Passa ai contenuti principali

A Palazzo della Racchetta di Ferrara in mostra una Sélection Comparaisons

Venerdi 20 dicembre al Palazzo della Racchetta di Ferrara s’inaugura la mostra “Sélection Comparaisons: 44 artisti dal Grand Palais di Parigi”, a cura di Virgilio Patarini, sotto l’egida di Paul Alexis, presidente del “Salon Comparaisons” e di “Art en Capital” di Parigi, e con la collaborazione di Michèle Destarac, Jean Jacques Lapoirie, Neuville, e Chantal Roux.  Coordinamento a Ferrara di Enrico Ravegnani.
 
Il Salon Comparaisons è ritenuto negli ambienti parigini il più interessante e prestigioso dei Salons che si svolgono al Grand Palais o in altre sedi istituzionali della capitale francese. Nato agli inizi degli anni Cinquanta con lo scopo di “comparare” pittura figurativa e astratta, è erede ideale dei grandi Salons storici di cui ha scritto Baudelaire, o dei Salons degli Impressionisti.

Negli anni vi hanno esposto artisti del calibro di Picasso, Tapies, Arman, Yves Klein, Max Ernst, Villegle, Vasarely, Mimmo Rotella, Man Ray, Salvador Dali, René Magritte.

La caratteristica più interessante di questo Salon è che si tratta a tutti gli effetti di una mostra di mostre: una sorta di gioioso, fertile confronto tra differenti tendenze artistiche. Il Salon infatti è diviso in gruppi capitanati ciascuno da un artista di fama riconosciuta il quale seleziona una quindicina di artisti “omogenei” che vanno a dare vita ad una serie di vere e proprie mostre tematiche. Tra quelle più rappresentate nel tour italiano segnaliamo: il gruppo fondato da Licata e ora diretto da J.J. Lapoirie“Segni e tracce”, il gruppo di Chantal Roux “Ritorno d’emozione”, quello di M. Destarac “Astrazione lirica” e “Gesto e sintesi” di Neuville.
 
Per questo tour di due mostre in Italia, infatti, Virgilio Patarini (che da quattro anni partecipa al Salon Comparaisons come artista facendo parte del Gruppo Installazioni libere), con la collaborazione di Lapoirie, Roux, Destarac e Neuville, ha selezionato tra gli oltre 400 artisti del Salon del 2013 una quarantina di artisti in tutto, con un’opera ciascuno: le opere, in mostra al Grand Palais fino a domenica 8 dicembre, saranno portate direttamente a Ferrara e presentate nella prima delle due mostre in programma a Palazzo della Racchetta, dal 20 dicembre 2013 al 6 gennaio 2014.
 
Poi la mostra sarà allestita alla Galleria20 di Torino dal 12 al 30 gennaio 2014

Info suhttp://selectioncomparaisons.jimdo.com/

Post popolari in questo blog

Il Quadro con cerchio di Kandinskij

Si intitola " Quadro con cerchio ", ed è il primo dipinto astratto di Vasilij Vasil'evič Kandinskij , fu realizzato nel 1911 e ritrovato solo nel 1989. Proveniente dal museo nazionale georgiano di Tbilisi, viene per la prima volta esposto in Italia nell'ambito della mostra " Kandinskji, cavaliere errante.In viaggio verso l'astrazione ." , al Mudec di Milano (fino al 9 luglio). Un quadro al quale lo stesso artista attribuiva importanza, come risulta da una sua lettera del 1935: "Quando ho lasciato Mosca, alcuni miei dipinti, in parte di grande formato, sono rimasti in custodia nel museo di Arte Europea Occidentale. Tra essi il mio primissimo quardo astratto del 1911...Purtroppo, non ne possiedo alcuna foto. All'epoca ero scontento del dipinto e pertanto non l'ho neppure numerato e non ho scritto alcuna indicazione sul retro, come faccio sempre, e non l'ho riportato nel mio catalogo personale" . MUDEC

International Contemporary Art Prize 2019

L’ Associazione Culturale Collettivo 37   e la Galleria d'Arte Moderna e Contemporanea di Torino ARTGALLERY37 che ha ospitato opere di artisti quali Marc Chagall, Emilio Vedova,Ennio Morlotti, Giorgio De Chirico, Luigi Spazzapan , ha indetto un premio di carattere internazionale, con la formula del concorso per artisti, al fine di promuovere  e valorizzare l’arte contemporanea e gli artisti in grado di rappresentarne l'essenze la molteplicità espressiva.  Il Concorso  “ International Contemporary Art Prize 2019 ” oltre a godere del Patrocinio della Camera di Commercio di Torino, della Città Metropolitana di Torino, della Regione Piemonte e della Città di Torino è anche supportato dalla collaborazione del Centro Vitaliano Brancati e del Centro d'arte Mavie di Scicli (Sicilia), del Comitato Archivio Artistico Documentario Gierut di Pietrasanta (Toscana) e del Gruppo Artistico Londinese The Artist's Pool . Il concorso di carattere internazionale è rivolto a t

Franco Guerzoni. L’immagine sottratta

Il Museo del Novecento riapre la stagione espositiva con la mostra Franco Guerzoni . L’immagine sottratta , a cura di Martina Corgnati , un affondo nell’opera dell’artista modenese in programma dal 9 settembre 2020al 14 febbraio 2021. La mostra segna il ritorno di Franco Guerzoni nella città dove hanno avuto luogo alcune delle sue principali esposizioni, e prosegue l’indagine condotta dal museo sui protagonisti e i movimenti che hanno contrassegnato il panorama artistico italiano nella seconda metà del Novecento. Al quarto piano del Museo del Novecento sarannno esposte soprattutto opere realizzate dall’artista nell’ultimo decennio: un itinerario intorno alla parete, un topos per Guerzoni. Pareti vecchie e scrostate, ricche di intonaci e rigonfiamenti, precarie per crepe, graffi, affioramenti, muffe e salnitri, sono protagoniste prima, agli esordi, di scatti fotografici utilizzati come supporto del suo lavoro; poi saranno evocate sulla tela: pareti-palinsesto dai molteplici