Passa ai contenuti principali

Asta di Design, Modern&Decorative Arts alla Viscontea di Milano.

Si svolgerà giovedì 28 novembre 2019 l’ Asta di Design, Modern&Decorative Arts alla Viscontea di Milano.

Dopo le ottime performance nelle maggiori aste internazionali, i grandi nomi del design italiano "fanno rientro a casa" in un’asta di oltre 300 lotti con nomi del calibro di Gio Ponti, Carlo Bugatti, Franco Albini, Osvaldo Borsani e Arnaldo Pomodoro solo per citare i principali.

Un’occasione per ritrovare nella capitale del design i grandi protagonisti che hanno portato il design storico made in Italy nell’Olimpo dell’arte e del collezionismo mondiale come confermano i risultati ottenuti da Sotheby’s, Christie’s e Phillips.

La critica internazionale ha premiato, a più riprese, i maestri italiani del Novecento, tanto che oggi è in atto una profonda e complessa riscoperta di quel periodo storico. In fondo bastano questi nomi per comprendere la portata di un’asta che si prefigura come un appuntamento unico.
Unico proprio come alcuni dei pezzi che saranno battuti.

A partire da una rarità assoluta come il mobile libreria disegnato da Gio Ponti e prodotto da Eugenio Quarti nel 1931 per conservare l’Opera Omnia del Vate, Gabriele D’Annunzio.

Un pezzo in radica pregiata con inserti in ottone e decori alla pompeiana certificata dall’Archivio Gio Ponti, che unisce eleganza, stile e una suggestione particolare, che si avverte fin dal primo sguardo.

La produzione letteraria dello scrittore e poeta simbolo del decadentismo (che comprende svariati capolavori come “Canto Novo”, “Il Piacere” e “La figlia di Iorio”) fu particolarmente florida, ristampata e racchiusa in oltre quaranta volumi, prima dalla Fondazione del Vittoriale degli Italiani subito dopo la sua scomparsa e poi negli anni ‘50.

La stima di questa eccezionale rarità è di 100-150 mila euro.

E non si tratta dell’unico pezzo che certamente attirerà l’attenzione, perché fra i lotti all’asta per la sezione design ci sarà anche una splendida libreria disegnata da Osvaldo Borsani, con smalti e decori in bronzo di Arnaldo Pomodoro.

Da segnalare una collezione di tavoli, sgabelli, sedie, mensole e molti altri pezzi di Carlo Bugatti del 1902 in ottime condizioni e il prototipo del tavolo disegnato da Gae Aulenti e realizzato da Pierluigi Ghianda per la residenza di St. Moritz della famiglia Agnelli.

Se il 28 novembre sarà interamente dedicato al design e all’arte decorativa (lotti 1-327), il giorno successivo andrà in scena una selezione di arte moderna e contemporanea con i lotti dal 330 al 419. Un appuntamento imperdibile per appassionati e addetti ai lavori, che potranno partecipare all’asta dal vivo, nella sede della Casa d’Aste Viscontea in via Guido Cavalcanti 8 a Milano dalle ore 16:00, telefonicamente, con offerta scritta e online. L’esposizione è in programma da sabato 23 a martedì 26 novembre (orario continuato 10:00-18:00) e mercoledì 27 (dalle 10:00 alle 13:00), mentre il catalogo è già consultabile online.


Come partecipare all’Asta:
Dal vivo – Viscontea Casa d’Aste – Milano, via Guido Cavalcanti, 8 (MM1: fermata Pasteur; MM2 e MM3: fermata Centrale; Tram 1 fermata p.zza Morbegno o fermata via Venini – via Sauli, autobus 87 e 174: fermata Aporti – Parravicini e Aporti – Varanini)
Con offerta scritta e telefonica:https://www.visconteacasadaste.com/scheda-di-partecipazione.
Online:invaluable.comwww.liveauctioneers.com  www.the-saleroom.com

Per maggiori informazioni:
VISCONTEA CASA D’ASTE SRL
Via Guido Cavalcanti, 8 – 20127 Milano (MI), Italia
Tel: (+39) 02 36505491 | (+39) 02 36505871
Fax: (+39) 02 2047544
Email: info@visconteacasadaste.com
Sito: www.visconteacasadaste.com




Post popolari in questo blog

La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini

La scoperta del carteggio inedito tra Telemaco Signorini, il padre Giovanni e il fratello minore Paolo, ha condotto Elisabetta Matteucci e Silvio Balloni a ideare questa raffinata esposizione che vanta due protagonisti, i Signorini da un lato e la loro Firenze dall’altro. 


Il tratto di marcata “fiorentinità” che caratterizza la mostra, unito all’indubbio spessore storico-critico, è tra le ragioni che hanno spinto la famiglia Antinori a realizzare il progetto con l’Istituto Matteucci.
La mostra quindi non poteva trovare sede più appropriata di Palazzo Antinori, edificio storico nel cuore di Firenze, casa di una Famiglia che ha contribuito a fare la Storia della città oltre che della viticoltura di massimo pregio. Per la prima volta, in occasione di “La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini”, il pubblico potrà ammirare i Saloni storici del Piano Nobile di Palazzo Antinori, opportunità che da sola merita un viaggio a Firenze. Saranno essi ad accogliere le opere in mostra, capolavori noti…

Antropocene – L’epoca umana

Una meditazione cinematografica sulla massiccia ricostruzione del pianeta da parte dell'umanità, 'Antropocene – L’epoca umana' è un film documentario che avuto una lavorazione di quattro anni ad opera del pluripremiato team composto da Jennifer Baichwal, Nicholas de Pencier e Edward Burtynsky.




Terzo in una trilogia che include Manufactured Landscapes (2006) e Watermark (2013), il film segue la ricerca di un gruppo internazionale di scienziati, il gruppo di lavoro Anthropocene che, dopo quasi 10 anni di ricerca, sostiene la teoria secondo cui l'epoca dell’Olocene ha lasciato il posto all'epoca dell’Antropocene a metà del XX secolo in seguito a profondi e duraturi cambiamenti.
Dalle pareti di cemento in Cina che ora coprono il 60% della costa continentale, alle più grandi macchine terrestri mai costruite in Germania, alle psichedeliche miniere di potassio negli Urali russi, alle fiere di metallo nella città di Norilsk, alla devastante Grande Barriera Corallina in Austr…

ART CITY Bologna 2019 - settima edizione

Alla sua settima edizione, ART CITY Bologna ha luogo per il secondo anno consecutivo sotto la supervisione di Lorenzo Balbi, direttore artistico di MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna, con una importante novità: la manifestazione estende la sua durata fino a divenire una vera e propria art week, con inizio il 25 gennaio e nucleo centrale nel week end dall'1 al 3 febbraio, introducendo, e in seguito affiancando, il week end di Arte Fiera.
Il format di ART CITY Bologna prevede, come nell'ultimo anno, un main program di alto profilo basato su un evento speciale e su una serie di progetti curatoriali monografici, che variano tra mostre, installazioni e performance.
Parte del programma è la sezione ART CITY Segnala, che include oltre 70 eventi selezionati dagli operatori culturali della città, tra cui istituzioni pubbliche e private, gallerie d'arte moderna e contemporanea, artist run space e spazi no-profit. Accanto ad essa, la sezione ART CITY Cinema esplora i rapporti …