Passa ai contenuti principali

Pablo Picasso. Inside Guernica


La mostra Pablo Picasso. Inside Guernica nasce con l’intento di ripercorrere la vicenda di una delle opere più celebri e significative in assoluto della storia dell’arte del XX secolo, alla ricerca del suo valore simbolico e della sua forza espressiva, che l’hanno resa un’icona universale della condanna della guerra.

Quando Picasso (Málaga 1881 – Mougins 1973) riceve nel gennaio del 1937 dal governo repubblicano spagnolo l’incarico di realizzare un’opera monumentale da collocare nel padiglione spagnolo per l’Esposizione Internazionale di Parigi, rimane per lungo tempo incerto sul soggetto da rappresentare. La svolta creativa si ha il 26 aprile dello stesso anno, quando l'artista apprende dai quotidiani la notizia del bombardamento di Guernica. Da quel momento si dedica con fervida passione alla realizzazione di un murale pittorico imponente intitolato proprio alla cittadina basca.

L’opera, una tela immensa, di ben 7 metri e 76 centimetri di base per 3 metri e 49 di altezza, esprime con forza la tragedia della guerra: un groviglio di forme e di personaggi, resi attraverso un’austera gamma di grigi. Picasso realizza la tela in sei settimane catturando l’assoluta drammaticità dell’episodio e focalizzando la sua attenzione nell’urlo disperato di un’umanità innocente. Subito dopo l’Esposizione parigina, il dipinto, insieme ai disegni preparatori, venne prestato per un grande tour a beneficio della Spagna repubblicana, passando per l’Inghilterra, fino alla Norvegia e giungendo poi negli Stati Uniti, al Museum of Modern Art di New York (MoMA), dove fu esposto nel 1939 in una grande retrospettiva dell’artista curata da Alfred Barr. Nel rispetto della volontà di Picasso, l’opera e i disegni preparatori, di proprietà dello stato iberico, fecero rientro in Spagna solo nel 1981, anno in cui il Paese ritrovò la libertà democratica, e vennero esposti dapprima al Museo Nacional del Prado e poi al Museo Nacional Centro de Arte Reina Sofía di Madrid, dove si trovano ancora oggi.


Pablo Picasso - Inside Guernica

PALAZZO COMUNALE
Trinità D'Agultu E Vignola
Via Sassari 27 (07038)
+39 0796109990
dal 25 luglio al 13 settembre 2015

Post popolari in questo blog

Mein Name ist Giulia

Giunta alla seconda esposizione personale a Berlino, con la nuova ricerca Mein Name ist Giulia / Il mio nome è Giulia l’artista toscana Giulia Efisi segna una nuova tappa nella sua esplorazione visiva del concetto di identità e dei passaggi, temi centrali del suo percorso espressivo. 
Dall’iniziale ricerca sul proprio corpo, l’artista si è dedicata alla riscoperta del suo universo privato fatto di persone e oggetti della memoria, fino ad approdare negli ultimi anni alla ricerca sull’identità dell’altro con i suoi Ritratti/Portraits di persone comuni e famose ritratte per il particolare legame che la unisce a esse.
Nelle venti opere esposte alla galleria The Ballery, la Efisi affronta uno scenario nuovo, la metropoli, in cui dà luogo alla sua prima performance artistica. Un mondo privo di àncore, eccetto quella rappresentata da una panchina sulla quale si è seduta e ha cominciato a urlare il proprio nome, sperimentando le reazioni dei passanti. I loro sguardi bassi, il progressivo dist…

Un Respiro a Palazzo Pirelli

L’incontro dei tre artisti - Domenico D'Aria, Marcello Leone, Daniela Nenciulescu - riuniti nella mostra 'Respiro' ci fa riflettere sulla gioia del vivere, sulla semplicità del movimento naturale rappresentato dal respiro, un fiato leggero e sussurrato. Tale respiro che civiene proposto trasforma noi spettatori che ci perdiamo nella nostra quotidianità.
La mostra che è a cura di Anna Comino verrà inaugurata martedì 2 maggio alle 18.30 e potrà essere visitata dal lunedì al venerdì, dalle ore 13 alle ore 19
Respiro PALAZZO PIRELLI - SPAZIO EVENTI Milano - dal 2 al 30 maggio 2017 Via Fabio Filzi 22 (20124) eventi@regione.lombardia.it www.regione.lombardia.it





L’astrattismo inverso di Fulvio Bresciani

Il persiano Al-khwarizmni fu il primo a teorizzare l’algoritmo, il procedimento che risolve un determinato “problema” attraverso un certo numero finito di passi elementari, un concetto fondamentale dell'informatica che può essere eseguito da un calcolatore. Fulvio Bresciani, laureato in ingegneria nucleare, ha applicato l'algoritmo nei suoi dipinti creando una nuova corrente pittorica che lui ha definito “Astrattismo-Inverso”.
In pratica l'artista crea al computer un algoritmo che muove in modo casuale riempiendo lo schermo di una fitta rete di linee e dopo aver calcolato gli interspazi con il computer trasporta questa immagine sulla tela con i colori acrilici. 
Perché “Astrattismo Inverso”? Perché mentre gli astrattisti, negando sempre di più la realtà, sono giunti a realizzare forme non concrete, Fulvio Bresciani partendo da forme astratte e utilizzando la sua fervida fantasia ricostruisce la forma e l'ordine delle cose.
Fulvio Bresciani - L’astrattismo inverso
GALLER…