Passa ai contenuti principali

La mia terra: comunicazioni irregolari di Cataldo Mastrorilli e Raffaella Capannolo

Da Venerdì 11 ( Vernissage) a Giovedì 17 aprile 2014 a cura dell'associazione spazio ALLarte presso la "Cripta Borromeo (GPII)" in via del corso a Roma mostra bipersonale di Cataldo Mastrorilli e Raffaella Capannolo a cura di Elena Valeri "La mia terra: comunicazioni irregolari".
 
"Ammaliati dall’errato concetto che tutto possa essere definito arte, che un qualunque scarabocchio su una tela virginale debba qualificarsi come provocatorio e anti-sociale, in un’epoca in cui, per giustificare la propria mancanza di talento si citano con incoscienza grandi pensatori e innovatori del Novecento, una netta inversione di tendenza risulta essere la più autentica invettiva. Solo la rara maestria, l’uso sapiente e la padronanza della téchne rende poi qualunque segno apportato sul supporto carico di significante anche quando, consapevolmente, si decide di ridurre all’osso l’impronta classicista secondo i cui dettami siamo soliti definire il bello artistico. Esiste quindi un salto, una valicata per molti insormontabile che qualifica i pochi prediletti annoverandoli come artisti, osservatori e creatori, capaci di elaborare un proprio linguaggio, un’espressione autentica tale da renderli unici ma pur sempre figli della tradizione.
 
Cataldo Mastrorilli vince la sua personale scommessa contro l’anonimato regalandoci scatti emozionali della sua terra, la Puglia , in cui chiunque può coglierne la vibrazione, l’energia vitale che soggiace tra i rami di ulivi, le zolle brucianti, le esuberanti terrazze, le paesane raffigurate nella peculiare concretezza plastica ma al contempo ultraterrena. Ogni pennellata è perfettamente calibrata; nulla viene lasciato al caso. Ogni tela potrebbe anche venir scomposta in innumerevoli pixel; la sintesi matematica ne dimostrerebbe comunque lo studio attento e rigoroso. Eppure i paesaggi di Mastrorilli non appaiono come fredde rappresentazioni del reale ma come vere e proprie immersioni nei profumi e sapori del sud, nei suoi colori resi ancor più intensi dalla passionale rivisitazione di un antico sentire.  La figura umana non è una semplice comparsa; i suoi tratti resi distinguibili dall’alternanza dei colori ricordano i toni prediletti  dai pionieri dell’espressionismo francese, così come la frammentarietà ci riporta al pre-cubismo cezanniano. E proprio nel rapporto dialettico tra equilibrio e vibrazione, tra una cromia che non solo accarezza i lineamenti fisici ma anche i segreti dell’anima, che la pittura di Mastrorilli si distingue dal panorama artistico odierno.  E nella culla immersa nelle fragranze della terra assolata, lo spazio, come un ricordo d’infanzia, si anima al ritmo del vento confuso dal tenue respiro delle figure eternamente vive, linfa de La mia terra.
 
Natura, figura umana e contemporaneità sono i temi prediletti anche nelle opere di Raffaella Capannolo la cui arte non si esaurisce alla sola pittura. In occasione del quinto anniversario del terribile terremoto che devastò l’Abruzzo, l’artista, natia dell’Aquila, offre al fruitore una visione incontaminata dei paesaggi che sovrastano una terra ferita, ma non spezzata. La montagna, elemento naturale eletto a rappresentante di un varco oltre il quale si accarezza l’infinito, diviene la controparte di un’umanità che, nascosta da un velo, sfugge al contatto con l’altro da sé. Ed ecco che Capannolo, presa consapevolezza della mancata comunicazione tra individui, mette al centro delle sue fessure sul mondo soggetti, o i sensi che li rappresentano, coperti da strati di tulle il cui squarcio, come l’oltrepassamento della montagna permetterebbe una rinnovata armonia tra esseri della Terra. Da Una Mezza Verità in cui il volto del ragazzo ritratto non dice chiaro quello che pensa, si arriva a La Nuda Verità dove, invece, il tulle è scansato e non vi è né menzogna né ipocrisia solo la rischiosa ma autentica verità. Voce amara, cruda ma carica di sentimento e passione per La mia terra, è la voce dell’artista che, senza nascondersi dietro la “bella pittura” o la rincuorante musicalità di una poesia edificante, canta una dolce Ninna Nanna alla sua Aquila, augurandole un risveglio oltre la montagna."
 
Elena Valeri

Post popolari in questo blog

Il Quadro con cerchio di Kandinskij

Si intitola " Quadro con cerchio ", ed è il primo dipinto astratto di Vasilij Vasil'evič Kandinskij , fu realizzato nel 1911 e ritrovato solo nel 1989. Proveniente dal museo nazionale georgiano di Tbilisi, viene per la prima volta esposto in Italia nell'ambito della mostra " Kandinskji, cavaliere errante.In viaggio verso l'astrazione ." , al Mudec di Milano (fino al 9 luglio). Un quadro al quale lo stesso artista attribuiva importanza, come risulta da una sua lettera del 1935: "Quando ho lasciato Mosca, alcuni miei dipinti, in parte di grande formato, sono rimasti in custodia nel museo di Arte Europea Occidentale. Tra essi il mio primissimo quardo astratto del 1911...Purtroppo, non ne possiedo alcuna foto. All'epoca ero scontento del dipinto e pertanto non l'ho neppure numerato e non ho scritto alcuna indicazione sul retro, come faccio sempre, e non l'ho riportato nel mio catalogo personale" . MUDEC

Il realismo magico di Mario Giacomelli e Le realtà del Sogno.

Il 2020 ha segnato il ventennale della scomparsa di Mario Giacomelli e il Comune di Senigallia, Città della Fotografia , continua a rendere omaggio anche nel 2021 a uno dei maestri internazionali della fotografia del Novecento, dedicando un’ala del Palazzo del Duca ad un’esposizione permanente delle sue opere donate negli anni ‘90 dall’artista stesso al Comune. In una porzione riqualificata di Palazzo del Duca, che ospita da anni la programmazione espositiva della città di Senigallia, saranno fruibili circa 80 fotografie selezionate e allestite in collaborazione con gli archivi Giacomelli rappresentati dai due direttori Simone Giacomelli e Katiuscia Biondi . Non una mostra temporanea quindi, ma un riallestimento della collezione permanente che vuole raccontare l’universo poetico ed artistico del grande fotografo senigalliese e renderlo fruibile in maniera permanente a cittadinanza e visitatori. Inoltre si vuole fornire una lettura innovativa dell’opera del maestro che viene proposta

La nuova scultura di Carlo Bacci a Tellaro

A Tellaro , uno dei borghi più belli d’Italia che si trova in Liguria nel Golfo dei Poeti, è stata ripristinata la discesa a mare da via Pelosini verso il “GRO”. Il GRO è il nome del grande scoglio che si trova proprio davanti a Tellaro, una discesa a mare molto suggestiva. Nella riqualificazione di questa discesa a mare è stata inserita la nuova scultura dell’artista locale Carlo Bacci che verrà inaugurata ufficialmente sabato 24 Aprile 2021. L’opera ne celebra il nome e riprende la spirale del tentacolo del polpo, simbolo grafico di Tellaro. GRO di Carlo Bacci Queste le parole dell’artista Carlo Bacci: " Felice ed onorato di essere stato chiamato in causa per il nostro GRO.  Il GRO è uno scoglio che è stato palestra di vita e di nuoto per chi come me è nato e cresciuto a Tellaro.  Non ho avuto nessun dubbio su come realizzare questo intervento, solo nome e cognome di questo luogo, che ci portiamo dentro: GRO un suono che ne racchiude la sua l'immagine compatta.  Il suo colo