Passa ai contenuti principali

Guzman Contemporanea giunge ad Orbetello

Comunicato stampa - Dal 14 dicembre al 7 gennaio, l’affascinante edificio della storica Polveriera Guzman di Orbetello - sempre più luogo prezioso d’incontro per i talenti artistici, aperto a tutti i linguaggi e forme espressive - ospiterà un nuovo evento culturale, "Guzman Contemporanea", curato da Alessandra Barberini con il patrocinio di Comune di Orbetello, Provincia di Grosseto e Regione Toscana. Sono 13 gli artisti selezionati dalla giuria di qualità: Giulia Avetta, Lorenzo Campinoti, Alessandro Compagnone, Fabrizio Giusti, Elisa Lamesi, Annarita Longaroni, Gianpaolo Marchesi, Matilde Mulé, Angelo Petrucci, Pamela Pintus, Alessandro Severin, Adriana Soares, Emanuela Troiani. La mostra sarà visibile dal giovedì alla domenica, dalle 16,30 alle 19,30.
 
“Questo nuovo evento - spiega Alessandra Barberini - prosegue sulla strada che Primal Energy ha intrapreso dal 2011 : continuare a caratterizzare la Guzman come luogo di offerta culturale ed artistica di qualità. L’evento nasce da una necessità che abbiamo avvertito in maniera molto netta: quella di raccogliere le richieste di bravi artisti, fuori dal limite d’età fissato nel progetto istituzionale di Primal Energy 2013, e dare loro la possibilità di essere coinvolti in nostro circuito espositivo”.
 
Durante il vernissage della mostra, in programma sabato 14 dicembre alle 18, la curatrice del progetto selezionerà, fra i lavori presentati da artisti under 35, un’opera che sarà ammessa, senza alcuna spesa, a partecipare alla selezione del Premio Internazionale Primal Energy 2013 – “Tracce”, la cui scadenza è stata fissata al 28 febbraio 2013.
 
“Guzman Contemporanea ha raccolto adesioni dall’Italia e dall’estero, persino dal Brasile – racconta Alessandra Barberini . Ancora una volta, il grande progetto Primal Energy, ormai al suo terzo anno di vita, in ogni sua declinazione continua a intercettare gli artisti più interessanti che possono trovare anche nel nostro territorio iniziative professionali e strutturate che rivitalizzano meravigliose location di pregio attraverso il potere infinito dell’arte”.
 
Domenica 15 dicembre dalle 17,30, sempre all’interno di Guzman Contemporanea, la Casa Editrice Effequ presenta “Ricettacoli”, la nuova collana nata per narrare ciò che si beve e che si mangia. In anteprima, saranno presentati i primi due titoli: “Cinghiale” di Susanna Cantore e “Le nuove chicche del Moro” di Enio Moretti. Oltre agli autori, saranno presenti l'illustratrice Barbara Lamioni e l’editore Fernando Quatraro. Al termine della doppia presentazione, l’aperitivo di Toni Mambrini.
 
Infine, un evento speciale è in programma per sabato 21 alle ore 17,30: si tratta di “A.A.A. - Art Auction for Albinia”. A poco più di un anno dalla devastante alluvione del 12 novembre 2012, gli artisti che hanno partecipato alle scorse edizioni di Primal Energy offriranno il loro prezioso contributo mettendo all’asta alcune delle loro opere il cui incasso complessivo sarà devoluto in favore dei progetti di ricostruzione: Flavio Renzetti, Franco Repetto, Massimo Costoli, Andrea Cresti, Mauro Sini, Gennj Trentini, Mauro Fastelli, Natalia Cellini, Cinzia Ghelardini, Emiliano Baldi, Puccio Pucci e Adriano Monanc sono gli artisti che hanno aderito all’iniziativa con un totale di 12 lavori che, già a partire dal giorno di inaugurazione della mostra, potranno raccogliere le offerte.
 
Nell’evento di sabato 21, poi, saranno decretati i nomi di coloro che si saranno aggiudicati le opere d’arte.

Post popolari in questo blog

Il Quadro con cerchio di Kandinskij

Si intitola " Quadro con cerchio ", ed è il primo dipinto astratto di Vasilij Vasil'evič Kandinskij , fu realizzato nel 1911 e ritrovato solo nel 1989. Proveniente dal museo nazionale georgiano di Tbilisi, viene per la prima volta esposto in Italia nell'ambito della mostra " Kandinskji, cavaliere errante.In viaggio verso l'astrazione ." , al Mudec di Milano (fino al 9 luglio). Un quadro al quale lo stesso artista attribuiva importanza, come risulta da una sua lettera del 1935: "Quando ho lasciato Mosca, alcuni miei dipinti, in parte di grande formato, sono rimasti in custodia nel museo di Arte Europea Occidentale. Tra essi il mio primissimo quardo astratto del 1911...Purtroppo, non ne possiedo alcuna foto. All'epoca ero scontento del dipinto e pertanto non l'ho neppure numerato e non ho scritto alcuna indicazione sul retro, come faccio sempre, e non l'ho riportato nel mio catalogo personale" . MUDEC

Il realismo magico di Mario Giacomelli e Le realtà del Sogno.

Il 2020 ha segnato il ventennale della scomparsa di Mario Giacomelli e il Comune di Senigallia, Città della Fotografia , continua a rendere omaggio anche nel 2021 a uno dei maestri internazionali della fotografia del Novecento, dedicando un’ala del Palazzo del Duca ad un’esposizione permanente delle sue opere donate negli anni ‘90 dall’artista stesso al Comune. In una porzione riqualificata di Palazzo del Duca, che ospita da anni la programmazione espositiva della città di Senigallia, saranno fruibili circa 80 fotografie selezionate e allestite in collaborazione con gli archivi Giacomelli rappresentati dai due direttori Simone Giacomelli e Katiuscia Biondi . Non una mostra temporanea quindi, ma un riallestimento della collezione permanente che vuole raccontare l’universo poetico ed artistico del grande fotografo senigalliese e renderlo fruibile in maniera permanente a cittadinanza e visitatori. Inoltre si vuole fornire una lettura innovativa dell’opera del maestro che viene proposta

La nuova scultura di Carlo Bacci a Tellaro

A Tellaro , uno dei borghi più belli d’Italia che si trova in Liguria nel Golfo dei Poeti, è stata ripristinata la discesa a mare da via Pelosini verso il “GRO”. Il GRO è il nome del grande scoglio che si trova proprio davanti a Tellaro, una discesa a mare molto suggestiva. Nella riqualificazione di questa discesa a mare è stata inserita la nuova scultura dell’artista locale Carlo Bacci che verrà inaugurata ufficialmente sabato 24 Aprile 2021. L’opera ne celebra il nome e riprende la spirale del tentacolo del polpo, simbolo grafico di Tellaro. GRO di Carlo Bacci Queste le parole dell’artista Carlo Bacci: " Felice ed onorato di essere stato chiamato in causa per il nostro GRO.  Il GRO è uno scoglio che è stato palestra di vita e di nuoto per chi come me è nato e cresciuto a Tellaro.  Non ho avuto nessun dubbio su come realizzare questo intervento, solo nome e cognome di questo luogo, che ci portiamo dentro: GRO un suono che ne racchiude la sua l'immagine compatta.  Il suo colo