Passa ai contenuti principali

Della presenza e dell'assenza di Claudio Bettolo

Personale d'arte contemporanea di Claudio Bettolo a cura di Lorenzo Argentino (con testo critico e presentazione di Sonia Patrizia Catena) presso lo 'Spazio 2' dell'Associazione Circuiti Dinamici in Via Giovanola 19/C ad Abbiategrasso dal 20 febbraio al 7 marzo 2012. Vernissage Lunedì 20 febbraio 2012 alle ore 18.30

"Lo sguardo è sordo come un’ ossessione che implode nel silenzio. Il colore attutito, privo di ogni splendore cattura, deforma, scioglie e confonde. Lo spazio stringe in una morsa la possibilità nel momento in cui ne smaschera la chiusura: ogni sviluppo nell’istante in cui è abbozzato è già impossibile, compresso, strozzato. La pupilla assente o appannata, la voce inghiottita, la quasi totale assenza di gesto: l’identità in bilico sul mondo risucchiata in una stanza dove l’unica finestra è questa, su cui l’artista ossessivamente ritorna, per misurare lo scacco di ogni relazione con ciò che sta fuori. E ogni scelta, ogni intenzione rimbalza al via di un gioco che in un ricorso infinito precipita sempre sul suo grado zero. È quel punto in cui l’identità – non ancora contaminata dalla vita – cerca definizione, riscontro, riconoscimento nell’altro. Ma ogni tentativo di aprire un varco è frustrato da un’ impossibilità insuperabile. Il desiderio costretto sui binari di un infinito cattivo che inquieta come l’abissoinscenato da un gioco di specchi. L’immagine si ripete, polverizzato il senso e dissociata l’anima dai suoi simulacri. Ci sono, ma non sono presente. Esisto, ma non vivo. Guardo senza vedere, tento di parlare, ma sono solo suoni inarticolati, cerco senza risposte per tornare ai dubbi, alle incognite inevase, ai misteri che mi assorbono. Il corpo è il primo mistero, il veicolo del ritorno al grado zero dell’identità in cerca di definizione e anche la possibilità di entrare in relazione con l’altro, il mondo, ciò che sta fuori e colui che mi incontra. Eppure questa possibilità viene colta da Bettolo nel momento in cui viene negata, risucchiata dal nulla: la finestra ha l’opacità di una prigione, l’ambiente circostante è uno spazio elastico che comprime e deforma la figura e la schiaccia. In questo azzeramento le forme umane diventano quasi animali: scimmia, cane, lupo – attonito, frastornato, inquieto. La natura ferina che esce dal sommerso allontana ogni spiraglio di comprensione. È allora la violenza brutale la via suggerita per rompere la gabbia di cristallo che ottunde i nostri slanci? Neppure. L’esplosione è scongiurata dal silenzio, dalla stanchezza, dal rifiuto che tutto caccia nell’abisso della mancanza di eventi. Forse nemmeno vale la pena. Forse siamo condannati a un desiderio mai appagato." - Testo a cura di Sonia Patrizia Catena

Post popolari in questo blog

La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini

La scoperta del carteggio inedito tra Telemaco Signorini, il padre Giovanni e il fratello minore Paolo, ha condotto Elisabetta Matteucci e Silvio Balloni a ideare questa raffinata esposizione che vanta due protagonisti, i Signorini da un lato e la loro Firenze dall’altro. 


Il tratto di marcata “fiorentinità” che caratterizza la mostra, unito all’indubbio spessore storico-critico, è tra le ragioni che hanno spinto la famiglia Antinori a realizzare il progetto con l’Istituto Matteucci.
La mostra quindi non poteva trovare sede più appropriata di Palazzo Antinori, edificio storico nel cuore di Firenze, casa di una Famiglia che ha contribuito a fare la Storia della città oltre che della viticoltura di massimo pregio. Per la prima volta, in occasione di “La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini”, il pubblico potrà ammirare i Saloni storici del Piano Nobile di Palazzo Antinori, opportunità che da sola merita un viaggio a Firenze. Saranno essi ad accogliere le opere in mostra, capolavori noti…

Antropocene – L’epoca umana

Una meditazione cinematografica sulla massiccia ricostruzione del pianeta da parte dell'umanità, 'Antropocene – L’epoca umana' è un film documentario che avuto una lavorazione di quattro anni ad opera del pluripremiato team composto da Jennifer Baichwal, Nicholas de Pencier e Edward Burtynsky.




Terzo in una trilogia che include Manufactured Landscapes (2006) e Watermark (2013), il film segue la ricerca di un gruppo internazionale di scienziati, il gruppo di lavoro Anthropocene che, dopo quasi 10 anni di ricerca, sostiene la teoria secondo cui l'epoca dell’Olocene ha lasciato il posto all'epoca dell’Antropocene a metà del XX secolo in seguito a profondi e duraturi cambiamenti.
Dalle pareti di cemento in Cina che ora coprono il 60% della costa continentale, alle più grandi macchine terrestri mai costruite in Germania, alle psichedeliche miniere di potassio negli Urali russi, alle fiere di metallo nella città di Norilsk, alla devastante Grande Barriera Corallina in Austr…

ART CITY Bologna 2019 - settima edizione

Alla sua settima edizione, ART CITY Bologna ha luogo per il secondo anno consecutivo sotto la supervisione di Lorenzo Balbi, direttore artistico di MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna, con una importante novità: la manifestazione estende la sua durata fino a divenire una vera e propria art week, con inizio il 25 gennaio e nucleo centrale nel week end dall'1 al 3 febbraio, introducendo, e in seguito affiancando, il week end di Arte Fiera.
Il format di ART CITY Bologna prevede, come nell'ultimo anno, un main program di alto profilo basato su un evento speciale e su una serie di progetti curatoriali monografici, che variano tra mostre, installazioni e performance.
Parte del programma è la sezione ART CITY Segnala, che include oltre 70 eventi selezionati dagli operatori culturali della città, tra cui istituzioni pubbliche e private, gallerie d'arte moderna e contemporanea, artist run space e spazi no-profit. Accanto ad essa, la sezione ART CITY Cinema esplora i rapporti …