Passa ai contenuti principali

I Cerchi di Marco Da Rold

Iperrealismo, Realismo, Nuova Oggettività... nel corso degli ultimi due secoli gli artisti e la critica si sono dilettati nell’affibbiare, talvolta a giusto titolo e talaltra a sproposito, etichette d’identificazione.

Un modo efficace, per certi versi, di conferirsi un ruolo, di aprirsi un varco o, semplicemente, di trovare una conformazione nel vasto Olimpo dell’arte. Manifestiamo, al contrario, l’impossibilità di attribuire un “marchio” alla pittura di Marco Da Rold. Attraverso i suoi lavori, l’osservatore è condotto al sublime superamento della realtà. Non vi sono espedienti metafisici, né traslitterazioni oggettive: solo la pittura bituminosa, calda d’impasti e pigmenti, che si dipana magicamente sulla tela, tesa alla ricerca «del lontano nel più vicino, del segreto nel manifesto» (Jean-Luc Nancy). 

La pittura del Nostro, che parte da una base fotografica, va “oltre la pittura”: i soggetti realistici quasi magicamente sembrano svanire dal reale, non appena riportati su tela. I “Cerchi” consistono di oniriche visioni amniotiche, naturalistiche ambientazioni, densi ricordi familiari, vita quotidiana, costruendo labirinti dai caleidoscopici colori, i quali a passo di danza – senza smarrire la tensione lirica – assalgono, arma in pugno, l’osservatore, travolgendolo in un reale sognante, malinconico, effimero, ludico, mutante.

Marco Da Rold, in conclusione, supera il reale (attraverso il reale) per parlare, in dialogo fitto, alle anime capaci di aprirsi a mondi nuovi. 

Marco Da Rold - Cerchi
DB PROJECT
Torre Pellice (TO) - dal 22 agosto al 6 settembre 2015
Via Arnaud 31 (10066)
+39 347 6472690
db.project@libero.it

Post popolari in questo blog

Mein Name ist Giulia

Giunta alla seconda esposizione personale a Berlino, con la nuova ricerca Mein Name ist Giulia / Il mio nome è Giulia l’artista toscana Giulia Efisi segna una nuova tappa nella sua esplorazione visiva del concetto di identità e dei passaggi, temi centrali del suo percorso espressivo. 
Dall’iniziale ricerca sul proprio corpo, l’artista si è dedicata alla riscoperta del suo universo privato fatto di persone e oggetti della memoria, fino ad approdare negli ultimi anni alla ricerca sull’identità dell’altro con i suoi Ritratti/Portraits di persone comuni e famose ritratte per il particolare legame che la unisce a esse.
Nelle venti opere esposte alla galleria The Ballery, la Efisi affronta uno scenario nuovo, la metropoli, in cui dà luogo alla sua prima performance artistica. Un mondo privo di àncore, eccetto quella rappresentata da una panchina sulla quale si è seduta e ha cominciato a urlare il proprio nome, sperimentando le reazioni dei passanti. I loro sguardi bassi, il progressivo dist…

Un Respiro a Palazzo Pirelli

L’incontro dei tre artisti - Domenico D'Aria, Marcello Leone, Daniela Nenciulescu - riuniti nella mostra 'Respiro' ci fa riflettere sulla gioia del vivere, sulla semplicità del movimento naturale rappresentato dal respiro, un fiato leggero e sussurrato. Tale respiro che civiene proposto trasforma noi spettatori che ci perdiamo nella nostra quotidianità.
La mostra che è a cura di Anna Comino verrà inaugurata martedì 2 maggio alle 18.30 e potrà essere visitata dal lunedì al venerdì, dalle ore 13 alle ore 19
Respiro PALAZZO PIRELLI - SPAZIO EVENTI Milano - dal 2 al 30 maggio 2017 Via Fabio Filzi 22 (20124) eventi@regione.lombardia.it www.regione.lombardia.it





L’astrattismo inverso di Fulvio Bresciani

Il persiano Al-khwarizmni fu il primo a teorizzare l’algoritmo, il procedimento che risolve un determinato “problema” attraverso un certo numero finito di passi elementari, un concetto fondamentale dell'informatica che può essere eseguito da un calcolatore. Fulvio Bresciani, laureato in ingegneria nucleare, ha applicato l'algoritmo nei suoi dipinti creando una nuova corrente pittorica che lui ha definito “Astrattismo-Inverso”.
In pratica l'artista crea al computer un algoritmo che muove in modo casuale riempiendo lo schermo di una fitta rete di linee e dopo aver calcolato gli interspazi con il computer trasporta questa immagine sulla tela con i colori acrilici. 
Perché “Astrattismo Inverso”? Perché mentre gli astrattisti, negando sempre di più la realtà, sono giunti a realizzare forme non concrete, Fulvio Bresciani partendo da forme astratte e utilizzando la sua fervida fantasia ricostruisce la forma e l'ordine delle cose.
Fulvio Bresciani - L’astrattismo inverso
GALLER…