Passa ai contenuti principali

La Via Italiana all'Informale: Ultime Tendenze.

Si inaugura sabato 14 dicembre 2013, alle ore 20,30, a Lacchiarella, a metà strada tra Milano e Pavia, nella storica e suggestiva cornice della Rocca Viscontea, situata nel centro del paese, in piazza Risorgimento, la mostra intitolata “LA VIA ITALIANA ALL’INFORMALE: ULTIME TENDENZE”.
 
La mostra, a cura di Virgilio Patarini, presenta una selezione di trenta opere tra i quadri più recenti di una decina di artisti protagonisti di spicco dell’Informale italiano contemporaneo: Walter Bernardi, Alberto Besson, Andrea Boldrini, Marco Bozzini, Valentina Carrera, Bruno De Santi, Paolo Facchinetti, Michelle Hold, Vincenzo Maddaloni, Maurizio Molteni, Lyudmila Vasilieva.
 
Nel corso del vernissage si verrà presentato il libro “La via italiana all’Informale. Da Afro, Vedova, Burri alle ultime tendenze”, a cura di V. Patarini, Ed. Mondadori, 2013, cui seguirà un buffet con cocktail.
 
"Questa mostra nasce da un libro. Di solito è il contrario: prima nasce l'idea di una mostra, si scelgono gli artisti e le opere, e alla fine arriva il catalogo. In questo caso invece in principio era la parola: il libro in questione è "La via italiana all'Informale. Da Afro, Vedova e Burri alle ultime tendenze"  curato dal sottoscritto e pubblicato dall’Editoriale Giorgio Mondadori nel gennaio del 2013. La ponderosa pubblicazione (400 pagine) non solo traccia per sommi capi la storia dell'Informale in Italia, ma soprattutto cerca di rompere certi automatismi accademici che considerano esaurita l'esperienza Informale, in Italia come negli altri paesi del mondo, dopo circa quindici anni di storia: dal 1948 al 1963, anno più anno meno. Come se tutto l'Informale che viene dopo fosse solo opera di epigoni. Come se la verve e l'ispirazione dei grandi maestri dopo quella data si esaurisse. Come se l'Informale fosse una delle tante, importantissime ma effimere, avanguardie del secolo.
 
L'Informale è qualcosa di diverso: qualcosa di più e qualcosa di meno delle altre Avanguardie. Ma soprattutto è una vera e propria rivoluzione epocale: per la prima volta nella storia dell'Arte si concepisce un quadro senza figure, senza alcun riferimento alla realtà né a forme geometriche né a elementi simbolici.  Si tratta di una rivoluzione analoga a quella provocata dall'invenzione della Prospettiva. Qualcuno si sognerebbe mai di dire che Caravaggio è un epigono rispetto a Leonardo o Michelangelo perché come costoro usava la Prospettiva? O ancora peggio Leonardo e Michelangelo rispetto a Masaccio... Così risulta impossibile considerare alla stregua di meri epigoni gli artisti informali delle generazioni successive a quelle dei vari Afro, Burri e Vedova.
 
In questa mostra si presenta il lavoro di una decina di artisti italiani delle ultime generazioni che fanno una pittura di matrice “informale”, artisti  selezionati tra gli oltre quaranta approfonditi nella seconda parte del libro dedicata alle “Ultime tendenze” dell’Informale in Italia." - Virgilio Patarini

La mostra proseguirà fino al 23 dicembre, dal lunedì al venerdì, dalle 10 alle 12. Altri giorni e orari su appuntamento chiamando il numero 333.80.322.46
 
 
Zamenhof Art
Ufficio di Milano: tel. 02.83.66.08.23 - cell. 366.49.78.189
email: zamenhofart@gmail.com - zamenhof.art@libero.it
sito: www.zamenhofart.it

Galleria 20
Sede espositiva: Torino, Corso Casale, 85
tel. 011.20.73.905 - email: galleria.ariele@gmail.com

SpazioE
Sede espositiva: Milano, Alzaia Naviglio Grande, 4
tel. 02.58109843 - email: aestdelleden@libero.it
 

Post popolari in questo blog

Il Quadro con cerchio di Kandinskij

Si intitola " Quadro con cerchio ", ed è il primo dipinto astratto di Vasilij Vasil'evič Kandinskij , fu realizzato nel 1911 e ritrovato solo nel 1989. Proveniente dal museo nazionale georgiano di Tbilisi, viene per la prima volta esposto in Italia nell'ambito della mostra " Kandinskji, cavaliere errante.In viaggio verso l'astrazione ." , al Mudec di Milano (fino al 9 luglio). Un quadro al quale lo stesso artista attribuiva importanza, come risulta da una sua lettera del 1935: "Quando ho lasciato Mosca, alcuni miei dipinti, in parte di grande formato, sono rimasti in custodia nel museo di Arte Europea Occidentale. Tra essi il mio primissimo quardo astratto del 1911...Purtroppo, non ne possiedo alcuna foto. All'epoca ero scontento del dipinto e pertanto non l'ho neppure numerato e non ho scritto alcuna indicazione sul retro, come faccio sempre, e non l'ho riportato nel mio catalogo personale" . MUDEC

Il realismo magico di Mario Giacomelli e Le realtà del Sogno.

Il 2020 ha segnato il ventennale della scomparsa di Mario Giacomelli e il Comune di Senigallia, Città della Fotografia , continua a rendere omaggio anche nel 2021 a uno dei maestri internazionali della fotografia del Novecento, dedicando un’ala del Palazzo del Duca ad un’esposizione permanente delle sue opere donate negli anni ‘90 dall’artista stesso al Comune. In una porzione riqualificata di Palazzo del Duca, che ospita da anni la programmazione espositiva della città di Senigallia, saranno fruibili circa 80 fotografie selezionate e allestite in collaborazione con gli archivi Giacomelli rappresentati dai due direttori Simone Giacomelli e Katiuscia Biondi . Non una mostra temporanea quindi, ma un riallestimento della collezione permanente che vuole raccontare l’universo poetico ed artistico del grande fotografo senigalliese e renderlo fruibile in maniera permanente a cittadinanza e visitatori. Inoltre si vuole fornire una lettura innovativa dell’opera del maestro che viene proposta

La nuova scultura di Carlo Bacci a Tellaro

A Tellaro , uno dei borghi più belli d’Italia che si trova in Liguria nel Golfo dei Poeti, è stata ripristinata la discesa a mare da via Pelosini verso il “GRO”. Il GRO è il nome del grande scoglio che si trova proprio davanti a Tellaro, una discesa a mare molto suggestiva. Nella riqualificazione di questa discesa a mare è stata inserita la nuova scultura dell’artista locale Carlo Bacci che verrà inaugurata ufficialmente sabato 24 Aprile 2021. L’opera ne celebra il nome e riprende la spirale del tentacolo del polpo, simbolo grafico di Tellaro. GRO di Carlo Bacci Queste le parole dell’artista Carlo Bacci: " Felice ed onorato di essere stato chiamato in causa per il nostro GRO.  Il GRO è uno scoglio che è stato palestra di vita e di nuoto per chi come me è nato e cresciuto a Tellaro.  Non ho avuto nessun dubbio su come realizzare questo intervento, solo nome e cognome di questo luogo, che ci portiamo dentro: GRO un suono che ne racchiude la sua l'immagine compatta.  Il suo colo