Passa ai contenuti principali

Il Diario notturno di Elisa Filomena in mostra al Circoloquadro

Mercoledì 6 marzo Circoloquadro presenta Diario notturno, mostra di Elisa Filomena. Grandi tele e numerose carte vanno a formare un racconto, come in una sorta di diario intimo e personale, scritto durante le ore silenti della notte, il momento prediletto dell’artista torinese per dedicarsi alla pittura tanto amata.

Diario notturno, il progetto che Elisa Filomena presenta per la prima volta a Milano, è il risultato degli ultimi due anni di lavoro, intensi e frenetici. Di notte, quando tutto tace, l’artista torinese disegna e dipinge senza sosta e con urgenza. Questa “pagine” notturne vengono mostrate a Circoloquadro, aperte una per una davanti allo sguardo dello spettatore che può così cogliere frammenti di vita e di storie diverse.

Alla base di questo progetto c’è la curiosità e la volontà di Filomena di indagare sempre più il disegno che diventa uno strumento di mediazione tra la realtà e l’arte. “La mano è collegata alla mia testa senza che nessun filtro si frapponga; il gesto è veloce e immediato non c’è più l’ostacolo della tecnica o della materia pittorica.” E questo percorso di ripensamento sul disegno porta Elisa Filomena ad accorciare le distanze tra il suo disegno e la sua pittura, che diventa essenziale e sintetica e ben aderente alle carte in mostra, con una coerenza estrema e sorprendente.

Alle pareti di Circoloquadro le “pagine” del suo diario notturno si mescolano a tele di grandi dimensioni in cui diverse immagini vengono racchiuse come fossero dei frames in una unica tela: qui il racconto che non ha un ordine cronologico, ma assume senso e poesia grazie al segno pittorico dell’artista che ricorda il linguaggio utilizzato in poesia, per rime e accostamenti, punti e vuoti riempiti con colori e piccoli segni grafici. La vicinanza con la pratica del disegno viene rivelata da un pittura particolare in cui non ci sono ripensamenti o stratificazioni.

Accanto a questi lavori una serie di ritratti su carta, ripresi da fototessere americane degli anni ’60, eseguiti con tecnica mista, unici per la loro forza esistenziale. I personaggi delle carte prendono forma grazie a un disegno istintivo dove il segno è unico e irripetibile, concentrato su una ricerca espressiva dove “l’errore” pittorico non è contemplato, e dove il segno è dato da una espressività̀ maturata dal lavoro quotidiano.

Con un allestimento particolare, “ a riempire”, Diario notturno racconta così non solo due anni interi di lavoro e quindi il percorso artistico e personale dell’artista, ma anche le storie e le vite dei personaggi che abitano le tele e le carte di Elisa Filomena.

In occasione della mostra verranno realizzate 30 stampe a tiratura limitata  con intervento diretto dell’artista, numerate e firmate, in vendita a 50 euro. Le prenotazioni sono aperte. 


Elisa Filomena. Torino 1976. Diplomata all’Accademia Albertina di Belle Arti di Torino. Nel 2018 partecipa a Selvatico [tredici] a cura di Massimiliano Fabbri presso il Museo Civico di Cotignola e nel 2017 a Landina, esperienza di pittura en plein air a cura di Lorenza Boisi. Tra le mostre personali e collettive si segnalano le seguenti sedi: Kommunale Galerie di Morfelden-Walldorf, Francoforte sul Meno (2018), MARS di Milano (2018), Museo Tornielli di Ameno (2018), Libreria Bocca di Milano (2017), Galleria De Chirico Arte Contemporanea di Torino (2013), Palazzo Mathis di Bra (2013), Fondazione Amleto Bertoni di Saluzzo (2013), 54° Biennale di Venezia Regione Piemonte (2011) e Galleria Davico di Torino (2009). Vincitrice della borsa di studio Alida Epremian per giovani pittrici e del Premio di pittura Matteo Olivero (2008). È’ stata selezionata in diversi premi tra cui: Premio Combat (2018), Premio Vittorio Viviani (2018), Premio Carlo Bonatto Minella (2011), Premio Cesare Pavese (2008) e negli anni 2004, 2006 e 2008 al Premio Carlo Dalla Zorza tenuto dalla Galleria Ponte Rosso di Milano.



ELISA FILOMENA | DIARIO NOTTURNO
Inaugurazione mercoledì 6 marzo 2019, dalle ore 18.30
In mostra dal 7 marzo al 7 aprile 2019
Orari dal mercoledì al venerdì ore 15-19 o su appuntamento.

CIRCOLOQUADROarte contemporanea
Via Gian Battista Passerini 18 Milano
Telefono +39 324 8392144 | Email: info@circoloquadro.com



Post popolari in questo blog

Antonio Ligabue. L'uomo, l'artista all'Orangerie della Villa Reale di Monza

Novanta opere, tra dipinti, sculture, incisioni e disegni, ripercorrono la vicenda umana e creativa di uno degli autori più geniali e originali del Novecento italiano: Antonio Ligabue . L'Orangerie della Villa Reale di Monza ospita, fino al 1° maggio 2022, un'antologica dal titolo " Antonio Ligabue. L'uomo, l'artista ", curata da Sandro Parmiggiani , prodotta e organizzata da ViDi in collaborazione con il Comune di Monza e il Consorzio Villa Reale e Parco di Monza. Come immagine guida della mostra è stato scelto "Autoritratto con cavalletto" (1954-1955), un grande dipinto ad olio su tavola di faesite, appartenente alla collezione d'arte di BPER Banca. Il prestito dell'opera, unitamente ad ulteriori tre dipinti acquisiti a seguito dell'incorporazione del ramo d'azienda di UBI Banca ("Aratura con buoi", 1963-54; "Ritorno dai campi con castello", 1955-57; "Leonessa con zebra", 1959-60), rientra nelle attivit

Il Quadro con cerchio di Kandinskij

Si intitola " Quadro con cerchio ", ed è il primo dipinto astratto di Vasilij Vasil'evič Kandinskij , fu realizzato nel 1911 e ritrovato solo nel 1989. Proveniente dal museo nazionale georgiano di Tbilisi, viene per la prima volta esposto in Italia nell'ambito della mostra " Kandinskji, cavaliere errante.In viaggio verso l'astrazione ." , al Mudec di Milano (fino al 9 luglio). Un quadro al quale lo stesso artista attribuiva importanza, come risulta da una sua lettera del 1935: "Quando ho lasciato Mosca, alcuni miei dipinti, in parte di grande formato, sono rimasti in custodia nel museo di Arte Europea Occidentale. Tra essi il mio primissimo quardo astratto del 1911...Purtroppo, non ne possiedo alcuna foto. All'epoca ero scontento del dipinto e pertanto non l'ho neppure numerato e non ho scritto alcuna indicazione sul retro, come faccio sempre, e non l'ho riportato nel mio catalogo personale" . MUDEC

LUIGI MARCON E LE SUE INCISIONI : A Molfetta presso il Fashion District

Luigi Marcon è nato ai Piai di Tarzo (TV) 1938. Apprende l’arte d’incidere a Venezia, prima all’Istituto Statale d’Arte,e in seguito presso il Centro Internazionale della Grafica. Dal 1960 partecipa a molte rassegne di grafica nazionali ed internazionali conseguendo vari riconoscimenti; allestisce numerose personali in Italia e all’estero. Da molti anni si dedica pure all’insegnamento della calcografia mediante corsi teorico-pratici in varie città del Veneto. Opera ed espone in permanenza a Vittorio Veneto, Saletta della Grafica e laboratorio d'incisione in Via Manin, 39. Sono spesso ospiti della galleria noti artisti incisori atti a proporre tecniche ed espressioni diverse.Nella sua principale attività di incisore, oltre che pittore, ha realizzato con le tecniche calcografiche oltre 3000 matrici. Ne esegue personalmente la stampa con torchio a stella, normalmente in venti esemplari e ne biffa la matrice a tiratura ultimata. Fino all'8 maggio 2009 l'artista Luigi Marcon