Passa ai contenuti principali

Espiare a Ruvo di Puglia

La mostra “Espiare”, sarà allestita negli spazi dell’Ex Convento dei Padri Domenicani di Ruvo di Puglia e rappresenta un inedito progetto collettivo d’arte contemporanea attraverso un processo di coinvolgimento di differenti soggetti autoriali: 13 artisti (Natascia Abbattista, Dario Agrimi, Giovanni Albore, Anna Maria Battista, Pierluca Cetera, Clitorosso, Valentina Dell’Aquila, Oronzo Liuzzi, Margherita Ragno, Teresa Romano, Adele Samarelli, Loredana Savino, Gregorio Sgarra, Oscar Turco), 100 comparse, 2 curatori (Roberto Lacarbonara e Alexander Larrarte), un regista (Antonio Musci) e il pubblico.

La scena è quella di un microcosmo perfettamente racchiuso entro le robuste pareti del convento ottecentesco: una struttura di cui si recupera pienamente la rigorosa funzione di tempio della contemplazione e del silenzio. Tutti i soggetti e le opere introdotti in mostra partecipano al mantenimento dell’equilibrio interiore dell’intero involucro collettivo.

L’ambiente non è tuttavia un contenitore vuoto. Esso è animato dalla presenza di soggetti privi di identità, uniformi, in continuo movimento e peregrinazione. Un'unica tensione agita la narrazione e le relazioni intersoggettive: il “meccanismo della colpa”, i processi collettivi dell’espiazione, della rimozione e del rito.
Le opere definiscono un orizzonte visivo rigoroso e austero e tracciano un universo logico e bipolare, fatto di luce ed ombra, di pieno e vuoto, di positivo e negativo. La fotografia, la pittura e l’installazione riorganizzano un contesto in cui le trame visive ed esistenziali si fondono in un silenzio impositivo, sia iconico che gestuale.
Come nel mezzo di uno scrigno pieno di soggetti brulicanti, anche i visitatori partecipano e osservano la scena dall’interno ma restando sempre esclusi dalla totale comprensione dei processi.
La mostra “Espiare” inscena una radicale metafora della realtà psichica individuale e collettiva. Ogni uomo recita in silenzio il proprio ruolo ed è parte di un meccanismo sociale in costante evoluzione. Il fondamentale sistema di controllo sociale passa attraverso l’insinuarsi della strategia del peccato che dispone ogni soggetto al conformismo di rigidi valori oppositivi. Bianco o nero. “Espiare” rappresenta uno strumento con cui scontare la pena, rendere innocuo il peccato, ricomporre l’unità e lo stato della quiete. Il silenzio e la contemplazione sono le uniche vie d’accesso alla consapevolezza del grande sistema di uomini e cose che informa la cultura e la società.


IL CONVENTO
Nel 2006 l’ex convento ha subito un complesso restauro che ha ridefinito la destinazione d’uso della struttura progettandone un contenitore museale archeologico. Tuttavia, a seguito dell’acquisto e posizionamento di numerose teche e bacheche vitree, funzionali ad accogliere la collezione archeologica, la struttura è stata abbandonata e non più adoperata per il fine preposto. La mostra si colloca pertanto in un ambiente ibrido, sospeso tra la storia della struttura conventuale e le recenti operazioni di riqualificazione.

ESPIARE
Ex convento dei Domenicani
Via Madonna Delle Grazie (70037)
Ruvo Di Puglia (BA) - dal 3 al 25 marzo 2012
vernissage: 3 marzo 2012. ore 20.00
catalogo: Catalogo + DVD al finissage
curatori: Roberto Lacarbonara, Alexander Larrarte, Antonio Musci

IL FILM
La mostra verrà documentata attraverso un corto cinematografico. Le riprese avverranno nel corso del giorno di apertura, prima e durante il vernissage. Il Cineclub Canudo, diretto da Antonio Musci, curerà la produzione. Regia di Valentina Dell’Aquila.

 
IL CATALOGO
Il catalogo della mostra verrà pubblicato a maggio e conterrà i testi critici dei curatori, le immagini della mostra e il dvd del film “Espiare” prodotto e ambientato nel contesto della mostra.

 
IL TRAILER
La mostra utilizza linguaggi e strumenti di comunicazione inediti ed innovativi. Tra questi si distingue il ricorso al trailer cinematografico promosso nei cinema e sul web. Si tratta della prima operazione di arte contemporanea che ricorre allo strumento filmico e alle strategie di comunicazione video per la propria promozione.

Il trailer è visibile al link: http://www.youtube.com/watch?v=8VLSkKaFWa8

TESTI
Teodora Mastrototaro

FOTO
Antonio Lillo

ORGANIZZAZIONE:
CoArt, Corato
Entropie, Locorotondo
Cineclub Canudo, Bisceglie

Post popolari in questo blog

Campania Mirabilis

Mercoledì 20 giugno alle 17.00, presso le retrostanze del ‘700 degli appartamenti storici della Reggia di Caserta, sarà inaugurata la mostra fotografica Campania Mirabilis, a cura di Gabriella Ibello con foto di Monica Biancardi, Antonio Biasiucci, Stefano Cerio, Alessandro Cimmino, Raffaela Mariniello, Pino Musi, Luciano Romano e Luigi Spina
La mostra, promossa dall’associazione culturale Nuovorinascimento con il Patrocinio del MIBACT, Reggia di Caserta, Comune di Caserta e con il Matronato della Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee, sarà visitabile fino al 18 Luglio 2018.
Campania Mirabilis nasce da un’idea di Gabriella Ibello come progetto fotografico di osservazione, documentazione e ricerca sul patrimonio culturale e paesaggistico della Campania. Dopo Castel dell’Ovo, la mostra segna con la Reggia di Caserta la seconda tappa del Grand Tour della fotografia contemporanea che guarda al paesaggio e ai beni culturali. 
Il dialogo tra la Reggia vanvitelliana e la fotografi…

ART CITY Bologna 2019 - settima edizione

Alla sua settima edizione, ART CITY Bologna ha luogo per il secondo anno consecutivo sotto la supervisione di Lorenzo Balbi, direttore artistico di MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna, con una importante novità: la manifestazione estende la sua durata fino a divenire una vera e propria art week, con inizio il 25 gennaio e nucleo centrale nel week end dall'1 al 3 febbraio, introducendo, e in seguito affiancando, il week end di Arte Fiera.
Il format di ART CITY Bologna prevede, come nell'ultimo anno, un main program di alto profilo basato su un evento speciale e su una serie di progetti curatoriali monografici, che variano tra mostre, installazioni e performance.
Parte del programma è la sezione ART CITY Segnala, che include oltre 70 eventi selezionati dagli operatori culturali della città, tra cui istituzioni pubbliche e private, gallerie d'arte moderna e contemporanea, artist run space e spazi no-profit. Accanto ad essa, la sezione ART CITY Cinema esplora i rapporti …

De Chirico e Savinio. Una mitologia moderna

Dal 16 marzo al 30 giugno 2019 la Fondazione Magnani-Rocca ospita una grande mostra dedicata a Giorgio de Chirico e Alberto Savinio, i «dioscuri» dell'arte del XX secolo. 
I due fratelli hanno ripensato il mito, l’antico, la tradizione classica attraverso la modernità dell’avanguardia e della citazione, traslandoli e reinterpretandoli per tentare di rispondere ai grandi enigmi dell’uomo contemporaneo, dando vita a quella che Breton definì una vera e propria mitologia moderna. 
La mostra - allestita alla Villa dei Capolavori, sede della Fondazione a Mamiano di Traversetolo presso Parma – presenta oltre centotrenta opere tra celebri dipinti e sorprendenti lavori grafici, in un percorso espositivo che, dalla nascita dell’avventura metafisica, si focalizza su un moderno ripensamento della mitologia e giunge alla ricchissima produzione per il teatro, documentata anche da preziosi costumi per l’opera lirica.   
I Dioscuri dell’Arte – «Sono l'uno la spiegazione dell'altro» scriveva …