Passa ai contenuti principali

Ponte Casa d'Aste e fotografia

Il 12 dicembre nelle sale di Palazzo Crivelli 'Il Ponte Casa d'Aste' terrà un' asta di Fotografia, con un catalogo ricco di autori italiani e internazionali dal XIX secolo ai giorni nostri.

Polignano a Mare vista da Ghirri
Tra gli esemplari dell'Ottocento un nucleo di cinque dagherrotipi stereoscopici francesi (dal lotto 308 al lotto 312) di soggetto erotico databili 1850.

Di inizio Novecento diversi scatti (dal lotto 314 al lotto 320) del "Teatro degli Indipendenti" fondato da Anton Giulio Bragaglia nel 1922, testimonianza delle sperimentazioni degli allestimenti e della danza futuristi.

Immancabili i grandi nomi italiani quali Gabriele Basilico, Luigi Ghirri con l'opera di grandi dimensioni Polignano a mare del 1986 (lotto 373| stima € 4.500-6.500, cm 50,5 x 61,5), Franco Fontana, Mimmo Jodice. Di Mario Giacomelli è in catalogo un lavoro concettuale con diversi scatti dell'India e dell'Africa da lui commissionati e rielaborati. Fulvio Roiter è presente con Umbria, 1954 (lotto 350|stima € 1.500-2.500), copertina del libro di fotografie "San Francesco. Cantico delle creature" grazie al quale l'autore vinse il premio Nadar nel 1956, Paolo Monti con i Chimigrammi, pezzi unici off-camera ottenuti con reazioni chimiche, ed ancora il contemporaneo Guido Guidi con scatti a colori.

Tra gli autori stranieri Henri Cartier-Bresson con London, coronation parade of King George VI in Trafalgar Square 1938 (lotto 419 | stima € 1.200-1.800) e con un ritratto del compositore russo Stravinskij, Edouard Boubat con Jardin du Luxembourg (lotto 358 | stima € 700-1.100), Castille e Madras, India, Cindy Sherman con Bus Rider un bianco e nero del 1976 (lotto 420 | stima € 7.500-9.500) tra gli autoritratti dell'artista scattati alla fermata dell'autobus, ed infine i giapponesi Issey Suda e Masahisa Fukase (lotto 327 – stima € 1.800-2.200).


Catalogo online: https://www.ponteonline.com/it/auctions/lot-list/469



Post popolari in questo blog

La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini

La scoperta del carteggio inedito tra Telemaco Signorini, il padre Giovanni e il fratello minore Paolo, ha condotto Elisabetta Matteucci e Silvio Balloni a ideare questa raffinata esposizione che vanta due protagonisti, i Signorini da un lato e la loro Firenze dall’altro. 


Il tratto di marcata “fiorentinità” che caratterizza la mostra, unito all’indubbio spessore storico-critico, è tra le ragioni che hanno spinto la famiglia Antinori a realizzare il progetto con l’Istituto Matteucci.
La mostra quindi non poteva trovare sede più appropriata di Palazzo Antinori, edificio storico nel cuore di Firenze, casa di una Famiglia che ha contribuito a fare la Storia della città oltre che della viticoltura di massimo pregio. Per la prima volta, in occasione di “La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini”, il pubblico potrà ammirare i Saloni storici del Piano Nobile di Palazzo Antinori, opportunità che da sola merita un viaggio a Firenze. Saranno essi ad accogliere le opere in mostra, capolavori noti…

Antropocene – L’epoca umana

Una meditazione cinematografica sulla massiccia ricostruzione del pianeta da parte dell'umanità, 'Antropocene – L’epoca umana' è un film documentario che avuto una lavorazione di quattro anni ad opera del pluripremiato team composto da Jennifer Baichwal, Nicholas de Pencier e Edward Burtynsky.




Terzo in una trilogia che include Manufactured Landscapes (2006) e Watermark (2013), il film segue la ricerca di un gruppo internazionale di scienziati, il gruppo di lavoro Anthropocene che, dopo quasi 10 anni di ricerca, sostiene la teoria secondo cui l'epoca dell’Olocene ha lasciato il posto all'epoca dell’Antropocene a metà del XX secolo in seguito a profondi e duraturi cambiamenti.
Dalle pareti di cemento in Cina che ora coprono il 60% della costa continentale, alle più grandi macchine terrestri mai costruite in Germania, alle psichedeliche miniere di potassio negli Urali russi, alle fiere di metallo nella città di Norilsk, alla devastante Grande Barriera Corallina in Austr…

Dardano, il cavaliere dal mantello svolazzante

Domenica 17 marzo, dalle ore 10:30, presso il Museo della Città e del Territorio di Cori (LT), si volgerà l’ultimo appuntamento del ciclo di letture animate e laboratori per le famiglie “Che Mito! Storie e leggende dalla collezione museale e dal territorio”. Il progetto è ideato e realizzato dall’associazione culturale Arcadia nell’ambito dei Servizi Educativi del Museo, con la collaborazione della “Libreria Anacleto” di Cisterna di Latina ed “Utopia 2000” Società Cooperativa Sociale Onlus, patrocinato dal Comune di Cori.
Protagonisti dell’incontro saranno i fondatori mitici dell’antica Cora (tra i quali Dardano) e le copie delle monete coniate nel III secolo a.C. raffiguranti al rovescio un cavaliere all’assalto con lancia, corta spada, mantello e petaso, in cui è presente la scritta “CORANO”. Probabilmente la figura simboleggia il fondatore mitico della città.
Nella sezione relativa ai miti di fondazione si ascolteranno i tre filoni leggendari sulla nascita di Cori: Plinio e Solino, r…