Passa ai contenuti principali

Ti sento! Non essere sordo alle emozioni

La mostra collettiva " Ti sento! Non essere sordo alle emozioni" - da quest'oggi a mercoledì 19 presso la Tevere Art Gallery, in via Santa Passera 25 , Roma - è un progetto poli-artistico bi-culturale, curato da Francesca Masiero, che intende mettere a confronto il mondo dei sordi e quello degli udenti, scoprendo l’enorme potenziale comunicativo della LIS, la Lingua dei Segni Italiana, fatta di espressioni emotive e concrete gestualità.

Gli artisti, sordi e udenti, coinvolti nella mostra sono Alessandro Arrigo, Re Barbus, The Silent Beat, Marco Capellacci, Marco Verni, Cristina Eidel, Konstantinos Papaioannou e Gina Scanzani.

Attraverso la sperimentazione di grafiche, collage, illustrazioni e fotografie, racconteranno il silenzio e la mancanza di suono, mettendo in discussione certezze acquisite e aiuteranno a comprendere meglio il valore e il significato più profondo della parola e della comunicazione con l’altro.
Scoprire il mondo di chi non sente aiuta a riflettere criticamente su come, cosa e soprattutto quanto sentiamo. Allo stesso modo comunicare implica la capacità di ascoltare il proprio interlocutore a livello uditivo e soprattutto emotivo.

L’evento sarà patrocinato da Movimento LIS SUBITO, ISSR – Istituto Statale Sordi Di Roma, Gruppo Silis, Cooperativa Le Farfalle, Crei – Interpreti Lis, Atelier del Granaio, Anabasi.



The Silent Beat è la prima compagnia di danza costituita solo da ballerini sordi. Attraverso il Metodo LISDA, ideato da Ambra Bianchini, la musica da uditiva diventa visiva con l’obiettivo di far conoscere la sordità e la LIS attraverso l’arte della danza.

Marco Capellacci, illustratore e animatore sordo, ha realizzato diversi corti d’animazione come Le Fobie del Guard Rail e L’animation Indépendante italienne a cura di Andrea Martignoni e Paola Bristot. Il suo ultimo libro Metterò la zizzania nelle vostre case è edito da Wcomix Juliet.

Marco Verni è nato sordo in una famiglia di udenti. È grafico, designer, illustratore e fotografo. Si pone l’obiettivo artistico di raccontare attraverso la fotografia il suo mondo, silente, ma ricco di immagini.

Alessandro Arrigo è grafico, illustratore e fotografo. Ha realizzato nel 2014 per l’Atelier del Granaio con Cristina Eidel delle stanze d’autore per alberghi e b&b d’arte, ideando lampade e oggetti d’arredo con i suoi disegni. Ha partecipato a numerose mostre personali e collettive in Italia e all’estero di cui ricordiamo La trasparenza del fantasma a cura di Oriana Picciolini, evento inserito nel calendario del Mese della Fotografia di Roma e la collettiva fotografica Il Mostro, a cura di Luciano Corvaglia presso la Tevere Art Gallery di Roma.

Cristina Eidel, fotografa, grafica e giornalista, ha scritto come corrispondente da Roma per varie testate giornalistiche tedesche. Nel 2015 fonda insieme ad Alessandro Arrigo e Kostantinos Papaioannou l’Atelier del Granaio e collabora al progetto Art Hotel. Cura e partecipa a numerose mostre fotografiche personali e collettive di cui ricordiamo Qi, disegnare la luce, La Quintessenza. Dialogo tra Luce e Colore a cura di Oriana Picciolini, Il giardino segreto a cura di Francesca Masiero.

Kostantinos Papaioannou, fotografo, giornalista e corrispondente per varie testate giornalistiche greche da Roma. Si occupa di fotografia in bianco e nero e procedimento di stampa e fotografia editoriale. È uno dei fondatori dell’Atelier del Granaio insieme a Cristina Eidel e Alessandro Arrigo. Partecipa a numerose mostre personali e collettive di cui ricordiamo Le Ragioni dello Sguardo e il Fotografo Fotografato, Il Sogno come luogo di costruzione del Sé, Anagrammi a cura di Oriana Picciolini.

Re Barbus, pseudonimo di Vissia Giustarini, si definisce come “il collage di sé stessa”, un’unione di strappi, ritagli, accostamenti, strati, parti mancanti e parti sproporzionate. La trasformazione, la capacità di adattamento e la rielaborazione sono l’aspetto chiave della sua ricerca che la porta a elaborare la tecnica del collage fotografico.

Gina Scanzani, scrittrice e blogger, pubblica il suo primo libro nel 2013: Eccomi ci sono ancora, un diario che narra la battaglia di una paziente affetta da sclerosi tuberosa alle prese del suo terzo tumore. Tra il 2014 e il 2015 pubblica Il volo delle parole e Riflessi dell’anima ed Evoluzioni; l’anno successivo La soffitta dei ricordi. Del 2018 è Mimì nella grotta oscura.

Francesca Masiero, storica dell’arte, curatrice e fotografa. Ama profondamente ciò che fa e crede nel suo valore sociale. I valori della collaborazione e della condivisione sono il mezzo e il fine di ogni suo progetto: con un linguaggio artistico vicino a tutti vorrebbe creare uno spazio di dialogo e confronto in cui ognuno possa sentirsi più arricchito. Cura mostre personali e collettive, di cui ricordiamo One Night Show – Ventresca Fresca, Il giardino segreto di Cristina Eidel per Open House 2019.

Post popolari in questo blog

Il Quadro con cerchio di Kandinskij

Si intitola " Quadro con cerchio ", ed è il primo dipinto astratto di Vasilij Vasil'evič Kandinskij , fu realizzato nel 1911 e ritrovato solo nel 1989. Proveniente dal museo nazionale georgiano di Tbilisi, viene per la prima volta esposto in Italia nell'ambito della mostra " Kandinskji, cavaliere errante.In viaggio verso l'astrazione ." , al Mudec di Milano (fino al 9 luglio). Un quadro al quale lo stesso artista attribuiva importanza, come risulta da una sua lettera del 1935: "Quando ho lasciato Mosca, alcuni miei dipinti, in parte di grande formato, sono rimasti in custodia nel museo di Arte Europea Occidentale. Tra essi il mio primissimo quardo astratto del 1911...Purtroppo, non ne possiedo alcuna foto. All'epoca ero scontento del dipinto e pertanto non l'ho neppure numerato e non ho scritto alcuna indicazione sul retro, come faccio sempre, e non l'ho riportato nel mio catalogo personale" . MUDEC

Il realismo magico di Mario Giacomelli e Le realtà del Sogno.

Il 2020 ha segnato il ventennale della scomparsa di Mario Giacomelli e il Comune di Senigallia, Città della Fotografia , continua a rendere omaggio anche nel 2021 a uno dei maestri internazionali della fotografia del Novecento, dedicando un’ala del Palazzo del Duca ad un’esposizione permanente delle sue opere donate negli anni ‘90 dall’artista stesso al Comune. In una porzione riqualificata di Palazzo del Duca, che ospita da anni la programmazione espositiva della città di Senigallia, saranno fruibili circa 80 fotografie selezionate e allestite in collaborazione con gli archivi Giacomelli rappresentati dai due direttori Simone Giacomelli e Katiuscia Biondi . Non una mostra temporanea quindi, ma un riallestimento della collezione permanente che vuole raccontare l’universo poetico ed artistico del grande fotografo senigalliese e renderlo fruibile in maniera permanente a cittadinanza e visitatori. Inoltre si vuole fornire una lettura innovativa dell’opera del maestro che viene proposta

La nuova scultura di Carlo Bacci a Tellaro

A Tellaro , uno dei borghi più belli d’Italia che si trova in Liguria nel Golfo dei Poeti, è stata ripristinata la discesa a mare da via Pelosini verso il “GRO”. Il GRO è il nome del grande scoglio che si trova proprio davanti a Tellaro, una discesa a mare molto suggestiva. Nella riqualificazione di questa discesa a mare è stata inserita la nuova scultura dell’artista locale Carlo Bacci che verrà inaugurata ufficialmente sabato 24 Aprile 2021. L’opera ne celebra il nome e riprende la spirale del tentacolo del polpo, simbolo grafico di Tellaro. GRO di Carlo Bacci Queste le parole dell’artista Carlo Bacci: " Felice ed onorato di essere stato chiamato in causa per il nostro GRO.  Il GRO è uno scoglio che è stato palestra di vita e di nuoto per chi come me è nato e cresciuto a Tellaro.  Non ho avuto nessun dubbio su come realizzare questo intervento, solo nome e cognome di questo luogo, che ci portiamo dentro: GRO un suono che ne racchiude la sua l'immagine compatta.  Il suo colo