Passa ai contenuti principali

Il Taccuino di viaggio di Mauro Capitani

A distanza di tre anni dalla mostra “Viaggi di vita e di pittura”, che nel 2017 ne celebrava a Palazzo Medici Riccardi di Firenze i 50 anni di carriera, Mauro Capitani realizza “Taccuino di viaggio”, una cartella che raccoglie quattro preziose litografie originali acquerellate a mano, commissionata da Fonte Aretusa Arte, promotrice degli storici premi letterari “Casentino” di Poppi e “La Ginestra” di Firenze. 


Il titolo si rifà al carnet de voyage, strumento imprescindibile di viaggiatori, esploratori e intellettuali del passato, largamente usato anche da scrittori come Hemingway e Wilde, o pittori come Van Gogh, Matisse, Chagall e Picasso, per fissare un’emozione o raccontare le suggestioni date da un luogo attraverso parole e schizzi.

Protagonista della serie – e non poteva essere altrimenti – è il colore. I diversi soggetti interpretati trovano infatti un comune denominatore nella tavolozza fresca e inconfondibile del maestro valdarnese, uno dei più grandi “coloristi” viventi.

La cartella è inaugurata da un’immagine poetica, in cui si vede una ragazza in primo piano sull’arenile. L’omaggio al mondo femminile, così amato e indagato dal pittore nel corso di tutta la sua carriera, ha come scenario uno stuolo di gabbiani che fluttua nel cielo, a ricordare a tutti cos’è la libertà.

Venezia, con l’inconfondibile skyline di San Marco, è il tema della seconda litografia. L’opera rimanda con nostalgia ai viaggi del passato in laguna, che ogni volta lasciavano negli occhi e nel cuore dell’artista sensazioni e impressioni uniche, come solo la Serenissima può dare.

Nel terzo lavoro Capitani presenta un tema floreale. È qui che il maestro toscano può esprimere al meglio la pittoricità e la straordinaria forza della sua tavolozza, portando il cromatismo a imporsi sul disegno.

Un vassoio di frutta, ancora con il mare a fare da sfondo, chiude la cartella. È un richiamo alla Pittura colta di inizio anni Ottanta, che indicava un ritorno all’ordine e alla rilettura del mito in chiave moderna. Il capitello che affiora dalla sabbia sembra suggerire all’osservatore il comportamento dell’uomo contemporaneo, che porta a soffocare la storia e la civiltà. Tuttavia i veri valori della cultura e dell’arte, di cui Mauro Capitani è uno dei protagonisti italiani indiscussi, riemergeranno sempre. 


Breve biografia:

Mauro Capitani è nato a San Giovanni Valdarno (AR) nel 1949. Dopo gli studi in Scenografia, si laurea con una tesi in storia dell’arte all’Accademia di Belle Arti di Firenze. 

La sua prima personale risale al 1967. Nel 1974 è in Australia per la rassegna “Arte Giovane Italiana”. Nel 1978 conosce Mino Maccari, che lo incoraggia nelle prime incisioni e lo presenta nello stesso anno nel catalogo di una personale a Roma.

La grande preparazione tecnica e intellettuale permette al pittore di affrontare negli anni ampi cicli e tematiche. Vivo anche l’interesse per il sacro, espresso con tele e dipinti parietali in numerose chiese.

Mauro Capitani è cavaliere della Repubblica per meriti didattici ed è stato premiato con la medaglia d’oro del presidente della Repubblica per meriti artistici.

Nel 2004 la grande monografia “Mauro Capitani. Sulle rotte del mio tempo” (Editrice Granducale), curata da Giovanni Faccenda, è il suo primo catalogo generale.

Nel 2013 il comitato tecnico scientifico del prestigioso “Catalogo dell’Arte Moderna Italiana” (Editoriale Giorgio Mondadori) gli dedica la copertina dell’annuario n. 49.

Nel 2017 esce “Mauro Capitani. Cinquant’anni di Pittura” (Edifir). Il monumentale secondo catalogo generale, a cura di Giammarco Puntelli, riassume l’attività del maestro a mezzo secolo dalla prima mostra. 

 


Segnalato da Marco Botti

cell. 3475489038

marco.botti9@gmail.com - marco.botti@pec.giornalistitoscana.it


Post popolari in questo blog

Il Quadro con cerchio di Kandinskij

Si intitola "Quadro con cerchio", ed è il primo dipinto astratto di Vasilij Vasil'evič Kandinskij, fu realizzato nel 1911 e ritrovato solo nel 1989.
Proveniente dal museo nazionale georgiano di Tbilisi, viene per la prima volta esposto in Italia nell'ambito della mostra "Kandinskji, cavaliere errante.In viaggio verso l'astrazione." , al Mudec di Milano (fino al 9 luglio).
Un quadro al quale lo stesso artista attribuiva importanza, come risulta da una sua lettera del 1935: "Quando ho lasciato Mosca, alcuni miei dipinti, in parte di grande formato, sono rimasti in custodia nel museo di Arte Europea Occidentale. Tra essi il mio primissimo quardo astratto del 1911...Purtroppo, non ne possiedo alcuna foto. All'epoca ero scontento del dipinto e pertanto non l'ho neppure numerato e non ho scritto alcuna indicazione sul retro, come faccio sempre, e non l'ho riportato nel mio catalogo personale".

MUDEC



International Contemporary Art Prize 2019

L’Associazione Culturale Collettivo 37  e la Galleria d'Arte Moderna e Contemporanea di Torino ARTGALLERY37 che ha ospitato opere di artisti quali Marc Chagall, Emilio Vedova,Ennio Morlotti, Giorgio De Chirico, Luigi Spazzapan, ha indetto un premio di carattere internazionale, con la formula del concorso per artisti, al fine di promuovere  e valorizzare l’arte contemporanea e gli artisti in grado di rappresentarne l'essenze la molteplicità espressiva. 
Il Concorso  “International Contemporary Art Prize 2019 ” oltre a godere del Patrocinio della Camera di Commercio di Torino, della Città Metropolitana di Torino, della Regione Piemonte e della Città di Torino è anche supportato dalla collaborazione del Centro Vitaliano Brancati e del Centro d'arte Mavie di Scicli (Sicilia), del Comitato Archivio Artistico Documentario Gierut di Pietrasanta (Toscana) e del Gruppo Artistico Londinese The Artist's Pool .
Il concorso di carattere internazionale è rivolto a tutti gli artisti, p…

Art in dark alla Cristiano Art Gallery

Dal 29 febbraio al 29 marzo 2020 la  Cristiano Art Gallery  di via Leone I, a Pignataro Interamna (FR), ospita  “Art in dark” , mostra di  Giancarlo Montuschi  a cura di  Ivan Caccavale .  Sabato 29 febbraio, alle ore 18.30, l’inaugurazione ufficiale che alle 20.30 proseguirà nel salotto culturale del ristorante L'Horto dei Semplici di piazza San Salvatore, con cena su prenotazione alla presenza dell'artista.
“Art in dark”  è un progetto espositivo di   Cristiano Tomassi , diretto da   Antonio Evangelista . Responsabile dell’evento è   Luigi D’Agostino .

Giancarlo Montuschi, pittore e ceramista-scultore di vaglia, si esprime da decenni con un linguaggio ingenuo, fiabesco e sostanzialmente fantastico, caratterizzato da venature alchemico-esoteriche.
Scrive il curatore Ivan Caccavale: «Nella serie “Pulp stories” il maestro, personalità sensibile e osservatore critico degli episodi di storia e di cronaca, soprattutto americana, conduce il fruitore in un universo visivo in cui deline…