchi di passaggio in equilibrio verso l'ignoto naturale: il cielo, il mare, la terra. Rigore formale, tecnico e stilistico, acquisito seguendo passo dopo passo un duro iter professionale fatto di studi, pratica di laboratorio, sperimentazione continua, accomuna da sempre i due artisti. Pur procedendo ormai da tempo una accanto all'altro nell'arte e nella vita e condividendo molte esperienze insieme, Verena e Fabrizio mantengono ciascuno la propria personalità, che si riflette distintamente nelle creazioni dell'una e dell'altro.
DUE rappresenta un'occasione per farle dialogare tra loro, in un sapiente intreccio di delicate analogie e studiate correlazioni.”

Il MUG ha il sostegno di Logos Hotel e la partecipazione della Banca Credito Cooperativo Versilia, Lunigiana e Garfagnana, del Parco delle Apuane, di Italia Nostra sez. Massa-Montignoso, del Piccolo Teatro della Versilia e della Fondazione Peccioliper. Con l’adesione del Comune di Forte dei Marmi, dell’Unione Europea, dell’International Council Of Museums, Regione Toscana, Toscana Musei, Edumusei, Provincia di Lucca, Sistema Museale della Provincia di Lucca, Istituto Confucio della Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa, APT Versilia, Fondazione R. Del Bianco.
Memoria fotografica della mostra a cura di Antonio Raffaelli, presidente Ass. Versiliese Audiovisivi Didattici.
Partner Speciale: La Capannina di Franceschi con lo “ Spazio Museo Ugo Guidi / MUG Space”.
Partner: Città Infinite, Polo Istruzione Professionale “E.Barsanti” Massa e Carrara, Historia vbc, Liceo Artistico “S.Stagi” Pietrasanta, Comitato Archivio Artistico Documentario Gierut, Acomus International, Galatea Versilia.
Media Partner: QN LA NAZIONE, Forte 100, Arte in Toscana www.arteintoscana.it, BestVersilia.com, Life Beyond Tourism, La Parentesi della Scrittura, Reality Magazine.
Per raggiungere il museo col GPS: LAT:43.972477 N - LON:10.154887 E All’uscita dell’Autostrada Versilia, direzione Forte dei Marmi, seguire i cartelli rettangolari marroni che indicano il museo. Sul viale a mare di Forte dei Marmi e su via Mazzini segnaletica marrone.
Info: museougoguidi@gmail.com / 0585 348510 / 3483020538 www.ugoguidi.it
Ufficio Stampa: Associazione “Amici del Museo Ugo Guidi onlus” - Info: 348-3020538 – 0585-348510 

Post popolari in questo blog

La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini

La scoperta del carteggio inedito tra Telemaco Signorini, il padre Giovanni e il fratello minore Paolo, ha condotto Elisabetta Matteucci e Silvio Balloni a ideare questa raffinata esposizione che vanta due protagonisti, i Signorini da un lato e la loro Firenze dall’altro. 


Il tratto di marcata “fiorentinità” che caratterizza la mostra, unito all’indubbio spessore storico-critico, è tra le ragioni che hanno spinto la famiglia Antinori a realizzare il progetto con l’Istituto Matteucci.
La mostra quindi non poteva trovare sede più appropriata di Palazzo Antinori, edificio storico nel cuore di Firenze, casa di una Famiglia che ha contribuito a fare la Storia della città oltre che della viticoltura di massimo pregio. Per la prima volta, in occasione di “La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini”, il pubblico potrà ammirare i Saloni storici del Piano Nobile di Palazzo Antinori, opportunità che da sola merita un viaggio a Firenze. Saranno essi ad accogliere le opere in mostra, capolavori noti…

ART CITY Bologna 2019 - settima edizione

Alla sua settima edizione, ART CITY Bologna ha luogo per il secondo anno consecutivo sotto la supervisione di Lorenzo Balbi, direttore artistico di MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna, con una importante novità: la manifestazione estende la sua durata fino a divenire una vera e propria art week, con inizio il 25 gennaio e nucleo centrale nel week end dall'1 al 3 febbraio, introducendo, e in seguito affiancando, il week end di Arte Fiera.
Il format di ART CITY Bologna prevede, come nell'ultimo anno, un main program di alto profilo basato su un evento speciale e su una serie di progetti curatoriali monografici, che variano tra mostre, installazioni e performance.
Parte del programma è la sezione ART CITY Segnala, che include oltre 70 eventi selezionati dagli operatori culturali della città, tra cui istituzioni pubbliche e private, gallerie d'arte moderna e contemporanea, artist run space e spazi no-profit. Accanto ad essa, la sezione ART CITY Cinema esplora i rapporti …

De Chirico e Savinio. Una mitologia moderna

Dal 16 marzo al 30 giugno 2019 la Fondazione Magnani-Rocca ospita una grande mostra dedicata a Giorgio de Chirico e Alberto Savinio, i «dioscuri» dell'arte del XX secolo. 
I due fratelli hanno ripensato il mito, l’antico, la tradizione classica attraverso la modernità dell’avanguardia e della citazione, traslandoli e reinterpretandoli per tentare di rispondere ai grandi enigmi dell’uomo contemporaneo, dando vita a quella che Breton definì una vera e propria mitologia moderna. 
La mostra - allestita alla Villa dei Capolavori, sede della Fondazione a Mamiano di Traversetolo presso Parma – presenta oltre centotrenta opere tra celebri dipinti e sorprendenti lavori grafici, in un percorso espositivo che, dalla nascita dell’avventura metafisica, si focalizza su un moderno ripensamento della mitologia e giunge alla ricchissima produzione per il teatro, documentata anche da preziosi costumi per l’opera lirica.   
I Dioscuri dell’Arte – «Sono l'uno la spiegazione dell'altro» scriveva …