Passa ai contenuti principali

SELF-PORTRAITS opere di Emanuele Gatto al Makemake di Roma

Questa sera alle 19,30 si inaugura SELF-PORTRAITS una mostra di Emanuele Gatto curata da Matteo Saccavino presso lo Spazio d' arte Makemake di Roma. Fino all'1 febbraio.
“Ogni striscia di colore, con la sua diversa intensità, è l’impressione di un contatto e di un movimento. Non mi sento interessato né all’aspetto del mio corpo ricoperto dal colore né all’idea che esso stesso possa divenire arte. Mi concentro piuttosto su ciò che si genera quando il colore si espande sulla pelle, e sulle forme che questa imprime sulla superficie della tela, dove il colore trattiene la tensione dei movimenti e riproduce l’evolversi della loro carica emotiva: una sorta di ritratto dei miei mondi interni ed esterni, attraverso la materialità del corpo”.
 
Dopo la partecipazione a una collettiva nel 2011, e il debutto sulla scena romana del progetto THROUGH ESPERIMENTI a cui lavora con la giovane stilista di Silente, Francesca Iaconisi, Emanuele Gatto ha deciso di condividere in una personale presso lo spazio Makemake le opere della serie SELF-PORTRAITS, una variazione sul tema dell'autoritratto in cui il corpo ricopre il ruolo di protagonista.

Emanuele Gatto (1981) respira odore di trementina e olio di lino sin dalla nascita, frequentando l’atelier di famiglia quale luogo prediletto della scoperta artistica. Sono poi i soggiorni europei a influenzare il suo approccio cosmopolita e metropolitano all'arte, arricchendo progressivamente la sua ispirazione.

Gli “autoritratti” presentati sono il risultato di una sperimentazione finalizzata alla messa a punto di una personale tecnica realizzativa che ha visto l'artista tralasciare l'utilizzo dei consueti strumenti del mestiere a favore del proprio corpo. Unica eccezione, chiaro esempio di progetti futuri, è Light can come from everywhere, una straordinaria visione ribaltata della realtà riconoscibile, distorta nelle forme e riallineata nel colore.
A metà tra action painting e body art, Emanuele Gatto conforma il processo creativo in una vera e propria azione pittrice: un'azione sintetica che proietta sulla tela l'immagine reale del corpo, che fa il proprio ingresso nell'opera tramite il contatto reso visibile e durevole dall'interposizione del colore. Si suggella così, mediante l'impressione della pelle sul supporto, un legame di identità con il corpo che, venendo rielaborato da una serie di gesti formativi, ritrova la sua verità nella filosofia dell'opera. I colori prendono vita sulla pelle e ne riproducono sulla tela le porosità e le caratteristiche eterogenee, offrendone la rappresentazione al gioco delle successive rielaborazioni.
E' ancora un corpo a dominare la performance di apertura che l’artista ha ideato per il vernissage: al cospetto delle tele, esso si veste di solo colore riaffermando la propria centralità nella creazione dell’opera. Il corpo è di Valerio Sirna (1988), performer che vanta già importanti collaborazioni quali: Ricci-Forte (2009, 2010, 2011), il gruppo Mutua Imago (2011), Giorgio Rossi per L'Arezzo Wave (2012), il marchio Area (Paris Fashion Week 2012). Al momento fa parte del collettivo milanese Strasse.
Il percorso della mostra è completato da una videoinstallazione in cui frammenti di vita metropolitana raccordano, in un tentativo ultimo di sintesi, le immagini del corpo che lascia la propria impronta sulla tela.

Post popolari in questo blog

Campania Mirabilis

Mercoledì 20 giugno alle 17.00, presso le retrostanze del ‘700 degli appartamenti storici della Reggia di Caserta, sarà inaugurata la mostra fotografica Campania Mirabilis, a cura di Gabriella Ibello con foto di Monica Biancardi, Antonio Biasiucci, Stefano Cerio, Alessandro Cimmino, Raffaela Mariniello, Pino Musi, Luciano Romano e Luigi Spina
La mostra, promossa dall’associazione culturale Nuovorinascimento con il Patrocinio del MIBACT, Reggia di Caserta, Comune di Caserta e con il Matronato della Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee, sarà visitabile fino al 18 Luglio 2018.
Campania Mirabilis nasce da un’idea di Gabriella Ibello come progetto fotografico di osservazione, documentazione e ricerca sul patrimonio culturale e paesaggistico della Campania. Dopo Castel dell’Ovo, la mostra segna con la Reggia di Caserta la seconda tappa del Grand Tour della fotografia contemporanea che guarda al paesaggio e ai beni culturali. 
Il dialogo tra la Reggia vanvitelliana e la fotografi…

ART CITY Bologna 2019 - settima edizione

Alla sua settima edizione, ART CITY Bologna ha luogo per il secondo anno consecutivo sotto la supervisione di Lorenzo Balbi, direttore artistico di MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna, con una importante novità: la manifestazione estende la sua durata fino a divenire una vera e propria art week, con inizio il 25 gennaio e nucleo centrale nel week end dall'1 al 3 febbraio, introducendo, e in seguito affiancando, il week end di Arte Fiera.
Il format di ART CITY Bologna prevede, come nell'ultimo anno, un main program di alto profilo basato su un evento speciale e su una serie di progetti curatoriali monografici, che variano tra mostre, installazioni e performance.
Parte del programma è la sezione ART CITY Segnala, che include oltre 70 eventi selezionati dagli operatori culturali della città, tra cui istituzioni pubbliche e private, gallerie d'arte moderna e contemporanea, artist run space e spazi no-profit. Accanto ad essa, la sezione ART CITY Cinema esplora i rapporti …

De Chirico e Savinio. Una mitologia moderna

Dal 16 marzo al 30 giugno 2019 la Fondazione Magnani-Rocca ospita una grande mostra dedicata a Giorgio de Chirico e Alberto Savinio, i «dioscuri» dell'arte del XX secolo. 
I due fratelli hanno ripensato il mito, l’antico, la tradizione classica attraverso la modernità dell’avanguardia e della citazione, traslandoli e reinterpretandoli per tentare di rispondere ai grandi enigmi dell’uomo contemporaneo, dando vita a quella che Breton definì una vera e propria mitologia moderna. 
La mostra - allestita alla Villa dei Capolavori, sede della Fondazione a Mamiano di Traversetolo presso Parma – presenta oltre centotrenta opere tra celebri dipinti e sorprendenti lavori grafici, in un percorso espositivo che, dalla nascita dell’avventura metafisica, si focalizza su un moderno ripensamento della mitologia e giunge alla ricchissima produzione per il teatro, documentata anche da preziosi costumi per l’opera lirica.   
I Dioscuri dell’Arte – «Sono l'uno la spiegazione dell'altro» scriveva …