Passa ai contenuti principali

Emilio Isgrò: i 35 libri dei Promessi Sposi "cancellati"

Emilio Isgrò: i 35 libri dei Promessi Sposi "cancellati" nel suggestivo Castello Gamba di Châtillon sede del Museo d'Arte Moderna e Contemporanea della Valle d'Aosta. 

Un'occasione straordinaria per conoscere da vicino il "maestro delle cancellature", tra i più importanti artisti concettuali italiani, e indagare le sue modalità espressive, risalendo all'origine dell'intuizione che lo rese celebre in tutto il mondo. L'incontro sarà seguito da una visita guidata con il curatore della mostra, Davide Dall'Ombra, direttore di Casa Testori.

Frutto della nuova collaborazione tra il Castello Gamba e Casa Testori, la mostra mette in relazione due delle opere più significative dell'artista Quel che è scritto (1991) - parte della collezione permanente del Gamba - e quella più monumentale I Promessi Sposi cancellati per venticinque lettori e dieci appestati (2016) , 35 libri dedicati dall'artista alle pagine più celebri de I Promessi Sposi di Alessandro Manzoni aperti su pagine emblematiche. La mostra racconta la poeticità e la profondità del processo creativo delle due opere, attraverso un percorso di avvicinamento e comprensione capace di coinvolgere il pubblico e, in particolare, le scuole, per meglio conoscere e apprezzarne il profondo significato.


IL CASTELLO GAMBA E IL MUSEO
Arroccato su un promontorio roccioso, questo palazzo aristocratico realizzato agli inizi del Novecento ospita oggi le collezioni regionali di Arte moderna e contemporanea: dalla pittura romantica di J. M. William Turner e di prestigiosi artisti dell'Otto e del Novecento, da Ashton a Delleani, Maggi, Calderini, Bazzaro, Lupo, ai grandi maestri italiani del Novecento, rappresentati da pittori come Casorati, De Pisis, Carrà e Guttuso, e da celebri scultori quali Martini, Manzù, Mastroianni, Fontana, Pomodoro e Paladino. Numerose le testimonianze di artisti di scuola torinese, da Levi, Marchesini, Malvano e Spazzapan, a figure più recenti come Tabusso, Soffiantino, Calandri, Carol Rama, Nespolo, Ramella e molti altri.
La produzione pittorica italiana degli ultimi decenni del XX secolo è documentata nelle derivazioni dall'Astrattismo, dall'Informale, dalla Pop art, dal Surrealismo e nelle presenze della Transavanguardia. Ampio e differenziato è il panorama degli artisti locali, a partire da Italo Mus fino alla recente generazione impegnata nelle ricerche di avanguardia. Dall'altana panoramica posta nel sottotetto della torre si offre al visitatore una vista panoramica straordinaria sul fondovalle circostante.
Il Castello Gamba è incastonato in uno splendido parco di 50.400 metri quadrati, con circa 17.000 metri quadrati di prati e 33.000 tra boschi, rocce e vialetti. La maggior parte degli alberi risale alla data di realizzazione del castello, ma alcuni hanno origine più antica. Sono infatti custoditi al suo interno una sequoia gigante originaria della California risalente al 1888, una Gleditsia Triacanthos - o Spino di Giuda -, una leguminosa di 120 anni, e un cipresso calvo, di 121 anni, originario dei terreni paludosi della Florida.


INFORMAZIONI
Apertura mostra: fino al 16 giugno 2019 
Ingresso: mostra e museo 5/2 euro 
Orari e giorni di apertura: tutti i giorni dalle 9.00 alle 19.00 
Info: Tel. +39 0166 563252 | www.castellogamba.vda.it 
Castello Gamba - Località Crêt-de-Breil | 11024 Châtillon | Valle d'Aosta 
Per info e visite: www.castellogamba.vda.it 
E' raggiungibile in auto (Autostrada A 5, uscita Saint-Vincent/ Châtillon); in treno (stazione di Châtillon); in pullman da Aosta, Torino, Milano

UFFICIO STAMPA
Maria Grazia Vernuccio - mariagrazia.vernuccio@mgvcommunication.it
Tel. +39 0222198663 Mob. +39 3351282864

Post popolari in questo blog

ART CITY Bologna 2019 - settima edizione

Alla sua settima edizione, ART CITY Bologna ha luogo per il secondo anno consecutivo sotto la supervisione di Lorenzo Balbi, direttore artistico di MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna, con una importante novità: la manifestazione estende la sua durata fino a divenire una vera e propria art week, con inizio il 25 gennaio e nucleo centrale nel week end dall'1 al 3 febbraio, introducendo, e in seguito affiancando, il week end di Arte Fiera.
Il format di ART CITY Bologna prevede, come nell'ultimo anno, un main program di alto profilo basato su un evento speciale e su una serie di progetti curatoriali monografici, che variano tra mostre, installazioni e performance.
Parte del programma è la sezione ART CITY Segnala, che include oltre 70 eventi selezionati dagli operatori culturali della città, tra cui istituzioni pubbliche e private, gallerie d'arte moderna e contemporanea, artist run space e spazi no-profit. Accanto ad essa, la sezione ART CITY Cinema esplora i rapporti …

De Chirico e Savinio. Una mitologia moderna

Dal 16 marzo al 30 giugno 2019 la Fondazione Magnani-Rocca ospita una grande mostra dedicata a Giorgio de Chirico e Alberto Savinio, i «dioscuri» dell'arte del XX secolo. 
I due fratelli hanno ripensato il mito, l’antico, la tradizione classica attraverso la modernità dell’avanguardia e della citazione, traslandoli e reinterpretandoli per tentare di rispondere ai grandi enigmi dell’uomo contemporaneo, dando vita a quella che Breton definì una vera e propria mitologia moderna. 
La mostra - allestita alla Villa dei Capolavori, sede della Fondazione a Mamiano di Traversetolo presso Parma – presenta oltre centotrenta opere tra celebri dipinti e sorprendenti lavori grafici, in un percorso espositivo che, dalla nascita dell’avventura metafisica, si focalizza su un moderno ripensamento della mitologia e giunge alla ricchissima produzione per il teatro, documentata anche da preziosi costumi per l’opera lirica.   
I Dioscuri dell’Arte – «Sono l'uno la spiegazione dell'altro» scriveva …

Cancelli d’ombra alla Galleria 8,75 Artecontemporanea di Reggio Emilia

La Galleria 8,75 Artecontemporanea di Reggio Emilia (Corso Garibaldi, 4) presenta, dal 15 dicembre 2018 al 16 gennaio 2019, la consueta collettiva di Natale con opere pittoriche, scultoree e fotografiche di una trentina di autori contemporanei, da Julia Bornefeld e Sandra Brandeis Crawford a Luca Caccioni, Claudio Costa e Graziano Pompili.
La mostra trae il titolo – “Cancelli d’ombra” – da una poesia di Andrea Basiricò che recita: «… E i cancelli d’ombra / della sera ricamano / i giardini / dove occhi di silenzio / si spengono / sull’orlo dell’asfalto…».
In esposizione, opere di Andrea Basiricò, Julia Bornefeld, Mirko Baricchi, Anna Bennicelli, Alketa Bercaj Delishaj, Elisa Bertaglia, Sandra Brandeis Crawford, Luca Caccioni, Corrado Campisi, Claudio Costa, Giovanni Cossu, Omar Galliani, Federica Giulianini, Ludmila Kazinkina, Nicoletta Moncalieri, Maria Morelli, Silvia Pavarini, Simone Pellegrini, Graziano Pompili, Turi Rapisarda, Enzo Silvi, Sebastiano Simonini, Orfeo Tamburi, Giuseppe…