Passa ai contenuti principali

Ad Arte, per l'Arte : Roberto Giudici, una vita dedicata alla stampa d'autore.

Verrà inaugurata venerdì 20 marzo, alle ore 17.00, l'ampia rassegna espositiva che il Comune di Varese ha deciso di dedicare a Roberto Giudici, eccellente stampatore d'arte varesino che in trentacinque anni di attività ha realizzato grafiche d'autore per conto dei più noti artisti contemporanei del panorama italiano e non solo.

Il suo laboratorio di Biumo Superiore è un luminoso esempio di quell'artigianato artistico che per i tempi moderni è ormai una rarità; il mestiere che Roberto Giudici porta avanti con entusiasmo e dedizione richiede anni di studio e di esperienza, competenze tecniche e doti umane come la pazienza e la perseveranza, nonché la capacità di interpretare il pensiero dell'artista e di tradurlo con la massima fedeltà. Nel rispetto della tradizione artigianale della grafica d'autore,
lo stampatore esegue più copie dall'originale insieme ed in collaborazione con l'autore, utilizzando esclusivamente procedure manuali attraverso tecniche antiche quali l'acquaforte, la litografia, la xilografia, la serigrafia e l'acquatinta.

La mostra intende rendere noto e valorizzare il percorso artistico di un professionista che ha sempre preferito rimanere dietro le quinte pur svolgendo un ruolo fondamentale nella creazione delle opere che hanno preso vita grazie al suo talento e al suo torchio. Nelle sale del Castello di Masnago saranno esposte stampe di autori del calibro di Adami, Alviani, Baj, Bodini, Bonalumi, Cassinari, Del Pezzo, Dova, Hsiao Chin e Guttuso, per il quale ha realizzato l'ultima opera (una acquaforte/acquatinta) firmata poco prima della scomparsa.

Per i visitatori più curiosi e per le scuole l'esposizione sarà corredata di una sezione didattica, dotata di un torchio e del materiale per la stampa, che consentirà a chi ne farà richiesta di cimentarsi con una tecnica ormai poco conosciuta ma capace di mantenere intatto nel tempo il proprio fascino e la propria delicata raffinatezza.

SARANNO ESPOSTE OPERE ESEGUITE DA ROBERTO GIUDICI PER CONTO DI ARTISTI VARI, TRA CUI:
Valerio Adami, Getulio Alviani, Nag Arnoldi, Enrico Baj, Emilia Banchini, Matteo Basilè, Davide Benati, Lucio Bernardi, Floriano Bodini, Agostino Bonalumi, Tommaso Cascella, Bruno Cassinari, Piero Cicoli, Emilio Corti, Walter Cremonini, Lucio Del Pezzo, Gianni Dova, Franco Fanelli, Sergio Floriani, Vittore Frattini, Norberto Gregorutti, Renato Guttuso, Nagasawa Hidetoshi, Hsiao Chin, Emilio Isgro', Luca Lischetti, Giuseppe Maraniello, Silvana Martignoni, Giorgio Michetti, Luciano Minguzzi, Augusto Murer, Ester Negretti, Gaston Orellana, Bernardo Pasotti, Renzo Piano, Erminio Poretti, Angela Reggiori, Loris Ribolzi, Roberto Sanesi, Medhat Shafik, Luigi Spacal, Mauro Staccioli, Antonio Teruzzi, Ernesto Treccani. 


ROBERTO GIUDICI
Nato a Varese nel 1955, dopo il diploma al liceo artistico “A. Frattini” frequenta l'Istituto Europeo di Design a Milano, nella Scuola per Art Director. 
Qui arricchisce ed approfondisce le tecniche di impostazione grafica che saranno fondamentali nello sviluppo della sua attività. Nel 1977 inizia a lavorare nella “Lithobottega” di Piersantini dove si impratichisce nelle tecniche della litografia e dell'acquaforte.

Nel 1980 Roberto Giudici diventa indipendente, esercita la libera professione di stampatore d'arte prima nello studio di Giubiano e in seguito, dal 1996, a Biumo Superiore.
In oltre trent'anni di attività ha lavorato per conto dei più noti artisti del panorama nazionale e per prestigiose case editrici di libri d'arte come, ad esempio, le Edizioni Colophon di Egidio Fiorin a cui è legato da un rapporto di lungo corso.

“AD ARTE, PER L'ARTE. Roberto Giudici, una vita dedicata alla stampa d'autore”
Mostra organizzata dal Comune di Varese in collaborazione col Settore Arti Visive del Comitato Culturale JRC di Ispra

A cura di Emanuela Rindi

INAUGURAZIONE (ad ingresso libero): VENERDI 20 MARZO, ORE 17.00
Interverrà il Prof. Sandro Parmeggiani
Dal 20 marzo al 10 maggio 2015
Castello di Masnago, Museo d'arte moderna e contemporanea
Via Cola di Rienzo 42, Varese
Orari: da martedì a domenica 9.30 - 12.30 | 14.00 – 18.00
Ingresso: intero € 4, ridotto € 2, scuole € 1

Post popolari in questo blog

Mein Name ist Giulia

Giunta alla seconda esposizione personale a Berlino, con la nuova ricerca Mein Name ist Giulia / Il mio nome è Giulia l’artista toscana Giulia Efisi segna una nuova tappa nella sua esplorazione visiva del concetto di identità e dei passaggi, temi centrali del suo percorso espressivo. 
Dall’iniziale ricerca sul proprio corpo, l’artista si è dedicata alla riscoperta del suo universo privato fatto di persone e oggetti della memoria, fino ad approdare negli ultimi anni alla ricerca sull’identità dell’altro con i suoi Ritratti/Portraits di persone comuni e famose ritratte per il particolare legame che la unisce a esse.
Nelle venti opere esposte alla galleria The Ballery, la Efisi affronta uno scenario nuovo, la metropoli, in cui dà luogo alla sua prima performance artistica. Un mondo privo di àncore, eccetto quella rappresentata da una panchina sulla quale si è seduta e ha cominciato a urlare il proprio nome, sperimentando le reazioni dei passanti. I loro sguardi bassi, il progressivo dist…

Un Respiro a Palazzo Pirelli

L’incontro dei tre artisti - Domenico D'Aria, Marcello Leone, Daniela Nenciulescu - riuniti nella mostra 'Respiro' ci fa riflettere sulla gioia del vivere, sulla semplicità del movimento naturale rappresentato dal respiro, un fiato leggero e sussurrato. Tale respiro che civiene proposto trasforma noi spettatori che ci perdiamo nella nostra quotidianità.
La mostra che è a cura di Anna Comino verrà inaugurata martedì 2 maggio alle 18.30 e potrà essere visitata dal lunedì al venerdì, dalle ore 13 alle ore 19
Respiro PALAZZO PIRELLI - SPAZIO EVENTI Milano - dal 2 al 30 maggio 2017 Via Fabio Filzi 22 (20124) eventi@regione.lombardia.it www.regione.lombardia.it





L’astrattismo inverso di Fulvio Bresciani

Il persiano Al-khwarizmni fu il primo a teorizzare l’algoritmo, il procedimento che risolve un determinato “problema” attraverso un certo numero finito di passi elementari, un concetto fondamentale dell'informatica che può essere eseguito da un calcolatore. Fulvio Bresciani, laureato in ingegneria nucleare, ha applicato l'algoritmo nei suoi dipinti creando una nuova corrente pittorica che lui ha definito “Astrattismo-Inverso”.
In pratica l'artista crea al computer un algoritmo che muove in modo casuale riempiendo lo schermo di una fitta rete di linee e dopo aver calcolato gli interspazi con il computer trasporta questa immagine sulla tela con i colori acrilici. 
Perché “Astrattismo Inverso”? Perché mentre gli astrattisti, negando sempre di più la realtà, sono giunti a realizzare forme non concrete, Fulvio Bresciani partendo da forme astratte e utilizzando la sua fervida fantasia ricostruisce la forma e l'ordine delle cose.
Fulvio Bresciani - L’astrattismo inverso
GALLER…