Passa ai contenuti principali

Leonora Carrington. Un viaggio nel Novecento. Dal sogno surrealista alla magia del Messico

Un libro per raccontare la vita e le opere di Leonora Carrington (1917-2011), artista visionaria ed eclettica protagonista della storia dell'Arte del Novecento. Unica donna del gruppo surrealista capace di tenere testa a Breton, ha incarnato i due archetipi del femminile: femme enfant e femme sorcière. 

Considerata una delle più grandi artiste surrealiste, la sua produzione è straordinariamente vasta e spazia dalla pittura alla scultura, dalla letteratura alle arti applicate, fino alla scenografia e al teatro. Dopo la tormentata storia d’amore con Max Ernst, la follia e la fuga dal manicomio, l’artista d’origine inglese si stabilisce prima a New York, dove frequenta la galleria Arts of this Century diretta da Peggy Guggenheim, e poi in Messico. 

La cultura messicana alimenta la sua creatività stimolando la creazione di un universo iconografico e letterario popolato da figure mitologiche e fantastiche, nel quale si mischiano, in creazioni originali e raffinatissime, la profonda conoscenza del Rinascimento italiano, le forme simboliche del surrealismo e gli studi sull’esoterismo e l’alchimia. 

 Leonora Carrington, Senza titolo
(pour Jahoe et Jean Francois),
olio su masonite, 30 x 72.3 cm,
collezione privata, México, 1952, particolare.
Il libro è frutto di dieci anni di ricerca tra Europa, Stati Uniti e Latino America, della storica dell’arte Giulia Ingarao (1978), specialista d’arte messicana e docente di storia dell’arte presso l’Accademia di Belle Arti di Palermo. Un'occasione unica per scoprire la vita appassionante dell'artista, ricca di aneddoti biografici: l'incontro a Parigi con Picasso, l’amicizia con Leonor Fini, Remedios Varo, Kati Horna, Edward James, Luis Buñuel, Alejandro Jodorowsky, Octazio Paz; ma anche il matrimonio con il fotografo ebreo-ungherese Chiki Waisz, i viaggi nella foresta tropicale e nei villaggi indigeni e molti altri frammenti inediti. 

Mercoledì 25 marzo 2015 ore 19:00 PAC Milano

introduce: Diego Sileo, Conservatore PAC 
intervengono: Eva Di Stefano, Storica dell'arte contemporanea, Università di Palermo 
Mercedes Auteri, Museologa e Indipendent researcher 
Giulia Ingarao, Storica dell'arte, Accademia di Belle Arti di Palermo 


Post popolari in questo blog

Mein Name ist Giulia

Giunta alla seconda esposizione personale a Berlino, con la nuova ricerca Mein Name ist Giulia / Il mio nome è Giulia l’artista toscana Giulia Efisi segna una nuova tappa nella sua esplorazione visiva del concetto di identità e dei passaggi, temi centrali del suo percorso espressivo. 
Dall’iniziale ricerca sul proprio corpo, l’artista si è dedicata alla riscoperta del suo universo privato fatto di persone e oggetti della memoria, fino ad approdare negli ultimi anni alla ricerca sull’identità dell’altro con i suoi Ritratti/Portraits di persone comuni e famose ritratte per il particolare legame che la unisce a esse.
Nelle venti opere esposte alla galleria The Ballery, la Efisi affronta uno scenario nuovo, la metropoli, in cui dà luogo alla sua prima performance artistica. Un mondo privo di àncore, eccetto quella rappresentata da una panchina sulla quale si è seduta e ha cominciato a urlare il proprio nome, sperimentando le reazioni dei passanti. I loro sguardi bassi, il progressivo dist…

Un Respiro a Palazzo Pirelli

L’incontro dei tre artisti - Domenico D'Aria, Marcello Leone, Daniela Nenciulescu - riuniti nella mostra 'Respiro' ci fa riflettere sulla gioia del vivere, sulla semplicità del movimento naturale rappresentato dal respiro, un fiato leggero e sussurrato. Tale respiro che civiene proposto trasforma noi spettatori che ci perdiamo nella nostra quotidianità.
La mostra che è a cura di Anna Comino verrà inaugurata martedì 2 maggio alle 18.30 e potrà essere visitata dal lunedì al venerdì, dalle ore 13 alle ore 19
Respiro PALAZZO PIRELLI - SPAZIO EVENTI Milano - dal 2 al 30 maggio 2017 Via Fabio Filzi 22 (20124) eventi@regione.lombardia.it www.regione.lombardia.it





L’astrattismo inverso di Fulvio Bresciani

Il persiano Al-khwarizmni fu il primo a teorizzare l’algoritmo, il procedimento che risolve un determinato “problema” attraverso un certo numero finito di passi elementari, un concetto fondamentale dell'informatica che può essere eseguito da un calcolatore. Fulvio Bresciani, laureato in ingegneria nucleare, ha applicato l'algoritmo nei suoi dipinti creando una nuova corrente pittorica che lui ha definito “Astrattismo-Inverso”.
In pratica l'artista crea al computer un algoritmo che muove in modo casuale riempiendo lo schermo di una fitta rete di linee e dopo aver calcolato gli interspazi con il computer trasporta questa immagine sulla tela con i colori acrilici. 
Perché “Astrattismo Inverso”? Perché mentre gli astrattisti, negando sempre di più la realtà, sono giunti a realizzare forme non concrete, Fulvio Bresciani partendo da forme astratte e utilizzando la sua fervida fantasia ricostruisce la forma e l'ordine delle cose.
Fulvio Bresciani - L’astrattismo inverso
GALLER…