Passa ai contenuti principali

SELF-PORTRAITS opere di Emanuele Gatto al Makemake di Roma

Questa sera alle 19,30 si inaugura SELF-PORTRAITS una mostra di Emanuele Gatto curata da Matteo Saccavino presso lo Spazio d' arte Makemake di Roma. Fino all'1 febbraio.
“Ogni striscia di colore, con la sua diversa intensità, è l’impressione di un contatto e di un movimento. Non mi sento interessato né all’aspetto del mio corpo ricoperto dal colore né all’idea che esso stesso possa divenire arte. Mi concentro piuttosto su ciò che si genera quando il colore si espande sulla pelle, e sulle forme che questa imprime sulla superficie della tela, dove il colore trattiene la tensione dei movimenti e riproduce l’evolversi della loro carica emotiva: una sorta di ritratto dei miei mondi interni ed esterni, attraverso la materialità del corpo”.
 
Dopo la partecipazione a una collettiva nel 2011, e il debutto sulla scena romana del progetto THROUGH ESPERIMENTI a cui lavora con la giovane stilista di Silente, Francesca Iaconisi, Emanuele Gatto ha deciso di condividere in una personale presso lo spazio Makemake le opere della serie SELF-PORTRAITS, una variazione sul tema dell'autoritratto in cui il corpo ricopre il ruolo di protagonista.

Emanuele Gatto (1981) respira odore di trementina e olio di lino sin dalla nascita, frequentando l’atelier di famiglia quale luogo prediletto della scoperta artistica. Sono poi i soggiorni europei a influenzare il suo approccio cosmopolita e metropolitano all'arte, arricchendo progressivamente la sua ispirazione.

Gli “autoritratti” presentati sono il risultato di una sperimentazione finalizzata alla messa a punto di una personale tecnica realizzativa che ha visto l'artista tralasciare l'utilizzo dei consueti strumenti del mestiere a favore del proprio corpo. Unica eccezione, chiaro esempio di progetti futuri, è Light can come from everywhere, una straordinaria visione ribaltata della realtà riconoscibile, distorta nelle forme e riallineata nel colore.
A metà tra action painting e body art, Emanuele Gatto conforma il processo creativo in una vera e propria azione pittrice: un'azione sintetica che proietta sulla tela l'immagine reale del corpo, che fa il proprio ingresso nell'opera tramite il contatto reso visibile e durevole dall'interposizione del colore. Si suggella così, mediante l'impressione della pelle sul supporto, un legame di identità con il corpo che, venendo rielaborato da una serie di gesti formativi, ritrova la sua verità nella filosofia dell'opera. I colori prendono vita sulla pelle e ne riproducono sulla tela le porosità e le caratteristiche eterogenee, offrendone la rappresentazione al gioco delle successive rielaborazioni.
E' ancora un corpo a dominare la performance di apertura che l’artista ha ideato per il vernissage: al cospetto delle tele, esso si veste di solo colore riaffermando la propria centralità nella creazione dell’opera. Il corpo è di Valerio Sirna (1988), performer che vanta già importanti collaborazioni quali: Ricci-Forte (2009, 2010, 2011), il gruppo Mutua Imago (2011), Giorgio Rossi per L'Arezzo Wave (2012), il marchio Area (Paris Fashion Week 2012). Al momento fa parte del collettivo milanese Strasse.
Il percorso della mostra è completato da una videoinstallazione in cui frammenti di vita metropolitana raccordano, in un tentativo ultimo di sintesi, le immagini del corpo che lascia la propria impronta sulla tela.

Post popolari in questo blog

Mein Name ist Giulia

Giunta alla seconda esposizione personale a Berlino, con la nuova ricerca Mein Name ist Giulia / Il mio nome è Giulia l’artista toscana Giulia Efisi segna una nuova tappa nella sua esplorazione visiva del concetto di identità e dei passaggi, temi centrali del suo percorso espressivo. 
Dall’iniziale ricerca sul proprio corpo, l’artista si è dedicata alla riscoperta del suo universo privato fatto di persone e oggetti della memoria, fino ad approdare negli ultimi anni alla ricerca sull’identità dell’altro con i suoi Ritratti/Portraits di persone comuni e famose ritratte per il particolare legame che la unisce a esse.
Nelle venti opere esposte alla galleria The Ballery, la Efisi affronta uno scenario nuovo, la metropoli, in cui dà luogo alla sua prima performance artistica. Un mondo privo di àncore, eccetto quella rappresentata da una panchina sulla quale si è seduta e ha cominciato a urlare il proprio nome, sperimentando le reazioni dei passanti. I loro sguardi bassi, il progressivo dist…

Un Respiro a Palazzo Pirelli

L’incontro dei tre artisti - Domenico D'Aria, Marcello Leone, Daniela Nenciulescu - riuniti nella mostra 'Respiro' ci fa riflettere sulla gioia del vivere, sulla semplicità del movimento naturale rappresentato dal respiro, un fiato leggero e sussurrato. Tale respiro che civiene proposto trasforma noi spettatori che ci perdiamo nella nostra quotidianità.
La mostra che è a cura di Anna Comino verrà inaugurata martedì 2 maggio alle 18.30 e potrà essere visitata dal lunedì al venerdì, dalle ore 13 alle ore 19
Respiro PALAZZO PIRELLI - SPAZIO EVENTI Milano - dal 2 al 30 maggio 2017 Via Fabio Filzi 22 (20124) eventi@regione.lombardia.it www.regione.lombardia.it





Spoleto Arte, un osservatorio sull’arte contemporanea

L’esposizione è stata pensata e realizzata dal manager della cultura e di personaggi dello spettacolo Salvo Nunges, e si avvarrà della preziosa curatela del critico d’arte Vittorio Sgarbi. Visto il grande successo e clamore avvenuto in occasione dell’inaugurazione, avvenuta il 1° luglio, il comitato artistico ha deciso di prorogarla fino alla fine del mese di agosto.
Spoleto Arte” è stata definita da Sgarbi: “un osservatorio sull’arte contemporanea” e rappresenta un contenitore di cultura e arte in cui quest’anno si sono viste numerose personalità di spicco: dal viceministro Maria Elena Boschi al presidente del “Festival dei Due Mondi” Fabrizio Cardarelli, dall’On. Lella Golfo al volto noto di Canale 5 Alessandro Meluzzi, da Livia Pomodoro alla scrittrice Sveva Casati Modignani, da Paola Severini della Rai alla statistica Linda Laura Sabbadini, da Sonia Laura Tatò all’inviato di “Striscia la Notizia” Patrick Pugliese, dal noto conduttore televisivo Pippo Franco alla funzionaria press…