Passa ai contenuti principali

de_LIMITA: abitare in quarantena

Tra arte ed architettura, la galleria Amy-d Arte Spazio di Milano (via Lovanio 6) presenta, dal 15 ottobre al 04 novembre 2020, il progetto economART “de_LIMITA: abitare in quarantena”, a cura di Marco De Santi, presente in duplice veste di artista e professore presso la Scuola di design_Politecnico di Milano. 


Nato dalla collaborazione tra la galleria di ricerca milanese e il laboratorio di “Fondamenti del Progetto” dei professori Marco De Santi, Giovanna Piccinno, Gabriella Zuco, e la supervisione di Stefano Gigliotti e Alice Zingales, accomunati da tematiche legate al momento emergenziale e alla sostenibilità ambientale legate all’habitat, riporta i risultati dell’esperienza didattica svolta totalmente on-line, durante i mesi di lockdown italiano. Gli studenti, alla loro prima esperienza progettuale, hanno collaborato tra di loro da remoto, divisi in gruppi virtuali e senza mai incontrarsi fisicamente, elaborando disegni, modelli e video. 

La parola chiave è multifunzionalità nel nome dell’impermanenza. I modelli in scala 1:10 esposti raccontano nuovi possibili habitat, totalmente chiusi in se stessi. Il vincolo di evitare contatti con l’esterno ha spostato l’attenzione unicamente all’interno di queste piccole abitazioni, negando il loro involucro. Sono dei perimetri invalicabili, a protezione di nuovi mondi complessi, autosufficienti, vitali. Il percorso della mostra comprenderà una selezione di opere inedite di Marco De Santi, installazioni specchianti di narrazioni immaginifiche di nuovi scenari. Infine, come un perimetro protettivo, la gamma di tessuti “Delimita” di Arrigoni S.p.a. farà da barriera e scenografia alla mostra, consentendo di mantenere la giusta distanza sociale, riducendo la possibilità di contagio e garantendo il passaggio d’aria.

A conclusione, la proiezione del film, con introduzione di Marco De Santi, realizzato con la partecipazione dei gruppi di lavoro.

«La collaborazione con Arrigoni S.p.a. – spiega Anna d’Ambrosio – mi ha dato la possibilità di confrontarmi con nuovi materiali, come ad esempio il tessuto “Delimita” nelle sue diverse texture ed utilizzo. In questo caso, ho realizzato due tipi di intervento: da un lato i modelli abitativi si sono trasformati da habitat in sculture, dall’altro scampoli di tessuto (2886BL Delimita strong e 2593 Delimita extra) sono diventati coreografia non decorativa, seguendo un percorso circolare in cui l’architettura e la ricerca tecnologica si convertono in arte e l’arte si avvicina alla ricerca tecnologica in maniera sostenibile».

La circolarità di questa evoluzione riflette sia il processo produttivo, sia quello creativo: la proposta di nuovi materiali, provenienti da applicazioni nell’agro tessile e nella tutela della salute pubblica, si affianca alla sperimentazione creativa per cui Amy-d Arte Spazio è conosciuta, dopo essersi ispirata alle -atrapanieblas- dona nuovi spunti di ricerca, coerenza e sensibilità.

Un circolo infinito che introduce un nuovo modo di pensare che sono il riflesso di una profonda coscienza ambientale e sociale, un’attenzione a ogni singolo momento del processo creativo e al sostegno della comunità.


La mostra, che sarà inaugurata giovedì 15 ottobre dalle ore 10.00 alle 21.00, sarà visitabile dal lunedì al venerdì ore 10.00-13.00 e 16.00-20.00. Chiuso sabato e domenica.

Ingresso libero ma contingentato.

È possibile fissare un appuntamento per garantirsi una visita esclusiva.

Per info e prenotazioni: t.+3902654872, 

www.amyd.it, info@amyd.it, instagram@amy_d_gallery

Press e Comunicazione Amy-d Arte Spazio: Vittorio Schieroni 

Post popolari in questo blog

Il Quadro con cerchio di Kandinskij

Si intitola "Quadro con cerchio", ed è il primo dipinto astratto di Vasilij Vasil'evič Kandinskij, fu realizzato nel 1911 e ritrovato solo nel 1989.
Proveniente dal museo nazionale georgiano di Tbilisi, viene per la prima volta esposto in Italia nell'ambito della mostra "Kandinskji, cavaliere errante.In viaggio verso l'astrazione." , al Mudec di Milano (fino al 9 luglio).
Un quadro al quale lo stesso artista attribuiva importanza, come risulta da una sua lettera del 1935: "Quando ho lasciato Mosca, alcuni miei dipinti, in parte di grande formato, sono rimasti in custodia nel museo di Arte Europea Occidentale. Tra essi il mio primissimo quardo astratto del 1911...Purtroppo, non ne possiedo alcuna foto. All'epoca ero scontento del dipinto e pertanto non l'ho neppure numerato e non ho scritto alcuna indicazione sul retro, come faccio sempre, e non l'ho riportato nel mio catalogo personale".

MUDEC



International Contemporary Art Prize 2019

L’Associazione Culturale Collettivo 37  e la Galleria d'Arte Moderna e Contemporanea di Torino ARTGALLERY37 che ha ospitato opere di artisti quali Marc Chagall, Emilio Vedova,Ennio Morlotti, Giorgio De Chirico, Luigi Spazzapan, ha indetto un premio di carattere internazionale, con la formula del concorso per artisti, al fine di promuovere  e valorizzare l’arte contemporanea e gli artisti in grado di rappresentarne l'essenze la molteplicità espressiva. 
Il Concorso  “International Contemporary Art Prize 2019 ” oltre a godere del Patrocinio della Camera di Commercio di Torino, della Città Metropolitana di Torino, della Regione Piemonte e della Città di Torino è anche supportato dalla collaborazione del Centro Vitaliano Brancati e del Centro d'arte Mavie di Scicli (Sicilia), del Comitato Archivio Artistico Documentario Gierut di Pietrasanta (Toscana) e del Gruppo Artistico Londinese The Artist's Pool .
Il concorso di carattere internazionale è rivolto a tutti gli artisti, p…

Art in dark alla Cristiano Art Gallery

Dal 29 febbraio al 29 marzo 2020 la  Cristiano Art Gallery  di via Leone I, a Pignataro Interamna (FR), ospita  “Art in dark” , mostra di  Giancarlo Montuschi  a cura di  Ivan Caccavale .  Sabato 29 febbraio, alle ore 18.30, l’inaugurazione ufficiale che alle 20.30 proseguirà nel salotto culturale del ristorante L'Horto dei Semplici di piazza San Salvatore, con cena su prenotazione alla presenza dell'artista.
“Art in dark”  è un progetto espositivo di   Cristiano Tomassi , diretto da   Antonio Evangelista . Responsabile dell’evento è   Luigi D’Agostino .

Giancarlo Montuschi, pittore e ceramista-scultore di vaglia, si esprime da decenni con un linguaggio ingenuo, fiabesco e sostanzialmente fantastico, caratterizzato da venature alchemico-esoteriche.
Scrive il curatore Ivan Caccavale: «Nella serie “Pulp stories” il maestro, personalità sensibile e osservatore critico degli episodi di storia e di cronaca, soprattutto americana, conduce il fruitore in un universo visivo in cui deline…