Passa ai contenuti principali

CONTRONATURA per la Seconda edizione del Festival di Fotografia Contemporanea Diecixdieci

Il chiostro, le stanze e il cortile dell’ex Convento di S. Maria faranno da location alla seconda edizione del Festival di Fotografia Contemporanea Diecixdieci che si terrà dal  24 al 26 giugno 2016, tre giorni di incontri, letture portfolio e mostre di alcuni tra i più giovani e interessanti autori del panorama italiano.

Organizzato dal collettivo fotografico Diecixdieci e dall’associazione culturale L’Officina dell’Immaginazione con il patrocinio del Comune di Gonzaga, il festival riflette sul tema CONTRONATURA, prendendo in esame diversi aspetti della convivenza tra l’uomo e l’ambiente che lo circonda.


ESPONGONO:

ANDREA ALESSIO (Un_natural bestiary)
GIULIA FLAVIA BACZYNSKI (Wunder-Land)
NAUSICAA GIULIA BIANCHI (Quaderno nero)
SERGIO CAMPLONE (Anagrafe del danno - L'Aquila)
MARCO FAVA (Tracce di una geografia veloce)
ETTORE MONI (An Empty Valley)


EVENTI:

VEN 24 GIUGNO
21.00: Inaugurazione - Buffet e Dj Set.
A seguire concerto jazz con i No4tet.


SAB 25 GIUGNO

15,00 - 19,00:
Letture portfolio con:
Andrea Alessio, Steve Bisson, Francesca Orsi
Info e prenotazioni sul sito www.diecixdieci.it

11,00: William Guerrieri
Presentazione del libro "The Dairy - Images for the Italian Countryside", Linea di Confine Editore, Rubiera 2015.

16,00: Fulvio Bortolozzo
Dal West al New West. L'epopea dei paesaggisti americani dal moto del West ai New Topographics - incontro in collaborazione con Frammenti di Fotografia, a cura di Marco Brioni e Ruggero Ughetti.

18,00: Tavola rotonda con gli autori

19,30: Aperitivo con Dj Set

21,30: Proiezione del film: “Il Deserto Rosa / Luigi Ghirri”
di Elisabetta Sgarbi 2009.



DOM 26 GIUGNO

10,00 - 13,00:
Letture portfolio con:
Andrea Alessio, Steve Bisson, Francesca Orsi
Info e prenotazioni sul sito www.diecixdieci.it

10,00: Davide Palmisano e Manuela Marchetti
Presentazione dei due libri fotografici TIMELESS PERSIA e SOKUT.

11,00: Maurizio Guerri e Andrea Pinotti
“Immagini contro natura”
Dialogo sulla fotografia contemporanea.

16,00: Tavola rotonda con editori indipendenti
a cura di Luca Panaro, con la partecipazione di Seipersei, Skinnerboox, Witty Kiwi.

18,00: Luca Panaro
Presentazione del libro "Photo Ad Hoc", Apm Edizioni, Carpi 2016.

19,30: Dummy Photohook
Mostra itinerante dei libri prodotti in occasione dei workshop a cura di Luca Panaro.



ORARIO D’APERTURA MOSTRE (24 giugno - 10 luglio):
da MAR a VEN 9,00/13,00; SAB-DOM 10,00/12,30 e 16,00-19,00


SEGRETERIA ORGANIZZATIVA E CONTATTI
www.diecixdieci.it
info@diecixdieci.it
Staff organizzativo composto da: Damiano Bonazzi, Massimo Caramaschi, Giulio Gibertoni, Alessandro Malavasi, Pietro Millenotti, Luana Rigolli.


A cura del Collettivo DieciXdieci con il patrocinio del Comune di Gonzaga e dell’associazione culturale L’officina dell’immaginazione e con il prezioso contributo di: DF2000.it, Ristorante Taverna del Tasso, Promus srl - Grecav Service, Elettromeccanica Soldani, Calzolari srl, Pizzeria Robby’s.

Progetto grafico: Variante Zero Co-Work.

Post popolari in questo blog

Mein Name ist Giulia

Giunta alla seconda esposizione personale a Berlino, con la nuova ricerca Mein Name ist Giulia / Il mio nome è Giulia l’artista toscana Giulia Efisi segna una nuova tappa nella sua esplorazione visiva del concetto di identità e dei passaggi, temi centrali del suo percorso espressivo. 
Dall’iniziale ricerca sul proprio corpo, l’artista si è dedicata alla riscoperta del suo universo privato fatto di persone e oggetti della memoria, fino ad approdare negli ultimi anni alla ricerca sull’identità dell’altro con i suoi Ritratti/Portraits di persone comuni e famose ritratte per il particolare legame che la unisce a esse.
Nelle venti opere esposte alla galleria The Ballery, la Efisi affronta uno scenario nuovo, la metropoli, in cui dà luogo alla sua prima performance artistica. Un mondo privo di àncore, eccetto quella rappresentata da una panchina sulla quale si è seduta e ha cominciato a urlare il proprio nome, sperimentando le reazioni dei passanti. I loro sguardi bassi, il progressivo dist…

Un Respiro a Palazzo Pirelli

L’incontro dei tre artisti - Domenico D'Aria, Marcello Leone, Daniela Nenciulescu - riuniti nella mostra 'Respiro' ci fa riflettere sulla gioia del vivere, sulla semplicità del movimento naturale rappresentato dal respiro, un fiato leggero e sussurrato. Tale respiro che civiene proposto trasforma noi spettatori che ci perdiamo nella nostra quotidianità.
La mostra che è a cura di Anna Comino verrà inaugurata martedì 2 maggio alle 18.30 e potrà essere visitata dal lunedì al venerdì, dalle ore 13 alle ore 19
Respiro PALAZZO PIRELLI - SPAZIO EVENTI Milano - dal 2 al 30 maggio 2017 Via Fabio Filzi 22 (20124) eventi@regione.lombardia.it www.regione.lombardia.it





L’astrattismo inverso di Fulvio Bresciani

Il persiano Al-khwarizmni fu il primo a teorizzare l’algoritmo, il procedimento che risolve un determinato “problema” attraverso un certo numero finito di passi elementari, un concetto fondamentale dell'informatica che può essere eseguito da un calcolatore. Fulvio Bresciani, laureato in ingegneria nucleare, ha applicato l'algoritmo nei suoi dipinti creando una nuova corrente pittorica che lui ha definito “Astrattismo-Inverso”.
In pratica l'artista crea al computer un algoritmo che muove in modo casuale riempiendo lo schermo di una fitta rete di linee e dopo aver calcolato gli interspazi con il computer trasporta questa immagine sulla tela con i colori acrilici. 
Perché “Astrattismo Inverso”? Perché mentre gli astrattisti, negando sempre di più la realtà, sono giunti a realizzare forme non concrete, Fulvio Bresciani partendo da forme astratte e utilizzando la sua fervida fantasia ricostruisce la forma e l'ordine delle cose.
Fulvio Bresciani - L’astrattismo inverso
GALLER…