Passa ai contenuti principali

Francis Bacon. Un viaggio nei mille volti dell’uomo moderno

Giovedì 24 novembre, ore 16.30 
“Francis Bacon. Un viaggio nei mille volti dell’uomo moderno”
Casa dei Carraresi, Treviso | 15 ottobre - 1 maggio 2017

Francis Bacon. Un viaggio nei mille volti dell’uomo moderno” è il nuovo ambizioso progetto firmato dalla società Kornice: in mostra, nella meravigliosa atmosfera di Casa dei Carraresi a Treviso, la controversa e poco conosciuta collezione di opere che Francis Bacon realizzò in Italia e donò al suo amico Cristiano Lovatelli Ravarino


 “FRANCIS BACON. Un viaggio nei mille volti dell’uomo moderno”: per la prima volta una mostra che propone al visitatore molteplici letture su uno degli artisti più controversi del ‘900. 

L’esposizione offre l’incredibile opportunità di visionare la “Francis Bacon Collection of the Drawings Donated to Cristiano Lovatelli Ravarino”, una raccolta di disegni realizzati durante il soggiorno del pittore irlandese in Italia, la cui autenticità è argomento di accese controversie. 

Intento dell’esposizione è quello di offrire al visitatore una panoramica generale di quella che nel ‘900 era la percezione dell’esistenza umana, in seguito alla rivoluzione culturale che, a cavallo tra l’800 e il ‘900, colpisce tutti i campi del sapere: i valori della ragione classica vengono messi in discussione, non si crede più ad un mondo necessario, alla centralità dell’uomo e all’esistenza di una verità assoluta, unica e conoscibile.  

In questo clima, avvolto da un vortice di incertezze e insicurezze, prendono vita le opere di Francis Bacon appartenenti alla collezione in mostra. Osservare, capire e scoprire l’idea che il pittore irlandese e gli artisti e sapienti del suo tempo avevano dell’uomo moderno, è quanto Kornice mira a fare: il percorso allestito aiuta il visitatore a calarsi nell’atmosfera del periodo anche attraverso l’esposizione di opere di altri artisti, che suggeriscono spunti di riflessione e confronto, e di citazioni di filosofi e pensatori come Nietzsche, che criticavano i valori fino ad allora dominanti, proponendo spunti di indagine psicologica, filosofica e artistica volti a delineare una nuova concezione della vita e dell’essere.

L’analisi dei soggetti rappresentati, del tratto, dei colori e delle forme aiuterà il pubblico a comprendere il dolore psicologico dell’artista irlandese nel suo viaggio alla ricerca di una definizione dell’uomo moderno, in un contesto socio-culturale in profonda crisi e alla disperata ricerca di nuovi punti fermi.

La curatela dell’esposizione è affidata a una personalità di indubbio rilievo Edward Lucie-Smith poeta, critico e storico dell’arte, autore di oltre 200 tra libri, cataloghi e saggi, tra cui “Francis Bacon, Works on paper. A catalogue of the drawings by the artist donated to Cristiano Lovatelli Ravarino”. Ad affiancarlo, la co-curatrice Giulia Zandonadi, giovane scrittrice e storica dell’arte.

Ad aprire le scene, lo scorso 12 ottobre, Paolo Crepet, importante psicologo, psichiatra e sociologo che ha voluto dare una sua interpretazione socio-psicologica di Francis Bacon, analizzando le sue opere e contestualizzandole in un clima che per molti aspetti richiama quello che stiamo sperimentando oggi.

Si segnalano le collaborazioni nate con TCBF (Treviso Comic Book Festival), i cui artisti hanno dipinto le vetrine dei negozi del centro storico di Treviso secondo il tema della mostra, e The ART post Blog, che supporta l’esposizione diffondendo informazioni e aggiornamenti attraverso i suoi canali. 

A collaborare anche la Community di instagrammers trevigiani che, sotto l’hashtag ufficiale #bacontreviso, condividono immagini ed esperienze relative alla mostra in corso. 

Importante, inoltre, l’accordo siglato con Mondadori Store, il più esteso network di librerie in Italia con oltre 600 punti vendita ed un sistema che affianca diverse esperienze di intrattenimento, anche con nuovi servizi integrati come Mondadori Café, Mondadori Travel e Book on demand.
Il portale Mondadoristore.it, partner di Kornice per tutte le attività della società, permetterà ai clienti iscritti di ottenere vantaggi speciali relativi alla mostra.

Numerose le attività e gli appuntamenti pianificati da Kornice per tutta la durata della mostra allo scopo di delineare la figura del pittore secondo differenti prospettive: il corso degli eventi, in questi mesi di esposizione, proseguirà con ulteriori incontri che vedranno artisti e professionisti in diversi ambiti dare una propria interpretazione alle opere di Francis Bacon, con l’intento di raccontare quelli che, secondo loro, sono i mille volti dell’uomo moderno.  


Hashtag Ufficiale
#bacontreviso

Sede
Casa dei Carraresi
Via Palestro 33, 35 Treviso 

Periodo
15 ottobre 2016 – 1 Maggio 2017 
Orari
Lunedì – venerdì 9.00 – 18.00; sabato - domenica 10.00 – 20.00
La vendita dei biglietti sarà sospesa 45 minuti prima della chiusura della mostra

Info e prenotazioni
0422 513150 - info@bacontreviso.it (dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle ore 18.00)

Prezzi
Singolo intero - 13 €
Singolo ridotto - 11 € (dai 17 ai 26 anni, categorie convenzionate)
Singolo ridotto speciale - 8 € (dai 6 ai 16 anni)

I biglietti e ulteriori dettagli sono disponibili sul sito: www.bacontreviso.it

Post popolari in questo blog

Mein Name ist Giulia

Giunta alla seconda esposizione personale a Berlino, con la nuova ricerca Mein Name ist Giulia / Il mio nome è Giulia l’artista toscana Giulia Efisi segna una nuova tappa nella sua esplorazione visiva del concetto di identità e dei passaggi, temi centrali del suo percorso espressivo. 
Dall’iniziale ricerca sul proprio corpo, l’artista si è dedicata alla riscoperta del suo universo privato fatto di persone e oggetti della memoria, fino ad approdare negli ultimi anni alla ricerca sull’identità dell’altro con i suoi Ritratti/Portraits di persone comuni e famose ritratte per il particolare legame che la unisce a esse.
Nelle venti opere esposte alla galleria The Ballery, la Efisi affronta uno scenario nuovo, la metropoli, in cui dà luogo alla sua prima performance artistica. Un mondo privo di àncore, eccetto quella rappresentata da una panchina sulla quale si è seduta e ha cominciato a urlare il proprio nome, sperimentando le reazioni dei passanti. I loro sguardi bassi, il progressivo dist…

Un Respiro a Palazzo Pirelli

L’incontro dei tre artisti - Domenico D'Aria, Marcello Leone, Daniela Nenciulescu - riuniti nella mostra 'Respiro' ci fa riflettere sulla gioia del vivere, sulla semplicità del movimento naturale rappresentato dal respiro, un fiato leggero e sussurrato. Tale respiro che civiene proposto trasforma noi spettatori che ci perdiamo nella nostra quotidianità.
La mostra che è a cura di Anna Comino verrà inaugurata martedì 2 maggio alle 18.30 e potrà essere visitata dal lunedì al venerdì, dalle ore 13 alle ore 19
Respiro PALAZZO PIRELLI - SPAZIO EVENTI Milano - dal 2 al 30 maggio 2017 Via Fabio Filzi 22 (20124) eventi@regione.lombardia.it www.regione.lombardia.it





L’astrattismo inverso di Fulvio Bresciani

Il persiano Al-khwarizmni fu il primo a teorizzare l’algoritmo, il procedimento che risolve un determinato “problema” attraverso un certo numero finito di passi elementari, un concetto fondamentale dell'informatica che può essere eseguito da un calcolatore. Fulvio Bresciani, laureato in ingegneria nucleare, ha applicato l'algoritmo nei suoi dipinti creando una nuova corrente pittorica che lui ha definito “Astrattismo-Inverso”.
In pratica l'artista crea al computer un algoritmo che muove in modo casuale riempiendo lo schermo di una fitta rete di linee e dopo aver calcolato gli interspazi con il computer trasporta questa immagine sulla tela con i colori acrilici. 
Perché “Astrattismo Inverso”? Perché mentre gli astrattisti, negando sempre di più la realtà, sono giunti a realizzare forme non concrete, Fulvio Bresciani partendo da forme astratte e utilizzando la sua fervida fantasia ricostruisce la forma e l'ordine delle cose.
Fulvio Bresciani - L’astrattismo inverso
GALLER…