Passa ai contenuti principali

Della presenza e dell'assenza di Claudio Bettolo

Personale d'arte contemporanea di Claudio Bettolo a cura di Lorenzo Argentino (con testo critico e presentazione di Sonia Patrizia Catena) presso lo 'Spazio 2' dell'Associazione Circuiti Dinamici in Via Giovanola 19/C ad Abbiategrasso dal 20 febbraio al 7 marzo 2012. Vernissage Lunedì 20 febbraio 2012 alle ore 18.30

"Lo sguardo è sordo come un’ ossessione che implode nel silenzio. Il colore attutito, privo di ogni splendore cattura, deforma, scioglie e confonde. Lo spazio stringe in una morsa la possibilità nel momento in cui ne smaschera la chiusura: ogni sviluppo nell’istante in cui è abbozzato è già impossibile, compresso, strozzato. La pupilla assente o appannata, la voce inghiottita, la quasi totale assenza di gesto: l’identità in bilico sul mondo risucchiata in una stanza dove l’unica finestra è questa, su cui l’artista ossessivamente ritorna, per misurare lo scacco di ogni relazione con ciò che sta fuori. E ogni scelta, ogni intenzione rimbalza al via di un gioco che in un ricorso infinito precipita sempre sul suo grado zero. È quel punto in cui l’identità – non ancora contaminata dalla vita – cerca definizione, riscontro, riconoscimento nell’altro. Ma ogni tentativo di aprire un varco è frustrato da un’ impossibilità insuperabile. Il desiderio costretto sui binari di un infinito cattivo che inquieta come l’abissoinscenato da un gioco di specchi. L’immagine si ripete, polverizzato il senso e dissociata l’anima dai suoi simulacri. Ci sono, ma non sono presente. Esisto, ma non vivo. Guardo senza vedere, tento di parlare, ma sono solo suoni inarticolati, cerco senza risposte per tornare ai dubbi, alle incognite inevase, ai misteri che mi assorbono. Il corpo è il primo mistero, il veicolo del ritorno al grado zero dell’identità in cerca di definizione e anche la possibilità di entrare in relazione con l’altro, il mondo, ciò che sta fuori e colui che mi incontra. Eppure questa possibilità viene colta da Bettolo nel momento in cui viene negata, risucchiata dal nulla: la finestra ha l’opacità di una prigione, l’ambiente circostante è uno spazio elastico che comprime e deforma la figura e la schiaccia. In questo azzeramento le forme umane diventano quasi animali: scimmia, cane, lupo – attonito, frastornato, inquieto. La natura ferina che esce dal sommerso allontana ogni spiraglio di comprensione. È allora la violenza brutale la via suggerita per rompere la gabbia di cristallo che ottunde i nostri slanci? Neppure. L’esplosione è scongiurata dal silenzio, dalla stanchezza, dal rifiuto che tutto caccia nell’abisso della mancanza di eventi. Forse nemmeno vale la pena. Forse siamo condannati a un desiderio mai appagato." - Testo a cura di Sonia Patrizia Catena

Post popolari in questo blog

Mein Name ist Giulia

Giunta alla seconda esposizione personale a Berlino, con la nuova ricerca Mein Name ist Giulia / Il mio nome è Giulia l’artista toscana Giulia Efisi segna una nuova tappa nella sua esplorazione visiva del concetto di identità e dei passaggi, temi centrali del suo percorso espressivo. 
Dall’iniziale ricerca sul proprio corpo, l’artista si è dedicata alla riscoperta del suo universo privato fatto di persone e oggetti della memoria, fino ad approdare negli ultimi anni alla ricerca sull’identità dell’altro con i suoi Ritratti/Portraits di persone comuni e famose ritratte per il particolare legame che la unisce a esse.
Nelle venti opere esposte alla galleria The Ballery, la Efisi affronta uno scenario nuovo, la metropoli, in cui dà luogo alla sua prima performance artistica. Un mondo privo di àncore, eccetto quella rappresentata da una panchina sulla quale si è seduta e ha cominciato a urlare il proprio nome, sperimentando le reazioni dei passanti. I loro sguardi bassi, il progressivo dist…

Un Respiro a Palazzo Pirelli

L’incontro dei tre artisti - Domenico D'Aria, Marcello Leone, Daniela Nenciulescu - riuniti nella mostra 'Respiro' ci fa riflettere sulla gioia del vivere, sulla semplicità del movimento naturale rappresentato dal respiro, un fiato leggero e sussurrato. Tale respiro che civiene proposto trasforma noi spettatori che ci perdiamo nella nostra quotidianità.
La mostra che è a cura di Anna Comino verrà inaugurata martedì 2 maggio alle 18.30 e potrà essere visitata dal lunedì al venerdì, dalle ore 13 alle ore 19
Respiro PALAZZO PIRELLI - SPAZIO EVENTI Milano - dal 2 al 30 maggio 2017 Via Fabio Filzi 22 (20124) eventi@regione.lombardia.it www.regione.lombardia.it





Spoleto Arte, un osservatorio sull’arte contemporanea

L’esposizione è stata pensata e realizzata dal manager della cultura e di personaggi dello spettacolo Salvo Nunges, e si avvarrà della preziosa curatela del critico d’arte Vittorio Sgarbi. Visto il grande successo e clamore avvenuto in occasione dell’inaugurazione, avvenuta il 1° luglio, il comitato artistico ha deciso di prorogarla fino alla fine del mese di agosto.
Spoleto Arte” è stata definita da Sgarbi: “un osservatorio sull’arte contemporanea” e rappresenta un contenitore di cultura e arte in cui quest’anno si sono viste numerose personalità di spicco: dal viceministro Maria Elena Boschi al presidente del “Festival dei Due Mondi” Fabrizio Cardarelli, dall’On. Lella Golfo al volto noto di Canale 5 Alessandro Meluzzi, da Livia Pomodoro alla scrittrice Sveva Casati Modignani, da Paola Severini della Rai alla statistica Linda Laura Sabbadini, da Sonia Laura Tatò all’inviato di “Striscia la Notizia” Patrick Pugliese, dal noto conduttore televisivo Pippo Franco alla funzionaria press…