Passa ai contenuti principali

Nottenera 2013: a Serra De’ Conti le arti visive diventano un percorso

"Dal tramonto e per tutta la notte il paese si accende le emozioni attraverso arte, musica, teatro, creatività, scienza e sapori" così è stata definita NotteNera, un progetto culturale innovativo giunto alla settima edizione: l’appuntamento è per sabato 24 agosto a Serra De’ Conti, un’intera notte per mettere in relazione i linguaggi contemporanei, con la realtà e la comunità del territorio, affinando la percezione e solleticando i sensi. Differenti aree dense di contenuti costituiscono un programma ricco di eventi: arti sceniche, musica e cinema, arti visive, scienza e laboratori.
 
 Quest’anno tra le altre novità l’area dedicata alle Arti Visive è stata concepita come un vero e proprio percorso, parte integrante di NotteNera ed espressione di un linguaggio specifico fatto di installazioni, disegni, sculture, opere create appositamente per l’evento. Gli artisti selezionati da Sabrina Maggiori, direttrice artistica di NotteNera e Federica Mariani co-curatore dell’area arti visive hanno riflettuto sul tema della settima edizione: l’irrinunciabile.

“Stiamo sentendo forte il processo di sgretolamento di tante sovrastrutture che fino ad ora hanno stratificato, sorretto, nutrito ma anche condizionato il nostro vivere quotidiano . "Nottenera 2013" si chiede quali siano i punti essenziali, irrinunciabili per ciascuno di noi” afferma Sabrina Maggiori, direttore artistico di NotteNera.
Soffermarsi a riflettere su un termine, legato alla condizione umana e al periodo storico che stiamo vivendo, è la sfida accolta dagli artisti: “È stato chiesto ad ogni artista di trovare una parola che racchiudesse il significato di irrinunciabile. Ricerca, energia, acqua, coccole, desiderio, amore rappresentano le opere a NotteNera 2013, tutte molto diverse tra loro, selezionate appositamente per dare una visione organica del tema scelto”, afferma Federica Mariani, co-curatore delle arte visive e autrice dei testi critici.

Sei sono gli artisti che compongono quest’anno il percorso arti visive contrassegnato dal colore arancione: Chris Rocchegiani espressione di una ricerca intima ed individuale strettamente legata al territorio marchigiano; Valerio Porru rappresenta il mondo dell’arte contemporanea fuori dalla regione; Mancinelli- Trobbiani due artiste appena uscite dall’accademia delle belle arti ma già inserite nel circuito internazionale dell’arte che propongono il progetto “Daily” rivisitato per NotteNera, la stessa Yesenia Trobbiani rielabora per l’evento la sua installazione-performance “Delcibo” che coinvolge gli spettatori. Infine, sono stati selezionati artisti con un percorso strutturato e riconoscibile: Silvia Fiorentino che presenta un’installazione site specific, Erika Latini/Massimo Festi espressione del circuito indipendente dell’arte contemporanea.

Sei artisti, sei differenti opere e sfaccettature di linguaggio, un solo percorso visibile dal tramonto all’alba il 24 agosto a NotteNera2013.
 

Sabato, 24 Agosto, 2013 - 18:00

Serra De' Conti, provincia di Ancona
Info:www.nottenera.it

Post popolari in questo blog

La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini

La scoperta del carteggio inedito tra Telemaco Signorini, il padre Giovanni e il fratello minore Paolo, ha condotto Elisabetta Matteucci e Silvio Balloni a ideare questa raffinata esposizione che vanta due protagonisti, i Signorini da un lato e la loro Firenze dall’altro. 


Il tratto di marcata “fiorentinità” che caratterizza la mostra, unito all’indubbio spessore storico-critico, è tra le ragioni che hanno spinto la famiglia Antinori a realizzare il progetto con l’Istituto Matteucci.
La mostra quindi non poteva trovare sede più appropriata di Palazzo Antinori, edificio storico nel cuore di Firenze, casa di una Famiglia che ha contribuito a fare la Storia della città oltre che della viticoltura di massimo pregio. Per la prima volta, in occasione di “La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini”, il pubblico potrà ammirare i Saloni storici del Piano Nobile di Palazzo Antinori, opportunità che da sola merita un viaggio a Firenze. Saranno essi ad accogliere le opere in mostra, capolavori noti…

ART CITY Bologna 2019 - settima edizione

Alla sua settima edizione, ART CITY Bologna ha luogo per il secondo anno consecutivo sotto la supervisione di Lorenzo Balbi, direttore artistico di MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna, con una importante novità: la manifestazione estende la sua durata fino a divenire una vera e propria art week, con inizio il 25 gennaio e nucleo centrale nel week end dall'1 al 3 febbraio, introducendo, e in seguito affiancando, il week end di Arte Fiera.
Il format di ART CITY Bologna prevede, come nell'ultimo anno, un main program di alto profilo basato su un evento speciale e su una serie di progetti curatoriali monografici, che variano tra mostre, installazioni e performance.
Parte del programma è la sezione ART CITY Segnala, che include oltre 70 eventi selezionati dagli operatori culturali della città, tra cui istituzioni pubbliche e private, gallerie d'arte moderna e contemporanea, artist run space e spazi no-profit. Accanto ad essa, la sezione ART CITY Cinema esplora i rapporti …

De Chirico e Savinio. Una mitologia moderna

Dal 16 marzo al 30 giugno 2019 la Fondazione Magnani-Rocca ospita una grande mostra dedicata a Giorgio de Chirico e Alberto Savinio, i «dioscuri» dell'arte del XX secolo. 
I due fratelli hanno ripensato il mito, l’antico, la tradizione classica attraverso la modernità dell’avanguardia e della citazione, traslandoli e reinterpretandoli per tentare di rispondere ai grandi enigmi dell’uomo contemporaneo, dando vita a quella che Breton definì una vera e propria mitologia moderna. 
La mostra - allestita alla Villa dei Capolavori, sede della Fondazione a Mamiano di Traversetolo presso Parma – presenta oltre centotrenta opere tra celebri dipinti e sorprendenti lavori grafici, in un percorso espositivo che, dalla nascita dell’avventura metafisica, si focalizza su un moderno ripensamento della mitologia e giunge alla ricchissima produzione per il teatro, documentata anche da preziosi costumi per l’opera lirica.   
I Dioscuri dell’Arte – «Sono l'uno la spiegazione dell'altro» scriveva …