Passa ai contenuti principali

ManoMissione come missione della mano.

Un nuovo appuntamento DELLA CERAMICA D'APULIA attiva per la ricerca e la sperimentazione della terracotta e della ceramica in una regione che vanta precise valenze storiche grazie all'apporto del sistema MagnaGrecia di tanti secoli fa. Giuseppe Vallarelli artista-ceramista propone un'attento studio sui linguaggi simbolici della mano MANO_MISSIONE e lo fa utilizzando una argilla particolare come è appunto il Galestro..

ManoMissione
come missione della mano

Il gesto e il segnale sono espressioni della mano, arto gestito dal nostro sistema centrale. L’operazione della mano entra in simbiosi con il nostro cervello, migliorando le capacità operative dell’intelletto, sviluppando sempre nuove creazioni visuali, materiali ed espressive che diversificano l’accrescimento delle capacità culturali dell’uomo a livello spirituale e materiale. Tutto nasce da gesti primordiali, apotropaici e di superstizione, ad esorcizzare forze occulte ritenute portatrici di influenze per lo più negative. Tali simbolismi si manifestano con visualizzazione di elementi gestuali e artistici presenti nei centri storici pugliesi. Non è dato sapere quali delle due mani si è animata per prima, vista la similitudine degli arti e la duplicazione di se stessi, un lato uguale all’altro, cioè speculari. Da sempre identificate come mano destra e mano sinistra come Saul e Giacobbe, cioè una parte spiritualista ed una materialista che insieme hanno creato la storia in tutte le sue manifestazioni. A volte le parti sono state scisse per essere assoggettate a poteri e sottomissioni creando eletti ai diversi livelli. La mano ci prende da quando veniamo alla luce e nello sviluppo della personalità, sin dai primi giorni, ci aiuta a comprendere, prima con il tatto e dopo con il coordinamento, a modellare, a modificare e a realizzare tutto quello che serve all’essere uomo. La manualità realizza sempre nuove primavere rinnovando e facendo rinascere ogni volta nuovi eventi, in sintonia con il nostro sistema centrale nel quale esiste una piccola parte di luce e di sole che alimenta la creazione

RA contemporaryART
corso Garibaldi 22 · Terlizzi Ba
info 338.7674491

vallarelli.giuseppe@live.it
info 349.3169162

Giuseppe Vallarelli
ManoMissione
come missione della mano
S. Giovanni, chiesa nei resti del castello Normanno. Bisceglie centro
dal 19 giugno al 2 luglio 2016

Post popolari in questo blog

Mein Name ist Giulia

Giunta alla seconda esposizione personale a Berlino, con la nuova ricerca Mein Name ist Giulia / Il mio nome è Giulia l’artista toscana Giulia Efisi segna una nuova tappa nella sua esplorazione visiva del concetto di identità e dei passaggi, temi centrali del suo percorso espressivo. 
Dall’iniziale ricerca sul proprio corpo, l’artista si è dedicata alla riscoperta del suo universo privato fatto di persone e oggetti della memoria, fino ad approdare negli ultimi anni alla ricerca sull’identità dell’altro con i suoi Ritratti/Portraits di persone comuni e famose ritratte per il particolare legame che la unisce a esse.
Nelle venti opere esposte alla galleria The Ballery, la Efisi affronta uno scenario nuovo, la metropoli, in cui dà luogo alla sua prima performance artistica. Un mondo privo di àncore, eccetto quella rappresentata da una panchina sulla quale si è seduta e ha cominciato a urlare il proprio nome, sperimentando le reazioni dei passanti. I loro sguardi bassi, il progressivo dist…

Un Respiro a Palazzo Pirelli

L’incontro dei tre artisti - Domenico D'Aria, Marcello Leone, Daniela Nenciulescu - riuniti nella mostra 'Respiro' ci fa riflettere sulla gioia del vivere, sulla semplicità del movimento naturale rappresentato dal respiro, un fiato leggero e sussurrato. Tale respiro che civiene proposto trasforma noi spettatori che ci perdiamo nella nostra quotidianità.
La mostra che è a cura di Anna Comino verrà inaugurata martedì 2 maggio alle 18.30 e potrà essere visitata dal lunedì al venerdì, dalle ore 13 alle ore 19
Respiro PALAZZO PIRELLI - SPAZIO EVENTI Milano - dal 2 al 30 maggio 2017 Via Fabio Filzi 22 (20124) eventi@regione.lombardia.it www.regione.lombardia.it





L’astrattismo inverso di Fulvio Bresciani

Il persiano Al-khwarizmni fu il primo a teorizzare l’algoritmo, il procedimento che risolve un determinato “problema” attraverso un certo numero finito di passi elementari, un concetto fondamentale dell'informatica che può essere eseguito da un calcolatore. Fulvio Bresciani, laureato in ingegneria nucleare, ha applicato l'algoritmo nei suoi dipinti creando una nuova corrente pittorica che lui ha definito “Astrattismo-Inverso”.
In pratica l'artista crea al computer un algoritmo che muove in modo casuale riempiendo lo schermo di una fitta rete di linee e dopo aver calcolato gli interspazi con il computer trasporta questa immagine sulla tela con i colori acrilici. 
Perché “Astrattismo Inverso”? Perché mentre gli astrattisti, negando sempre di più la realtà, sono giunti a realizzare forme non concrete, Fulvio Bresciani partendo da forme astratte e utilizzando la sua fervida fantasia ricostruisce la forma e l'ordine delle cose.
Fulvio Bresciani - L’astrattismo inverso
GALLER…