Passa ai contenuti principali

Espiare a Ruvo di Puglia

La mostra “Espiare”, sarà allestita negli spazi dell’Ex Convento dei Padri Domenicani di Ruvo di Puglia e rappresenta un inedito progetto collettivo d’arte contemporanea attraverso un processo di coinvolgimento di differenti soggetti autoriali: 13 artisti (Natascia Abbattista, Dario Agrimi, Giovanni Albore, Anna Maria Battista, Pierluca Cetera, Clitorosso, Valentina Dell’Aquila, Oronzo Liuzzi, Margherita Ragno, Teresa Romano, Adele Samarelli, Loredana Savino, Gregorio Sgarra, Oscar Turco), 100 comparse, 2 curatori (Roberto Lacarbonara e Alexander Larrarte), un regista (Antonio Musci) e il pubblico.

La scena è quella di un microcosmo perfettamente racchiuso entro le robuste pareti del convento ottecentesco: una struttura di cui si recupera pienamente la rigorosa funzione di tempio della contemplazione e del silenzio. Tutti i soggetti e le opere introdotti in mostra partecipano al mantenimento dell’equilibrio interiore dell’intero involucro collettivo.

L’ambiente non è tuttavia un contenitore vuoto. Esso è animato dalla presenza di soggetti privi di identità, uniformi, in continuo movimento e peregrinazione. Un'unica tensione agita la narrazione e le relazioni intersoggettive: il “meccanismo della colpa”, i processi collettivi dell’espiazione, della rimozione e del rito.
Le opere definiscono un orizzonte visivo rigoroso e austero e tracciano un universo logico e bipolare, fatto di luce ed ombra, di pieno e vuoto, di positivo e negativo. La fotografia, la pittura e l’installazione riorganizzano un contesto in cui le trame visive ed esistenziali si fondono in un silenzio impositivo, sia iconico che gestuale.
Come nel mezzo di uno scrigno pieno di soggetti brulicanti, anche i visitatori partecipano e osservano la scena dall’interno ma restando sempre esclusi dalla totale comprensione dei processi.
La mostra “Espiare” inscena una radicale metafora della realtà psichica individuale e collettiva. Ogni uomo recita in silenzio il proprio ruolo ed è parte di un meccanismo sociale in costante evoluzione. Il fondamentale sistema di controllo sociale passa attraverso l’insinuarsi della strategia del peccato che dispone ogni soggetto al conformismo di rigidi valori oppositivi. Bianco o nero. “Espiare” rappresenta uno strumento con cui scontare la pena, rendere innocuo il peccato, ricomporre l’unità e lo stato della quiete. Il silenzio e la contemplazione sono le uniche vie d’accesso alla consapevolezza del grande sistema di uomini e cose che informa la cultura e la società.


IL CONVENTO
Nel 2006 l’ex convento ha subito un complesso restauro che ha ridefinito la destinazione d’uso della struttura progettandone un contenitore museale archeologico. Tuttavia, a seguito dell’acquisto e posizionamento di numerose teche e bacheche vitree, funzionali ad accogliere la collezione archeologica, la struttura è stata abbandonata e non più adoperata per il fine preposto. La mostra si colloca pertanto in un ambiente ibrido, sospeso tra la storia della struttura conventuale e le recenti operazioni di riqualificazione.

ESPIARE
Ex convento dei Domenicani
Via Madonna Delle Grazie (70037)
Ruvo Di Puglia (BA) - dal 3 al 25 marzo 2012
vernissage: 3 marzo 2012. ore 20.00
catalogo: Catalogo + DVD al finissage
curatori: Roberto Lacarbonara, Alexander Larrarte, Antonio Musci

IL FILM
La mostra verrà documentata attraverso un corto cinematografico. Le riprese avverranno nel corso del giorno di apertura, prima e durante il vernissage. Il Cineclub Canudo, diretto da Antonio Musci, curerà la produzione. Regia di Valentina Dell’Aquila.

 
IL CATALOGO
Il catalogo della mostra verrà pubblicato a maggio e conterrà i testi critici dei curatori, le immagini della mostra e il dvd del film “Espiare” prodotto e ambientato nel contesto della mostra.

 
IL TRAILER
La mostra utilizza linguaggi e strumenti di comunicazione inediti ed innovativi. Tra questi si distingue il ricorso al trailer cinematografico promosso nei cinema e sul web. Si tratta della prima operazione di arte contemporanea che ricorre allo strumento filmico e alle strategie di comunicazione video per la propria promozione.

Il trailer è visibile al link: http://www.youtube.com/watch?v=8VLSkKaFWa8

TESTI
Teodora Mastrototaro

FOTO
Antonio Lillo

ORGANIZZAZIONE:
CoArt, Corato
Entropie, Locorotondo
Cineclub Canudo, Bisceglie

Post popolari in questo blog

Mein Name ist Giulia

Giunta alla seconda esposizione personale a Berlino, con la nuova ricerca Mein Name ist Giulia / Il mio nome è Giulia l’artista toscana Giulia Efisi segna una nuova tappa nella sua esplorazione visiva del concetto di identità e dei passaggi, temi centrali del suo percorso espressivo. 
Dall’iniziale ricerca sul proprio corpo, l’artista si è dedicata alla riscoperta del suo universo privato fatto di persone e oggetti della memoria, fino ad approdare negli ultimi anni alla ricerca sull’identità dell’altro con i suoi Ritratti/Portraits di persone comuni e famose ritratte per il particolare legame che la unisce a esse.
Nelle venti opere esposte alla galleria The Ballery, la Efisi affronta uno scenario nuovo, la metropoli, in cui dà luogo alla sua prima performance artistica. Un mondo privo di àncore, eccetto quella rappresentata da una panchina sulla quale si è seduta e ha cominciato a urlare il proprio nome, sperimentando le reazioni dei passanti. I loro sguardi bassi, il progressivo dist…

La notte di Caracalla

(ANSA) - ROMA, 17 AGO - Si apre dal 18 agosto uno dei percorsi notturni tra i più suggestivi dell'antica Roma, realizzato dalla soprintendenza speciale di Roma con Electa: fino al 3 ottobre ogni martedì e venerdì sera le Terme di Caracalla saranno accessibili al chiaro di luna con visite guidate.
Gruppi di massimo 25 partecipanti potranno ammirare le monumentali vestigia illuminate nella notte e scendere nei sotterranei. Compreso nella visita il mitreo di Caracalla, il più grande tra quelli rimasti a Roma e perfettamente conservato.
Le visite, della durata di 75 minuti, inizieranno alle 19.30, con l'ultima partenza alle 21.00, e avverranno grazie a una spettacolare illuminazione del monumento a cura di Acea. Nelle giornate lunghe di agosto e dell'inizio di settembre per i primi turni di visita si potranno ammirare le Terme costruite dagli imperatori Severi nella luce dorata del tramonto.
Le visite, guidate da archeologi e storici dell'arte, inizieranno dall'area c…

Tutti i premi di Artissima 2017

Scoprire la bellezza, riconoscerla, premiarla, sostenerla, diffonderla: fedele al suo ruolo di fiera innovativa, sperimentale e anticipatrice, anche quest'anno Artissima supporta il futuro dell'arte contemporanea attraverso l'assegnazione di 7 premi. Nati in collaborazione con sponsor e istituzioni, i riconoscimenti 2017 sono rivolti ad artisti e gallerie presenti in fiera e sono assegnati da giurie internazionali composte da curatori e direttori dei principali musei d'arte contemporanea del mondo.


Campari Art Prize (new): promosso dal Gruppo Campari, il premio è assegnato a un artista under 35 che incentri la sua ricerca sul potere evocativo del racconto nelle sue molteplici declinazioni e sulla dimensione comunicativa dell’opera. Giuria: Adam Budak, Francesco Stocchi, Carina Plath
Refresh Premio Irinox (new): promosso da Irinox, il premio è assegnato a un artista della sezione Disegni che si distingua per la capacità di 'reinventare conservando', esaltando in …