Passa ai contenuti principali

Underground di Salvatore Sferrazza

Quali storie possono esserci dietro al volto di un homeless o di una persona in attesa sulla banchina della metropolitana? Sono i racconti silenziosi, lontani dalle luci della ribalta, quelli a cui dà voce l’artista Salvatore Sferrazza nella sua personale dal titolo “Underground” curata da Maurizio Vanni e in mostra dall’8 ottobre al 3 novembre 2019 nel  Lu.C.C.A Lounge & Underground  (ingresso libero). Narrazioni di vite immaginate che saranno presentate al pubblico sabato 19 ottobre 2019 alle ore 18 durante l’incontro con l’artista di origini siciliane.

Vedere le opere di Salvatore Sferrazza – spiega il curatore Maurizio Vanni – è come cercare di capire da dove arrivano i suoi personaggi, quale potrebbe essere la loro storia, che ruolo ha giocato il destino nelle loro vite e se partecipano da protagonisti la loro esistenza. Sotto o sopra il mondo non fa differenza, la sensazione è che ogni luogo possa essere considerato underground, non ufficiale, non blasonato, non conosciuto, clandestino e per questo consunto, lontano dalla luce del sole, logorato e scolorito. Non rimane quasi nulla, eccetto le coscienti illusioni”.

Il mondo metropolitano dipinto da Sferrazza non chiude però i suoi personaggi in contesti claustrofobici, ma offre sempre un’opportunità: un incontro casuale, una via di fuga, una luce seppur offuscata dalla nebbia o dai colori della notte. “Le forme delle sue figure – sottolinea Vanni – sono solo accennate, liquide, ma riconoscibili. Gli spazi creano ambientazioni “pastose” laddove la relazione tra luci e ombre struttura l’intera composizione. Tutto sembra muoversi sopra piattaforme meccaniche invisibili che non ammettono improvvisazioni o mutamenti di programma, ma in realtà accanto al disagio e all’abbandono, c’è ancora una flebile luce di speranza”. 

Pennellate morbide, colori opachi intervallati da improvvisi chiarori creano scene urbane o sotterranee piene di suggestione che lasciano correre la nostra immaginazione sul destino dei personaggi ritratti. Un uomo solo a testa bassa, con la sua bottiglia e con l’ombrello, si allontana dalla città. Qualcun altro si muove in mezzo alla pioggia cercando di coprirsi con un improbabile ombrello. Ognuno portando con sé la propria solitudine. “Tutti noi – conclude Vanni – fuggiamo da qualcosa o da qualcuno: il vero scossone esistenziale sarebbe quello di trasformare la fuga in una rincorsa. Perché solo coloro che continuano a credere ai propri sogni possono riportare il sole anche in una galleria della metropolitana”.


Note biografiche Salvatore Sferrazza
Nato a Caltanissetta, Salvatore Sferrazza vive e lavora a Pisa. Dopo la maturità scientifica conseguita nel liceo della sua città di origine, la sua formazione oscilla fra l’aspirazione agli studi musicali – in cui sarà autodidatta – e il desiderio di conoscenza di nuovi ambienti e nuove discipline.
A Firenze, dove soggiorna per alcuni anni, è investito da un’aria totalmente diversa dalla cultura della sua Sicilia: l’arte si respira e si vive non solo nei musei, ma nelle strade, nelle case e, soprattutto, si accede facilmente alle nuove sperimentazioni. Nella città medicea si diploma all’Accademia di Grafica “Leonetto Cappiello” ed intraprende la professione di grafico.
A partire dalla fine degli anni ’90 si dedica esclusivamente al disegno e alla pittura. Inizia ad esporre con sistematicità in diverse città italiane e all’estero (Gent, Budapest, Boston, New York, Chicago, Londra, Parigi, Madrid). 
I lavori ad olio degli ultimi anni sono caratterizzati anche da un ciclo di figure umane intense e  molto forti, designate come  “marginali” o homeless. 



“SALVATORE SFERRAZZA. UNDERGROUND”
a cura di Maurizio Vanni 
Lu.C.C.A. Lounge&Underground 
Dall’8 ottobre al 3 novembre 2019
orario mostra: da martedì a domenica 10-19, chiuso lunedì
Ingresso libero

Presentazione della mostra alla presenza dell’artista sabato 19 ottobre 2019 ore 18


Per info:
Lu.C.C.A. – Lucca Center of Contemporary Art Via della Fratta, 36 – 55100 Lucca
tel. +39 0583 492180   www.luccamuseum.com  info@luccamuseum.com

Addetto Stampa Lu.C.C.A.
Michela Cicchinè  mobile +39 339.2006519 m.cicchine@luccamuseum.com




Post popolari in questo blog

Il Quadro con cerchio di Kandinskij

Si intitola "Quadro con cerchio", ed è il primo dipinto astratto di Vasilij Vasil'evič Kandinskij, fu realizzato nel 1911 e ritrovato solo nel 1989.
Proveniente dal museo nazionale georgiano di Tbilisi, viene per la prima volta esposto in Italia nell'ambito della mostra "Kandinskji, cavaliere errante.In viaggio verso l'astrazione." , al Mudec di Milano (fino al 9 luglio).
Un quadro al quale lo stesso artista attribuiva importanza, come risulta da una sua lettera del 1935: "Quando ho lasciato Mosca, alcuni miei dipinti, in parte di grande formato, sono rimasti in custodia nel museo di Arte Europea Occidentale. Tra essi il mio primissimo quardo astratto del 1911...Purtroppo, non ne possiedo alcuna foto. All'epoca ero scontento del dipinto e pertanto non l'ho neppure numerato e non ho scritto alcuna indicazione sul retro, come faccio sempre, e non l'ho riportato nel mio catalogo personale".

MUDEC



Antropocene – L’epoca umana

Una meditazione cinematografica sulla massiccia ricostruzione del pianeta da parte dell'umanità, 'Antropocene – L’epoca umana' è un film documentario che avuto una lavorazione di quattro anni ad opera del pluripremiato team composto da Jennifer Baichwal, Nicholas de Pencier e Edward Burtynsky.




Terzo in una trilogia che include Manufactured Landscapes (2006) e Watermark (2013), il film segue la ricerca di un gruppo internazionale di scienziati, il gruppo di lavoro Anthropocene che, dopo quasi 10 anni di ricerca, sostiene la teoria secondo cui l'epoca dell’Olocene ha lasciato il posto all'epoca dell’Antropocene a metà del XX secolo in seguito a profondi e duraturi cambiamenti.
Dalle pareti di cemento in Cina che ora coprono il 60% della costa continentale, alle più grandi macchine terrestri mai costruite in Germania, alle psichedeliche miniere di potassio negli Urali russi, alle fiere di metallo nella città di Norilsk, alla devastante Grande Barriera Corallina in Austr…

Ti sento! Non essere sordo alle emozioni

La mostra collettiva " Ti sento! Non essere sordo alle emozioni" - da quest'oggi a mercoledì 19 presso la Tevere Art Gallery, in via Santa Passera 25 , Roma - è un progetto poli-artistico bi-culturale, curato da Francesca Masiero, che intende mettere a confronto il mondo dei sordi e quello degli udenti, scoprendo l’enorme potenziale comunicativo della LIS, la Lingua dei Segni Italiana, fatta di espressioni emotive e concrete gestualità.
Gli artisti, sordi e udenti, coinvolti nella mostra sono Alessandro Arrigo, Re Barbus, The Silent Beat, Marco Capellacci, Marco Verni, Cristina Eidel, Konstantinos Papaioannou e Gina Scanzani.
Attraverso la sperimentazione di grafiche, collage, illustrazioni e fotografie, racconteranno il silenzio e la mancanza di suono, mettendo in discussione certezze acquisite e aiuteranno a comprendere meglio il valore e il significato più profondo della parola e della comunicazione con l’altro. Scoprire il mondo di chi non sente aiuta a riflettere criti…