Passa ai contenuti principali

La mia terra: comunicazioni irregolari di Cataldo Mastrorilli e Raffaella Capannolo

Da Venerdì 11 ( Vernissage) a Giovedì 17 aprile 2014 a cura dell'associazione spazio ALLarte presso la "Cripta Borromeo (GPII)" in via del corso a Roma mostra bipersonale di Cataldo Mastrorilli e Raffaella Capannolo a cura di Elena Valeri "La mia terra: comunicazioni irregolari".
 
"Ammaliati dall’errato concetto che tutto possa essere definito arte, che un qualunque scarabocchio su una tela virginale debba qualificarsi come provocatorio e anti-sociale, in un’epoca in cui, per giustificare la propria mancanza di talento si citano con incoscienza grandi pensatori e innovatori del Novecento, una netta inversione di tendenza risulta essere la più autentica invettiva. Solo la rara maestria, l’uso sapiente e la padronanza della téchne rende poi qualunque segno apportato sul supporto carico di significante anche quando, consapevolmente, si decide di ridurre all’osso l’impronta classicista secondo i cui dettami siamo soliti definire il bello artistico. Esiste quindi un salto, una valicata per molti insormontabile che qualifica i pochi prediletti annoverandoli come artisti, osservatori e creatori, capaci di elaborare un proprio linguaggio, un’espressione autentica tale da renderli unici ma pur sempre figli della tradizione.
 
Cataldo Mastrorilli vince la sua personale scommessa contro l’anonimato regalandoci scatti emozionali della sua terra, la Puglia , in cui chiunque può coglierne la vibrazione, l’energia vitale che soggiace tra i rami di ulivi, le zolle brucianti, le esuberanti terrazze, le paesane raffigurate nella peculiare concretezza plastica ma al contempo ultraterrena. Ogni pennellata è perfettamente calibrata; nulla viene lasciato al caso. Ogni tela potrebbe anche venir scomposta in innumerevoli pixel; la sintesi matematica ne dimostrerebbe comunque lo studio attento e rigoroso. Eppure i paesaggi di Mastrorilli non appaiono come fredde rappresentazioni del reale ma come vere e proprie immersioni nei profumi e sapori del sud, nei suoi colori resi ancor più intensi dalla passionale rivisitazione di un antico sentire.  La figura umana non è una semplice comparsa; i suoi tratti resi distinguibili dall’alternanza dei colori ricordano i toni prediletti  dai pionieri dell’espressionismo francese, così come la frammentarietà ci riporta al pre-cubismo cezanniano. E proprio nel rapporto dialettico tra equilibrio e vibrazione, tra una cromia che non solo accarezza i lineamenti fisici ma anche i segreti dell’anima, che la pittura di Mastrorilli si distingue dal panorama artistico odierno.  E nella culla immersa nelle fragranze della terra assolata, lo spazio, come un ricordo d’infanzia, si anima al ritmo del vento confuso dal tenue respiro delle figure eternamente vive, linfa de La mia terra.
 
Natura, figura umana e contemporaneità sono i temi prediletti anche nelle opere di Raffaella Capannolo la cui arte non si esaurisce alla sola pittura. In occasione del quinto anniversario del terribile terremoto che devastò l’Abruzzo, l’artista, natia dell’Aquila, offre al fruitore una visione incontaminata dei paesaggi che sovrastano una terra ferita, ma non spezzata. La montagna, elemento naturale eletto a rappresentante di un varco oltre il quale si accarezza l’infinito, diviene la controparte di un’umanità che, nascosta da un velo, sfugge al contatto con l’altro da sé. Ed ecco che Capannolo, presa consapevolezza della mancata comunicazione tra individui, mette al centro delle sue fessure sul mondo soggetti, o i sensi che li rappresentano, coperti da strati di tulle il cui squarcio, come l’oltrepassamento della montagna permetterebbe una rinnovata armonia tra esseri della Terra. Da Una Mezza Verità in cui il volto del ragazzo ritratto non dice chiaro quello che pensa, si arriva a La Nuda Verità dove, invece, il tulle è scansato e non vi è né menzogna né ipocrisia solo la rischiosa ma autentica verità. Voce amara, cruda ma carica di sentimento e passione per La mia terra, è la voce dell’artista che, senza nascondersi dietro la “bella pittura” o la rincuorante musicalità di una poesia edificante, canta una dolce Ninna Nanna alla sua Aquila, augurandole un risveglio oltre la montagna."
 
Elena Valeri

Post popolari in questo blog

Campania Mirabilis

Mercoledì 20 giugno alle 17.00, presso le retrostanze del ‘700 degli appartamenti storici della Reggia di Caserta, sarà inaugurata la mostra fotografica Campania Mirabilis, a cura di Gabriella Ibello con foto di Monica Biancardi, Antonio Biasiucci, Stefano Cerio, Alessandro Cimmino, Raffaela Mariniello, Pino Musi, Luciano Romano e Luigi Spina
La mostra, promossa dall’associazione culturale Nuovorinascimento con il Patrocinio del MIBACT, Reggia di Caserta, Comune di Caserta e con il Matronato della Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee, sarà visitabile fino al 18 Luglio 2018.
Campania Mirabilis nasce da un’idea di Gabriella Ibello come progetto fotografico di osservazione, documentazione e ricerca sul patrimonio culturale e paesaggistico della Campania. Dopo Castel dell’Ovo, la mostra segna con la Reggia di Caserta la seconda tappa del Grand Tour della fotografia contemporanea che guarda al paesaggio e ai beni culturali. 
Il dialogo tra la Reggia vanvitelliana e la fotografi…

ART CITY Bologna 2019 - settima edizione

Alla sua settima edizione, ART CITY Bologna ha luogo per il secondo anno consecutivo sotto la supervisione di Lorenzo Balbi, direttore artistico di MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna, con una importante novità: la manifestazione estende la sua durata fino a divenire una vera e propria art week, con inizio il 25 gennaio e nucleo centrale nel week end dall'1 al 3 febbraio, introducendo, e in seguito affiancando, il week end di Arte Fiera.
Il format di ART CITY Bologna prevede, come nell'ultimo anno, un main program di alto profilo basato su un evento speciale e su una serie di progetti curatoriali monografici, che variano tra mostre, installazioni e performance.
Parte del programma è la sezione ART CITY Segnala, che include oltre 70 eventi selezionati dagli operatori culturali della città, tra cui istituzioni pubbliche e private, gallerie d'arte moderna e contemporanea, artist run space e spazi no-profit. Accanto ad essa, la sezione ART CITY Cinema esplora i rapporti …

De Chirico e Savinio. Una mitologia moderna

Dal 16 marzo al 30 giugno 2019 la Fondazione Magnani-Rocca ospita una grande mostra dedicata a Giorgio de Chirico e Alberto Savinio, i «dioscuri» dell'arte del XX secolo. 
I due fratelli hanno ripensato il mito, l’antico, la tradizione classica attraverso la modernità dell’avanguardia e della citazione, traslandoli e reinterpretandoli per tentare di rispondere ai grandi enigmi dell’uomo contemporaneo, dando vita a quella che Breton definì una vera e propria mitologia moderna. 
La mostra - allestita alla Villa dei Capolavori, sede della Fondazione a Mamiano di Traversetolo presso Parma – presenta oltre centotrenta opere tra celebri dipinti e sorprendenti lavori grafici, in un percorso espositivo che, dalla nascita dell’avventura metafisica, si focalizza su un moderno ripensamento della mitologia e giunge alla ricchissima produzione per il teatro, documentata anche da preziosi costumi per l’opera lirica.   
I Dioscuri dell’Arte – «Sono l'uno la spiegazione dell'altro» scriveva …