Passa ai contenuti principali

La CITTÀ alla Galleria PRAC di Napoli

La galleria PRAC - Piero Renna Arte Contemporanea - ospita dal 26 febbraio al 30 aprile 2014 la mostra CITTÁ, una collettiva sul tema della città contemporanea vista attraverso gli occhi di dieci artisti italiani e stranieri.

Da più di due secoli, la vita dell’uomo è irrevocabilmente cittadina, o metropolitana. Dall’Impressionismo in poi, gli artisti urbani ci hanno restituito immagini di città di volta in volta affollate e dinamica, spesso scenari di scontri sociali, di drammi, di solitudini. Gli occhi dei pittori fissano acutamente la contemporaneità, seguendo o addirittura contribuendo alla creazione di rinnovamenti culturali.
 
La mostra di PRAC, organizzata in collaborazione con la Galleria Forni di Bologna, storica e prestigiosa realtà del figurativo contemporaneo in Italia, offre un omaggio alla rappresentazione della città di artisti nazionali ed internazionali che propongono oggi personali visioni e interpretazioni dell’idea di città contemporanea: la ricerca pittorica di Andrea Baruffi ispirata alle atmosfere di William Hopper, con una nota elegantemente ironica e surreale che la rende inconfondibile; gli spazi della pittura minimalista di Arno Boueilh, artista parigino appena trentenne, residente tra la Francia e Napoli; gli scenari siciliani di Giovanni La Cognata la cui fonte d'ispirazione è la forza inesauribile dell'attaccamento alla sua terra; l’indagine scrupolosa della realtà di Alessandro Papetti tra le strade di Parigi e gli scenari di archeologia industriale attraverso pennellate frenetiche e pastose; i paesaggi urbani dello spagnolo Alejandro Quincoces, dalle vedute periferiche di edifici in costruzione a innumerevoli snodi autostradali come elementi viventi; le rappresentazioni del pittore austriaco Gottfried Salzmann tra fotografia ed acquarello; la realtà dipinta dal napoletano Tommaso Ottieri con le sue visioni metropolitane che scrutano le incertezze della nostra epoca; i colori caldi della terra scelti da Giovanni Sesia per una perfetta combinazione tra spazi pieni e vuoti, resi da strumenti pittorici e grafici; la sapienza tecnica sorprendente e affascinante di Giorgio Tonelli che trasforma fabbriche, periferie e campi deserti in scenari metafisici fuori dal tempo e dallo spazio; la pittura ispirata a una rappresentazione cruda, netta e allo stesso tempo visionaria e onirica di paesaggi naturali e urbani di Velasco.

Così i mille volti degli spazi urbani che abitiamo quotidianamente vengono raccontati e rivelati dagli artisti della Galleria Prac per scoprire che «la Città è una stupenda emozione dell’uomo… il riflesso di tante storie» (R. Piano).
 
La mostra, che verrà inaugurata mercoledì 26 febbraio alle ore 19, e che si propone come appuntamento fisso annuale, è realizzata con il contributo dell’Ordine degli Architetti Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori di Napoli e Provincia, e grazie ai patrocini del Dipartimento di Architettura dell'Università degli Studi di Napoli "Federico II", dell'Associazione Nazionale Ingegneri Architetti Italiani sez. Campania e della Fondazione Internazionale per gli Studi Superiori di Architettura.
 
via nuova pizzofalcone 2 | 80122 napoli | tel 081 7640096 | cel 349 2876951
prac | piero renna arte contemporanea
prac@galleriarenna.com | www.galleriarenna.com

Commenti

Post popolari in questo blog

Antonio Ligabue. L'uomo, l'artista all'Orangerie della Villa Reale di Monza

Novanta opere, tra dipinti, sculture, incisioni e disegni, ripercorrono la vicenda umana e creativa di uno degli autori più geniali e originali del Novecento italiano: Antonio Ligabue . L'Orangerie della Villa Reale di Monza ospita, fino al 1° maggio 2022, un'antologica dal titolo " Antonio Ligabue. L'uomo, l'artista ", curata da Sandro Parmiggiani , prodotta e organizzata da ViDi in collaborazione con il Comune di Monza e il Consorzio Villa Reale e Parco di Monza. Come immagine guida della mostra è stato scelto "Autoritratto con cavalletto" (1954-1955), un grande dipinto ad olio su tavola di faesite, appartenente alla collezione d'arte di BPER Banca. Il prestito dell'opera, unitamente ad ulteriori tre dipinti acquisiti a seguito dell'incorporazione del ramo d'azienda di UBI Banca ("Aratura con buoi", 1963-54; "Ritorno dai campi con castello", 1955-57; "Leonessa con zebra", 1959-60), rientra nelle attivit

Il Quadro con cerchio di Kandinskij

Si intitola " Quadro con cerchio ", ed è il primo dipinto astratto di Vasilij Vasil'evič Kandinskij , fu realizzato nel 1911 e ritrovato solo nel 1989. Proveniente dal museo nazionale georgiano di Tbilisi, viene per la prima volta esposto in Italia nell'ambito della mostra " Kandinskji, cavaliere errante.In viaggio verso l'astrazione ." , al Mudec di Milano (fino al 9 luglio). Un quadro al quale lo stesso artista attribuiva importanza, come risulta da una sua lettera del 1935: "Quando ho lasciato Mosca, alcuni miei dipinti, in parte di grande formato, sono rimasti in custodia nel museo di Arte Europea Occidentale. Tra essi il mio primissimo quardo astratto del 1911...Purtroppo, non ne possiedo alcuna foto. All'epoca ero scontento del dipinto e pertanto non l'ho neppure numerato e non ho scritto alcuna indicazione sul retro, come faccio sempre, e non l'ho riportato nel mio catalogo personale" . MUDEC

LUIGI MARCON E LE SUE INCISIONI : A Molfetta presso il Fashion District

Luigi Marcon è nato ai Piai di Tarzo (TV) 1938. Apprende l’arte d’incidere a Venezia, prima all’Istituto Statale d’Arte,e in seguito presso il Centro Internazionale della Grafica. Dal 1960 partecipa a molte rassegne di grafica nazionali ed internazionali conseguendo vari riconoscimenti; allestisce numerose personali in Italia e all’estero. Da molti anni si dedica pure all’insegnamento della calcografia mediante corsi teorico-pratici in varie città del Veneto. Opera ed espone in permanenza a Vittorio Veneto, Saletta della Grafica e laboratorio d'incisione in Via Manin, 39. Sono spesso ospiti della galleria noti artisti incisori atti a proporre tecniche ed espressioni diverse.Nella sua principale attività di incisore, oltre che pittore, ha realizzato con le tecniche calcografiche oltre 3000 matrici. Ne esegue personalmente la stampa con torchio a stella, normalmente in venti esemplari e ne biffa la matrice a tiratura ultimata. Fino all'8 maggio 2009 l'artista Luigi Marcon