Passa ai contenuti principali

Daniela Lombardi intervista l'artista pratese Beatrice Gallori

La giovane artista pratese Beatrice Gallori è stata selezionata per partecipare alla 56 Edizione della Biennale di Venezia,  Padiglione Costa RIca, il Padiglione della Pace. La giornalista Daniela Lombardi l'ha intervistata. Leggiamo.

Cosa significa per lei?
Sicuramente la realizzazione di un sogno. Inoltre è una grandissima possibilità per far conoscere il mio lavoro a livello internazionale. E’ un nuovo punto di partenza, un forte imput per poter continuare al top la mia ricerca.

Come si definirebbe, come artista?
La parola artista racchiude un mondo talmente vasto di idee e creatività che non necessita di altre definizioni. Sono un’artista, punto!

Qual è il suo messaggio?
La mia ricerca artistica si basa sullo studio del movimento. Ricreo sulle opere un time lapse di un movimento, tendenzialmente di cellule vitali, fermandolo nel suo divenire. Le mie opere indagano la vita ed i suoi infiniti cambiamenti. 

La sua biografia in poche righe
Beatrice Gallori, nasce nel 1978 a Montevarchi (AR). Trasferitasi a Prato consegue nel 1996 Diploma di Maturità Classica. Frequenta poi fashion Design e Maglieria al Polimoda (Fi). Il suo lavoro è monocromatico e volumetrico. La sua ricerca è incentrata sullo studio del MOVIMENTO che ricrea sia su tela che in scultura .Dal 2012 lavora con la galleria Armanda Gori Arte, Prato-Pietrasanta .Le sue opere sono presenti in varie collezioni pubbliche e private italiane ed internazionali.

Come nasce un’idea? Cosa è per lei l’ispirazione?
Per quanto mi riguarda, l’idea arriva all’improvviso nei momenti più disparati, poi si definisce pienamente dentro di me ed infine arriva sulle opere. L’ispirazione è tutto ciò che mi circonda, dall’ambiente circostante alle emozioni che provo.

Che cosa è l’arte?
E’ la sublimazione di un messaggio, di un modus operandi che attraverso l’artista trova la sua espressione finale nell’opera d’arte. 

In che circostanze le vengono le migliori idee?
Quando meno me l’aspetto, in ogni momento, colpiscono e poi rimangono dentro.

Esiste la prova del nove per capire se un’idea è buona o no?
Quando le opere suscitano emozioni nello spettatore.

Tre idee creative che le piacerebbe fossero venute a lei
I tagli di Fontana
L’estroflessioni di Bonalumi
Le architetture di Kapoor

Quando e come ha iniziato a vedersi come Artista?
Da sempre.

Perché tanti artisti hanno personalità complesse?
La complessità è una prerogativa dell’essere artista. Penso dipenda dal continuo movimento d’idee che l’artista vive dentro, dalla ricerca spasmodica, dal suo sentire le vibrazioni in maniera diversa rispetto alle altre persone. 

Si considera post-moderno?
Mi considero contemporaneo. Vivo e lavoro filtrando tutto ciò che mi circonda in questo preciso momento.

Come si deve valutare un’opera artistica?
Dal mio punto di vista un’opera va valuta per le emozioni che trasmette, per la sua “bellezza”, per tutto ciò che ci dice. Ritengo che siano le opere a scegliere noi e non viceversa.

L’artista deve reinventarsi ogni giorno?
L’artista inventa ogni giorno ma non deve reinventarsi, deve portare avanti la sua ricerca cercando nuovi modi d’espressione e d’esecuzione della stessa.

Quali artisti ammira e in che modo hanno influenzato le sue opere?
Sicuramente i grandi meastri monocromi, in primis, Bonalumi e indubbiamente Kapoor.

Qual è la sua opinione sulle sovvenzioni pubbliche dell’arte?
Sarebbe interessante che le istituzioni dialogassero per cercare di divulgare maggiormente l’arte sul territorio italiano.

L'arte autentica è l'arte necessaria?
Tutta l’arte è necessaria.

Che ruolo hanno giocato nella sua traiettoria le figure del marciante, rappresentante, gallerista, e intermediari in generale?
Sicuramente un ruolo fondamentale. Senza tutte queste figure, l’artista non cresce e non viene conosciuto dal mercato.

Le dispiace doversi staccare da un pezzo che ha venduto?
Il primo distacco dall’opera lo vivo nel momento in cui finisco l’opera, arriva un vuoto. Quelle emozioni che ho provato nel creare non ci sono più…rimango in attesa di provarne altre, nuove e diverse.

Si compra l'opera, o si compra piuttosto l'artista?
L’opera.

Le sembra giusto che gran parte delle opere che i musei d'arte contemporanea esibiscono sono d'artisti  che non sono più fra noi?
Mi piacerebbe che ci fosse più apertura verso il contemporaneo e verso gli artisti emergenti.

Che consiglierebbe a quelli che iniziano?
Tanta umiltà, coraggio nel portare avanti ciò in cui l’artista crede e tanta voglia di lavorare, di cercare, di non abbattersi ma di fare tesoro delle critiche negative che aiutano a far maturare il proprio lavoro.


Daniela lombardi press office 339-4590927 0574-32853

Post popolari in questo blog

Tadao Cern, Okiiko & Blood Concept nel nuovo spazio CONTEMPORARY CLUSTER #05

Apre il 25 novembre 2017, alle ore 19.00, la stagione di Contemporary Cluster nella nuova sede romana di  Palazzo Cavallerini Lazzaroni, in Via dei Barbieri al civico sette.
Contemporary Cluster #05 proporrà l'arte visiva di Tadao Cern , il design di  Okiiko e le fragranze di Blood Concept per un'esperienza percettiva corale e unica.
In occasione della mostra verrà inoltre presentato il magazine Flewid, creato da Emi Marchionni, con Angelo Cricchi in qualità di Creative Director e Cecile De Montparnasse come Art Director, distribuito in Italia e all'estero dalla Pineapple Media Limited.
Sebastien Bromberger accompagnerà tutta la serata con una accurata selezione musicale. Per l'apertura del nuovo spazio di Via dei Barbieri, Contemporary Cluster presenta per la prima volta al pubblico italiano la personale di Tadao Cern (Vilnius, 1983), giovane artista lituano con all'attivo numerose mostre personali e partecipazioni a collettive in Europa e negli Stati Uniti: tra le al…

La notte di Caracalla

(ANSA) - ROMA, 17 AGO - Si apre dal 18 agosto uno dei percorsi notturni tra i più suggestivi dell'antica Roma, realizzato dalla soprintendenza speciale di Roma con Electa: fino al 3 ottobre ogni martedì e venerdì sera le Terme di Caracalla saranno accessibili al chiaro di luna con visite guidate.
Gruppi di massimo 25 partecipanti potranno ammirare le monumentali vestigia illuminate nella notte e scendere nei sotterranei. Compreso nella visita il mitreo di Caracalla, il più grande tra quelli rimasti a Roma e perfettamente conservato.
Le visite, della durata di 75 minuti, inizieranno alle 19.30, con l'ultima partenza alle 21.00, e avverranno grazie a una spettacolare illuminazione del monumento a cura di Acea. Nelle giornate lunghe di agosto e dell'inizio di settembre per i primi turni di visita si potranno ammirare le Terme costruite dagli imperatori Severi nella luce dorata del tramonto.
Le visite, guidate da archeologi e storici dell'arte, inizieranno dall'area c…

Olio d’Artista a Palazzo Tupputi

La città di Bisceglie, nella persona del Sindaco Avv. Vittorio Fata, ha il piacere di ospitare da giovedì 21 dicembre 2017 la prestigiosa mostra d’Arte Contemporanea “Olio d’Artista”.
La mostra, nata da un’idea dell’artista Francesco Sannicandro, e si pone come una singolare riflessione del mondo dell’arte verso uno dei prodotti tipici della nostra terra, la produzione dell’olio, e della laboriosità e grande capacità di esaltare, valorizzare e tornare a mettere in primo piano una delle produzioni agricole più importanti per la città di Bisceglie e di tutta la regione Puglia.
L’esposizione è concepita per essere sviluppata come un work-in-progress itinerante, sempre in corso d’opera, modulando gli allestimenti delle singole opere sempre in luoghi storici suggestivi, con sempre nuovi artisti, riuniti in questo ambizioso progetto, senza categorie estetiche o definizioni generazionali.
Il progetto espositivo “Olio d’Artista” prevede una rilettura e riuso del tradizionale contenitore dell’oli…